HomeRICERCA & SALUTERene policistico: si sviluppa il primo farmaco che tenta di invertire la...

Rene policistico: si sviluppa il primo farmaco che tenta di invertire la progressione

La malattia renale policistica (ADPKD) è una malattia genetica autosomica dominante, causata da una faglia genetica che interrompe il normale sviluppo delle cellule renali e provoca la formazione di cisti in questi organi. Le cisti, che sono come vesciche piene di liquido, crescono nel tempo e alla fine compromettono il tessuto renale normale, causando il malfunzionamento dei reni. Ciò lascia ai pazienti che necessitano di trattamenti salvavita, come la dialisi o un trapianto di rene. Nelle cellule ADPKD, le cisti si sviluppano e crescono perché esprimono livelli più alti del normale della molecola secondo messaggero AMP ciclico (cAMP). Una delle molte funzioni note di cAMP è quella di dire alle cellule quando dividersi e quando secernere fluidi. Gli scienziati dell’università di Sheffield fanno parte di una collaborazione internazionale per sviluppare una nuova classe di farmaci per il trattamento di questa malattia renale genetica, che è una delle principali cause di insufficienza renale. Lavorando con la società biotech Mironid di Glasgow e altri colleghi americani, i ricercatori di Sheffield hanno condotto test di laboratorio di successo di un composto sviluppato dalla Mironid per il trattamento della ADPKD. C’è da dire che questa malattia progressiva colpisce oltre 60.000 persone nel Regno Unito e circa 12 milioni persone in tutto il mondo. Kidney Research UK ha finanziato il lavoro sulla ADPKD presso l’Università di Sheffield per diversi anni, contribuendo a sviluppare conoscenze vitali sul meccanismo della malattia e sui modi in cui potrebbe essere gestito.

Il nuovo composto scoperto da Mironid attiva un enzima chiamato fosfodiesterasi IV (PDE4), il cui ruolo naturale è quello di abbattere il cAMP. Il potenziale terapeutico di manipolare l’attività della PDE4 è chiaramente dimostrato da inibitori selettivi che agiscono come agenti antinfiammatori e recentemente adottati per uso clinico nel trattamento della psoriasi, dell’artrite psoriasica e della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). I ricercatori di Mironid Ltd. descrivono come i nuovi attivatori di piccole molecole degli enzimi PDE4 agiscano per sopprimere la malattia che guida la segnalazione di cAMP. Utilizzando le linee cellulari ei tessuti dei pazienti derivati ​​dai reni dei pazienti con ADPKD, i ricercatori di Sheffield e negli Stati Uniti hanno confermato che quando il composto Mironid ha attivato PDE4, i livelli di cAMP nelle cellule della malattia sono stati ridotti e il numero e la crescita delle cisti sono stati soppressi. I risultati sono ora pubblicati nella prestigiosa rivista statunitense Proceedings of National Academy of Sciences (PNAS). Inoltre, la natura reversibile del composto significa che l’attività della PDE4 può essere controllata rapidamente e con precisione nei pazienti, in base alla dose decisa dal medico. Ciò suggerisce che un futuro trattamento per la ADPKD potrebbe essere adattato alle esigenze dei singoli pazienti e alla gravità della loro malattia senza gli effetti collaterali osservati con altri approcci. In teoria, il composto potrebbe anche sopprimere la formazione di cisti dovuta all’ADPKD in altri organi a parte il rene, specialmente nel fegato.

Il professor Albert Ong, consulente nefrologo e professore di Nefrologia nale che ha condotto gli esperimenti condotti presso l’Università di Sheffield, ha dichiarato: “Lo sviluppo di farmaci di solito si concentra sulla ricerca di modi per bloccare i processi molecolari e chimici, non accenderli, quindi questo è un raro modo di agire. Come ricercatore, è molto eccitante essere coinvolto nello sviluppo iniziale di una nuova classe di farmaci. È anche molto incoraggiante per me come medico, poiché come la maggior parte delle malattie genetiche, l’ADPKD non può essere curata. Questa scoperta mi dà speranza per i molti pazienti che vedo nelle mie cliniche, che potrebbe esserci un altro nuovo trattamento efficace in futuro per mantenere la malattia sotto controllo per molto più tempo, da sola o in combinazione con altri farmaci come il tolvaptan”. Il Dr. David Henderson, Senior Investigator di Mironid ha aggiunto: “Questa pubblicazione eccitante mette in evidenza la scienza innovativa alla base della nostra tecnologia di attivatore LoAc® PDE4. Queste piccole molecole di prima classe hanno il potenziale per rispondere alle esigenze cliniche insoddisfatte nella malattia renale policistica autosomica dominante, e potenzialmente hanno un’ulteriore utilità in diverse aree terapeutiche in cui la segnalazione cellulare squilibrata guida la progressione della malattia. Guardando al futuro, siamo entusiasti ed entusiasti della nostra continua collaborazione per tradurre questo nuovo approccio in un reale beneficio terapeutico”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Omar F et al., Henderson D. Proc Natl Acad Sci USA 2019 Jun 17. 

van Aerts RMM et al., Drenth JPH. Gastroenterology 2019 Apr 22. 

Zhang M et al., Hao CM. Int J Med Sci. 2019 Jan 1; 16(1):180-188.

Pinto CS et al., Wallace D. J Am Soc Nephrol. 2016; 27(4):1124-34.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI