Frutta e verdura: legate alla protezione cardiovascolare e alla salute mondiale

Frutta e verdura fresche: contro i disturbi iniziali della memoria

Frutta e verdura sono buone fonti di fibre, potassio, magnesio, antiossidanti e fenolici, che hanno dimostrato di ridurre la pressione sanguigna e il colesterolo. Anche frutta e verdura fresche migliorano la salute e la diversità dei batteri buoni nell’intestino. Le persone che mangiano più di questi alimenti hanno anche una minore probabilità di essere sovrappeso o obesi, riducendo il rischio di malattie cardiovascolari. I risultati preliminari di un nuovo studio rivelano che un consumo inadeguato di frutta e verdura può rappresentare milioni di morti per malattie cardiache e ictus ogni anno. Lo studio ha stimato che circa 1 decesso cardiovascolare su 7 potrebbe essere attribuito a non mangiare abbastanza frutta e 1 su 12 morti cardiovascolari potrebbe essere attribuito a non mangiare abbastanza verdure. I risultati della ricerca sono stati appena presentati in un poster di Nutrition 2019, l’incontro annuale della American Society for Nutrition, in corso questo 8-11 giugno a Baltimora, nel Maryland. Secondo i ricercatori, il basso consumo di frutta ha provocato circa 1,8 milioni di morti cardiovascolari nel 2010, mentre un basso consumo di verdure ha causato 1 milione di morti. Complessivamente, il consumo sub-ottimale di frutta è stato quasi il doppio di quello delle verdure.

Gli impatti erano più acuti nei paesi con il più basso consumo medio di frutta e verdura. Sulla base di linee guida dietetiche e studi sui fattori di rischio cardiovascolare, i ricercatori hanno definito l’assunzione ottimale di frutta come 300 grammi al giorno, equivalenti a circa due piccole mele. L’assunzione ottimale di verdure, compresi i legumi, è stata definita come 400 grammi al giorno, equivalente a circa tre tazze di carote crude. I ricercatori hanno stimato l’assunzione media nazionale di frutta e verdura da indagini sulla dieta e dati sulla disponibilità alimentare in 113 paesi (circa l’82% della popolazione mondiale), quindi hanno combinato queste informazioni con i dati sulle cause di morte in ogni paese e i dati sul rischio cardiovascolare associato con un consumo inadeguato di frutta e verdura. Il lavoro fa parte del progetto Global Dietary Database finanziato dalla Bill & Melinda Gates Foundation. Sulla base dei dati del 2010, gli scienziati hanno stimato che il consumo di frutta subottimale si traduce in circa 1,3 milioni di morti per ictus e oltre 520.000 morti per malattia coronarica in tutto il mondo ogni anno.

Si stima che il consumo vegetale subottimale causi circa 200.000 morti per ictus e più di 800.000 decessi per malattia coronarica. L’impatto dell’insufficiente consumo di frutta e verdura è stato maggiore nei paesi con il più basso consumo di frutta e verdura. I paesi dell’Asia meridionale, dell’Asia orientale e dell’Africa subsahariana avevano un basso apporto di frutta e alti tassi di decessi associati a ictus. I paesi dell’Asia centrale e dell’Australia avevano un basso apporto di verdure e alti tassi di cardiopatia coronarica associata. Negli Stati Uniti, l’assunzione di verdure subottimale può causare 82.000 morti cardiovascolari, mentre l’assunzione di frutta subottimale ha causato 57.000 morti. Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte negli Stati Uniti e nel mondo. Per gruppo di età, l’assunzione di frutta e verdura subottimale ha avuto il maggiore impatto percepito proporzionale sulle morti per malattie cardiovascolari tra i giovani adulti. Per sesso, l’assunzione di frutta e verdura subottimale ha avuto il maggior impatto proporzionale sulle morti per malattie cardiovascolari negli uomini, probabilmente perché le donne tendono a mangiare più frutta e verdura.

L’autrice principale dello studio Victoria Miller, dottoranda presso la Friedman School of Nutrition Science and Policy della Tufts University e il suo capo di laboratorio Dr. Dariush Mozaffarian, Preside della School of Nutrition Science, ha spiegato: “Le priorità di nutrizione globale si sono tradizionalmente concentrate nel fornire calorie, integrazione vitaminica e riduzione di additivi come sale e zucchero. È necessario espandere l’attenzione per aumentare la disponibilità e il consumo di alimenti protettivi come frutta, verdura e legumi, un messaggio positivo con un enorme potenziale per migliorare la salute globale. Frutta e verdura sono una componente modificabile della dieta, che può avere un impatto negativo sui decessi prevenibili a livello globale. I nostri risultati indicano la necessità di sforzi basati sulla popolazione per aumentare il consumo di frutta e verdura in tutto il mondo”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Mo X et al., Mori R. BMC Public Health. 2019 Jun 7; 19(1):707.

Kondo K et al. Ueshima H. Circ J. 2019 May; 83(6):1254-1260. 

Yoshizaki T et al. JPHC Study Group. J Epidemiol. 2019 Jan 12.

Zhan J et al. Crit Rev Food Sci Nutr. 2017 May; 57(8):1650-1663.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1569 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

Commenta per primo