Home ATTUALITA' & SALUTE Chirurgia del menisco: attendere non serve e l'infiltrazione di plasma può...

Chirurgia del menisco: attendere non serve e l’infiltrazione di plasma può aiutare

Il menisco è un pezzo di cartilagine spugnosa che fornisce un cuscinetto al ginocchio, agendo come un ammortizzatore tra lo stinco e il femore. Le lacrime alla radice del menisco colpiscono sia i giovani atleti sani sia i pazienti più anziani con le prime ginocchia degenerative. Lacerazioni della radice portano a de-tensione del menisco e sono state associate a maggiori forze di contatto e danni alla cartilagine. La riparazione spontanea è molto rara e la maggior parte delle volte la chirurgia è l’opzione cardinale. La gestione dei pazienti più anziani con lacrime alla radice è controversa e l’efficacia delle diverse opzioni di trattamento non è chiara. I pazienti di età superiore ai 50 anni sottoposti a una tecnica di riparazione artroscopica interna avevano tassi più bassi di chirurgia del ginocchio totale successiva rispetto a un gruppo simile che è stato osservato solo, secondo una ricerca presentata all’American Orthopedic Society of Sports Medicine Annual Meeting. Il dott. Jason L. Dragoo della Stanford Medicine di Redwood City, in California, e il suo team hanno seguito 48 pazienti di età superiore ai 50 anni a cui è stata diagnosticata una lesione della radice meniscale.

Dragoo e il suo team si sono proposti di confrontare i risultati clinici dei pazienti sottoposti a una tecnica di riparazione artroscopica all-interno rispetto alla gestione non operatoria per le lacrime della radice meniscale posteriore.Durante il periodo di follow-up, solo il 3,3% dei pazienti che hanno ricevuto una riparazione artroscopica ha richiesto un intervento chirurgico al ginocchio totale, mentre il 33,3% dei pazienti nel gruppo di osservazione aveva bisogno di un intervento chirurgico al ginocchio. Dragoo, ricercatore presso la Stanford Medicine e primo autore della ricerca, ha concluso: “Il nostro studio ha riscontrato un miglioramento significativo in tutti i punteggi di esito clinico nel gruppo chirurgico al follow-up a due anni. La gestione chirurgica ha mostrato esiti funzionali più elevati e ridotti tassi di conversione della TKA rispetto all’osservazione e dovrebbe essere considerata un’opzione terapeutica per il trattamento delle lacrime del menisco nella popolazione anziana. Perciò il classico approccio esercitato in altri contesti medici, il wait-and-see (aspetta ed osserva) non sembra qui applicabile con beneficio”.

L’uso della terapia con plasma ricco di piastrine (PRP) può ridurre il rischio di un secondo fallimento del menisco dopo operazione, ma non sembra proteggere i pazienti che hanno subito un intervento chirurgico per riparare un legamento crociato anteriore, secondo una ricerca presentata all’Assemblea annuale del American Orthopaedic Society of Sports Medicine. La terapia del plasma ricca di piastrine comporta l’estrazione del sangue dal paziente, che viene quindi centrifugato per ottenere una sospensione concentrata delle piastrine. Subisce quindi un processo di centrifugazione a due stadi per separare i componenti solidi e liquidi del sangue anti-coagulato. Il PRP deve il suo uso terapeutico ai fattori di crescita rilasciati dalle piastrine che si ritiene abbiano proprietà rigenerative cellulari. I ricercatori dell’Ohio State University di Columbus, guidati dal Dr. Joshua Scott Everhart, hanno cercato di determinare se il PRP intraoperatorio influenzi il rischio di insufficienza della riparazione del menisco e se l’effetto del PRP sul rischio di menisco del fallimento sia influenzato dallo stato di ricostruzione del legamento crociato o dalla preparazione del PRP. I ricercatori hanno randomizzato 550 pazienti in due gruppi principali: i pazienti sottoposti a chirurgia di riparazione del menisco con PRP e quelli che non hanno ricevuto la terapia PRP. I pazienti con ricostruzione concomitante ACL sono stati valutati per il fallimento della riparazione del menisco entro tre anni. I pazienti che non hanno ricevuto la terapia con PRP hanno riportato un tasso di fallimento del menisco del 17% mentre quelli a cui è stato somministrato PRP hanno avuto un tasso di fallimento del 14,7%. L’effetto del PRP sul rischio di fallimento del menisco dipendeva dallo stato di lesione del LCA: coloro che avevano solo un PRP del menisco erano associati a un minor rischio di insuccesso ma quelli con chirurgia ACL, il PRP non era associato ad un minor rischio di fallimento. I preparati PRP utilizzati nel presente studio hanno avuto un sostanziale effetto protettivo sul rischio di fallimento della riparazione del menisco isolato nell’arco di tre anni. Questo grazie alla grande quantità di fattori di crescita rilasciati dalle piastrine che stimolano la crescita e il ricambio cellulare. Nel contesto della concomitante ricostruzione del legamento crociato, il PRP intraoperatorio non riduce il rischio di mancata riparazione del menisco.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Dragoo JL et al. Knee Surg Sports Traum Arthrosc. 2019 Apr 12.

Everhart JS et al. m J Sports Med. 2019 Jul; 47(8):1789-1796.

Liu F, Xu H et al. Stem Cell Res Ther. 2019 Jul 8; 10(1):201.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI