Anti-aging: la salute controllata in gioventù evita di invecchiare male


Vedere un professionista della salute per uno screening completo della salute – anche quando ci si sente in salute – da circa i 40 anni consente alle persone di apportare modifiche quando i problemi si verificano prima, dicono gli esperti. La ricerca dell’Università di Flinders in Australia su un gruppo di 561 adulti apparentemente sani, ha rilevato una media di cinque problemi di salute non identificati per persona, tra cui la pressione sanguigna non diagnosticata o la perdita dell’udito precoce. I 21 domini di salute hanno testato l’udito, la memoria, la funzione polmonare, la sensazione del piede, l’equilibrio, la dieta e l’attività fisica. Nei 561 adulti apparentemente sani della comunità di età compresa tra i 40 e i 75 anni, il numero medio di problemi di salute era di cinque, indipendentemente dalla decade di vita. I problemi di salute includevano: il 30% delle persone con ipertensione non diagnosticata, il 32% stava vivendo problemi di memoria e cognitività e il 34% con perdita uditiva funzionale non diagnosticata. Mentre i geni e le lesioni alterano le scelte di autogestione di salute, stile di vita e salute sono sotto il nostro controllo, ma solo se sappiamo quali aree della nostra salute stanno diminuendo. Molte questioni possono essere invertite o fermate con l’autogestione e la cura diretta. Lo studio, che include il contributo di esperti in materia di popolazione, salute pubblica e telemedicina, mira a potenziare e incoraggiare le persone a stare bene, rimanere in contatto e ottenere il massimo dalla vita evitando la fragilità e riducendo la domanda di servizi ospedalieri e sanitari. Le persone coinvolte nello screening sanitario hanno ricevuto un rapporto sulla loro salute con le indicazioni per accedere alle informazioni di autogestione per cambiare la loro salute.


L’invecchiamento è la perdita progressiva della funzione dei tessuti e degli organi nel tempo. La teoria dell’invecchiamento dei radicali liberi, successivamente definita come teoria dello stress ossidativo dell’invecchiamento, si basa sull’ipotesi basata sul danno strutturale che le perdite funzionali associate all’età sono dovute all’accumulo di danno ossidativo alle macromolecole (lipidi, DNA e proteine) specie reattive dell’ossigeno e dell’azoto (RONS). L’esatto meccanismo dell’invecchiamento ossidativo indotto dallo stress non è ancora chiaro, ma probabilmente un aumento dei livelli di RONS porta alla senescenza cellulare, un meccanismo fisiologico che ferma la proliferazione cellulare in risposta ai danni che si verificano durante la replicazione. Lo stress ossidativo e la senescenza cellulare sono coinvolti in diversi processi patologici acuti e cronici, come malattie cardiovascolari, malattie renali acute e croniche, malattie neurodegenerative, degenerazione maculare, malattie biliari e tumori. I fattori di rischio cardiovascolare (cioè obesità, diabete, ipertensione e aterosclerosi) sono associati alla via infiammatoria mediata dalle citochine e all’incremento della senescenza cellulare. L’osteoartrosi, la broncopneumopatia cronica ostruttiva e la cirrosi biliare condividono diversi profili di “aging cellulare” e secretori dannosi, con citochine, enzimi e altri mediatori dell’infiammazione. Tutti questi fenomeni non si verificano in tarda età, quando ormai si vedono i segni del tempo sul corpo e le malattie conseguenti, come tutti o quasi sono portati a credere. Il danno biologico si verifica nella fase giovanile adulta, col contributo dello stile di vita e con l’essere assorbiti dagli impegni quotidiani, dall’attività lavorativa e la vita di coppia.

La professoressa Sue Gordon, presidente del Collegio di Cure Rigenerative della Flinders University, ha spiegato a fondo: “Le persone nei loro anni di mezzo vengono risucchiate nel buco nero dell’invecchiamento. Piccoli cambiamenti reversibili nella salute si stanno accumulando inosservati, mentre le persone non hanno tempo e le loro vite vengono consumate dal lavoro e dagli impegni. Spesso non notiamo il problema fino a quando non è troppo tardi per l’individuo da autogestire e molto più costoso da affrontare. Quindi anche i giovani di 40 e 50 anni hanno problemi di salute, molti dei quali sono suscettibili di cambiamenti. Molti dei cambiamenti erano reversibili e sei mesi dopo aver ricevuto il loro rapporto, molti possono adottare consigli sulla salute e sperimentare miglioramenti. Dunque, staccare e prendersi del tempo personale potrebbe essere un fattore chiave. Ciò dimostra che lo screening individualizzato e le raccomandazioni di autogestione migliorano la salute, anche tra le persone che si sentono bene. Inoltre potrebbe salvare vite e denaro in seguito. Poco si sa sulla traiettoria dell’invecchiamento negli anni centrali, nota come il “buco nero” dell’invecchiamento, prendendo l’esempio per l’Australia per aumentare la spesa nazionale di appena l’1,5% del bilancio sanitario per i servizi di promozione e prevenzione della salute. L’Australia ha bisogno di passare da un sistema sanitario reattivo sovraccaricato a una migliore salute pro-attiva attraverso la vita media e più anziana. Lo screening sanitario individuale e l’autogestione dovrebbero essere una pietra miliare per potenziare l’invecchiamento sano in Australia ed evitare il buco nero dell’invecchiamento medio”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1716 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

Commenta per primo