Anoressia nervosa: non è solo un problema mentale, i geni dicono diversamente

L’anoressia nervosa è un disturbo alimentare potenzialmente letale, con un tasso di mortalità che è il più alto di tutti i disturbi psichiatrici. È più comune tra le donne rispetto agli uomini, colpendo l’1-4% delle donne e circa lo 0,3% degli uomini. La patologia comporta un peso corporeo pericolosamente basso, una fobia di guadagnare qualsiasi peso e un’immagine corporea distorta. Mentre alcuni malati possono mangiare così poco da morire di fame, altri seguiranno una dieta regolare, ma si eserciteranno nella misura in cui bruciano più calorie di quelle che hanno assunto. A lungo termine, il disturbo potenzialmente fatale può causare danni a muscoli, ossa, organi e fertilità. Gli approcci terapeutici comuni comprendono interventi psicologici come la terapia cognitivo comportamentale (CBT) e piani dietetici che mirano a ripristinare un peso sano, ma questi interventi spesso falliscono. L’anoressia nervosa viene generalmente percepita come un grave disturbo psichiatrico. Ora, uno studio internazionale su larga scala ha dimostrato che alcune differenze nel DNA delle persone con anoressia hanno cambiato il modo in cui trasformano i grassi e gli zuccheri in modi che potrebbero indebolirli. La scoperta può aiutare a spiegare perché i medici hanno avuto difficoltà a trattare la malattia e potrebbe aprire la strada a nuovi approcci terapeutici questa condizione devastante. Può anche portare a nuovi modi di prevedere chi è più a rischio di sviluppare la condizione.

Come riportato nella rivista Nature Genetics, per l’attuale studio più di 100 ricercatori in tutto il mondo hanno valutato i dati del DNA raccolti dall’Anoressia Nervosa Genetics Initiative e dal Eating Disorders Working Group per 16.992 soggetti affetti da anoressia e li hanno confrontati con 55.525 individui senza la malattia. Hanno quindi valutato il set di dati, che copriva 17 paesi in Nord America, Europa e Australasia, alla ricerca di mutazioni genetiche che erano più comuni agli individui anoressici. I ricercatori hanno scoperto otto varianti genetiche che collegavano l’anoressia nervosa alla depressione, all’ansia e al disturbo ossessivo-compulsivo – disturbi psicologici che tutti si sarebbero aspettati. Tuttavia, hanno anche rilevato mutazioni che hanno influenzato il metabolismo del corpo di zucchero nel sangue e grasso corporeo, tra cui brucia calorie, attività fisica e resistenza al diabete di tipo 2. Gli otto geni segnalati in questo studio spiegano solo una piccola frazione di anoressia; probabilmente ci sono centinaia o addirittura migliaia di geni che contribuiscono in generale al rischio di sviluppare la condizione di una persona. È molto significativo perché c’è stata difficoltà nel sapere quale tipo di disturbo l’anoressia è. Nel corso del tempo, l’incertezza dell’anoressia nervosa si è incerta a causa della combinazione di caratteristiche fisiche e psichiatriche.

L’organizzazione Charity Beat incoraggia vivamente i ricercatori a esaminare i risultati e considerare come essi possano contribuire allo sviluppo di nuove terapie che possano porre fine al dolore e alla sofferenza delle persone con disturbi alimentari. La Dr.ssa Janet Treasure dell’Istituto di Psichiatria del King’s College di Londra, ha spiegato: “Le anomalie metaboliche osservate nei pazienti con anoressia nervosa sono spesso attribuite alla fame, ma il nostro studio mostra che le differenze metaboliche possono anche contribuire allo sviluppo del disturbo. Le nostre analisi indicano che i fattori metabolici possono giocare un ruolo quasi altrettanto forte degli effetti puramente psichiatrici, quindi suggeriamo che l’anoressia ora sia considerata come “disturbo metabo-psichiatrico”, riferendosi ad essa come una malattia sia della mente che del corpo. Quello che il nostro studio significa è che non possiamo più trattare l’anoressia, e forse altri disturbi alimentari, come puramente psichiatrici o psicologici. L’anoressia ha le correlazioni attese con ansia, depressione e DOC, ma ha anche questo insieme di correlazioni metaboliche apparentemente salutari che non vedo in nessun altro disturbo psichiatrico. I nostri risultati confermano questa dualità e suggeriscono che l’integrazione delle informazioni metaboliche può aiutare i medici sviluppare modi migliori per trattare i disturbi alimentari “.

Un altro team indipendente di ricercatori ha riscontrato che nell’anoressia nervosa possono esistere delle varianti genetiche per il gene neuronatina. Il gene che codifica per la neuronatina (NNAT) è presente in tutte le cellule, trasmesso per via paterna ed altamente conservato nei mammiferi. Codifica per proteo-lipidi ed implicato nello sviluppo cerebrale. È espresso principalmente nel sistema neuroendocrino, durante lo sviluppo fetale e nell’adulto, ma è presente anche nel tessuto adiposo e nel pancreas, dove controlla la secrezione dell’insulina. Il team, guidato dal Dr. Lombardi dell’Institut Cochin di Parigi, ha eseguito un analisi genetica exomica degli RNA messaggeri codificati dal gene in 152 soggetti (144 donne, 8 uomini), tutti affetti da anoressia nervosa. Un paziente ha mostrato la variazione denominata pW33 ed un altro una variante nella ragione UTR dell’RNA messaggero. Altre 11 variazioni sono state riscontrate in tre soggetti maschili e sette femminili. Inoltre, due varianti missenso (codifica di un amminoacido diverso dall’originario nella catena proteica) sono state identificate in pazienti femminili con anoressia nervosa. I dati complessivi del team suggeriscono che le varianti NNAT e le variazioni di espressione del gene, possono essere associate alla suscettibilità a disturbi alimentari come l’anoressia nervosa.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lombardi L et al. Psychiatr Genet. 2019 Aug; 29(4):103-10.

Palmeira L et al. Psychiatry Res. 2019 Mar; 273:309-311.

Neyazi A et al. Front Psychiatry 2019 Apr 11; 10:197-206.

Himmerich H et al. Ther Adv Psychopharmacol. 2019 Feb 12.

Millership SJ et al., Withers DJ. J Clin Invest. 2018 Jun 4.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1624 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

Commenta per primo