Iperplasia prostatica: il rimodellamento del tessuto è legato all’età

Per gli uomini anziani, l’allargamento della prostata è comune quasi quanto i capelli grigi, eppure gli scienziati sanno molto poco sul perché la prostata aumenta di dimensioni o su come il processo si verifica a livello molecolare. Diverse teorie sono state messe al vaglio, dalla iper-produzione di estrogeni o di androgeni, alla carenza di micronutrienti (es. Zinco o acidi grassi omega-3), fino più tardi a fenomeni di insulino-resistenza legati al sovrappeso o all’obesità franca. L’uretra scorre direttamente attraverso la prostata, una ghiandola nel sistema riproduttivo maschile. E mentre una prostata più grande non è in genere pericolosa per la vita in sé, può causare sintomi correlati alle vie urinarie che vanno dal lieve al grave. Quando la prostata si allarga, comprime l’uretra, causando problemi come l’incontinenza o l’urgenza urinaria. Nei casi più gravi, può anche portare a insufficienza renale acuta per lo stallo in retrogrado delle urine. I trattamenti odierni (per lo più composti da integratori alimentari vegetali e simili) funzionano in misura limitata, ma non risolvono completamente i problemi. In un nuovo studio, gli scienziati della Scuola di Medicina dell’Università di Stanford hanno scoperto un modello molecolare che segnala l’allargamento della prostata e hanno persino identificato due geni che probabilmente svolgono un ruolo nello sviluppo della condizione.

Il nuovo studio è uno dei primi a descrivere un paesaggio molecolare che differenzia il tessuto prostatico ingrandito dal tessuto normale. Il team di scienziati ha anche scoperto che la crescita cellulare dietro una prostata mongolfiera non è uniforme. Diversi tipi di cellule comprendono la prostata e la crescita anomala sembra provenire da un’esplosione di specifici gruppi di cellule, piuttosto che un aumento complessivo di tutti i tipi di cellule. Il nuovo studio è uno dei primi a descrivere un paesaggio molecolare che differenzia il tessuto prostatico ingrandito dal tessuto normale. Il team di scienziati ha anche scoperto che la crescita cellulare dietro una prostata mongolfiera non è uniforme. Diversi tipi di cellule comprendono la prostata e la crescita anomala sembra provenire da un’esplosione di specifici gruppi di cellule, piuttosto che un aumento complessivo di tutti i tipi di cellule. Un documento che descrive lo studio è disponibile online ora e sarà incluso nel numero di giugno di JCI Insight. James Brooks, professore di urologia e professori di patologia Jonathan Pollack, MD, PhD e Robert West, MD, PhD, condividono la paternità. L’ex studente di dottorato di ricerca Lance Middleton è l’autore principale.

Nessuna altra ghiandola nel corpo umano, maschio o femmina, si espande così prevedibilmente con l’età. Il cinquanta per cento degli uomini che hanno 50 anni hanno una prostata ingrossata e ogni dieci anni questo numero aumenta del 10% (60% degli uomini che sono 60, 70% degli uomini che sono 70 e così via). Una prostata normale ha le dimensioni di una noce, ma può raggiungere il doppio di quella, a volte di più. I ricercatori hanno ricercato mutazioni o fattori di crescita che potrebbero innescare la crescita della prostata, ma non ci sono stati molti progressi nel trovare una vera causa. Brooks, Pollack e West hanno adottato un approccio multiprofilo alla ricerca della risposta, analizzando 49 campioni di tessuto prelevati da pazienti a cui è stata rimossa la prostata. La cosa strana dell’ingrossamento della prostata, secondo Brooks, è che l’intera prostata non cresce all’unisono; solo alcune parti di esso si espandono. Alcune aree della prostata in realtà rimangono invariate. L’analisi genomica ha mostrato che la maggior parte delle aree allargate delle prostate consisteva principalmente in due tipi di cellule: epiteliali, che formano ghiandole secretorie e fibroblasti stromali, che creano parti strutturali della prostata.

Non è normale e ha indotto i ricercatori a comprendere meglio la crescita della prostata: solo alcuni tipi di cellule si moltiplicano in una prostata ingrossata, subentrando – e talvolta eliminando – altri tipi di cellule, come le erbacce in un orto. Quindi non è solo un aumento delle cellule; è un cambiamento fondamentale nel tipo di cellule che compongono la prostata. È qualcosa che i ricercatori chiamavano “rifacimento cellulare” (re-landscaping). Gli autori pensano che sia possibile che questo cambiamento sia in realtà correlato alla progressione della malattia, e non solo arbitrario. Si ritiene che uno dei tipi di cellule di sovraccarico sia coinvolto nella regolazione della crescita e dello sviluppo delle cellule epiteliali. Oltre il tipo di cellula, i ricercatori hanno analizzato lo stato molecolare dei tessuti normali e ingranditi della prostata, osservando i dati che hanno mostrato quali geni erano attivi nei campioni di prostata ingranditi e che erano attivi in ​​campioni normali. Confrontando l’attività dei geni, hanno trovato 65 geni i cui modelli di espressione erano fortemente correlati all’allargamento della prostata. In altre parole, i campioni di tessuto delle prostate ingrossate mostravano in modo attendibile questa firma genetica, mentre i campioni sani no. Inoltre, i pazienti con tessuti della prostata fortemente correlati con questa firma genica hanno riportato sintomi più gravi.

Mentre la firma generale è solo la correlazione a questo punto, Brooks e Pollack hanno individuato due geni coinvolti nella segnalazione cellulare che sospettano possano avere un ruolo nello sviluppo della condizione. Uno, CXCL13, codifica per una proteina simile alle citochine (chemochina) coinvolta nel reclutamento delle cellule immunitarie che, secondo gli scienziati, ha senso perché l’allargamento della prostata comporta l’infiammazione. L’altro gene, BMP5, codifica una molecola coinvolta nell’identità e nello sviluppo delle cellule. Mentre gli effetti CXCL13 sono complicati da modellare in laboratorio, è relativamente facile manipolare BMP5. Quindi i ricercatori hanno truccato un esperimento per testare se l’aggiunta di una miscela carica di BMP5 potesse cambiare le caratteristiche del normale tessuto prostatico. Hanno scoperto che campioni di prostata sani potrebbero essere costretti a esprimere la firma del 65esimo gene visto nelle prostate ingrossate. Si è ancora nelle prime fasi della ricerca, hanno detto gli scienziati, e c’è ancora molto lavoro da fare per confermare il ruolo di BMP5 e CXCL13. Ma è un passo promettente verso la ricerca di nuove strade per lo sviluppo di farmaci.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Middleton L et al., Pollack JR. JCI Insight 2019 May 16;5.

Huang SP et al., Huang CH. PLoS One. 2012; 7(7):41219.

Doak SH et al. Cancer Genet Cytogenet. 2007; 176(2):161.

Luo J, Dunn T et al. Prostate. 2002 May 15; 51(3):189-200.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2362 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments