HomeALIMENTAZIONE & SALUTEColazione: il saltarla fra bambini ed adolescenti, fa ingrassare. Perche?

Colazione: il saltarla fra bambini ed adolescenti, fa ingrassare. Perche?

Ricercatori affiliati alla facoltà di Medicina dell’Università del Brasile (USP) e colleghi di istituzioni in Europa sospettavano che saltare la colazione potesse portare a una dieta squilibrata e ad altre abitudini malsane, che aumentano la probabilità di aumento di peso. Hanno indagato su questa ipotesi e hanno scoperto che saltare la colazione – un’abitudine comune tra gli adolescenti – era direttamente correlata con un aumento della circonferenza della vita e dell’indice di massa corporea (IMC o BMI). Elsie Costa de Oliveira Forkert, epidemiologa e membro del Gruppo di Ricerca sui rischi cardiovascolari e ambientali dell’Infanzia e Gioventù dell’Università di San Paolo, ha spiegato: “Abbiamo trovato che saltare la colazione si associa a marcatori di adiposità negli adolescenti, indipendentemente da dove vivono e da quanto dormono o se sono maschi o femmine. Riteniamo che la ragione di questa associazione sia che i bambini e gli adolescenti che saltano la colazione hanno maggiori probabilità di sostituire un pasto relativamente sano a base di prodotti fatti in casa, cereali integrali e frutta, con fast food ottenuti da luoghi sulla strada per o a scuola. Questo in genere significa consumare cibi ipercalorici industrializzati di basso valore nutrizionale, come snack fritti, dolci, bibite e altre bevande zuccherate, che sono tutti direttamente associati allo sviluppo dell’obesità”.

Lo studio ha analizzato i dati ottenuti da grandi sondaggi di coorte condotti in Brasile e in paesi europei tra cui Austria, Belgio, Germania, Grecia, Italia e Spagna. I dati per lo studio europeo provengono da un sondaggio chiamato “Stile di vita sano in Europa per l’alimentazione nell’adolescenza”, che comprendeva 3.528 adolescenti maschi e femmine in dieci città principali di età compresa tra 12,5 e 17,5 anni. I partecipanti erano stratificati per età, sesso, status socioeconomico e religione: i dati per la coorte brasiliana provenivano da un sondaggio chiamato “Brazilian Cardiovascular Adolescent Health”, che ha coinvolto 991 adolescenti, di età compresa tra 14 e 18 anni. Dato che fin dall’obesità infantile è possibile favorire lo sviluppo precoce di problemi di salute come il diabete tipo 2 e malattie cardiovascolari, questi adolescenti sono stati valutati per i fattori di rischio cardiovascolare e comportamenti legati alla salute. Il ricercatore principale Augusto Cesar Ferreira De Moraes e colleghi hanno analizzato il peso, l’altezza e il BMI come indicatori di obesità generale e circonferenza della vita utilizzata e rapporto altezza-vita come misure dell’obesità addominale. i comportamenti sono stati valutati utilizzando i dati di un questionario sui livelli di attività fisica, con oltre 60 minuti al giorno di esercizi da moderati a vigorosi considerati adeguati e inferiori a quelli considerati insufficienti.

Tra i ragazzi europei e brasiliani, saltare la colazione era il comportamento correlato al bilancio energetico che si correlava maggiormente con gli indicatori dell’obesità come un aumento dell’IMC, la circonferenza della vita e il rapporto altezza-vita. Secondo Forkert, questo era vero anche per le ragazze europee: saltare la colazione si correlava positivamente con l’obesità totale e addominale anche quando il tempo del sonno era adeguato. Nella coorte brasiliana, i comportamenti sedentari erano più comuni tra le ragazze che tra i ragazzi, mentre in Europa coorte, tali comportamenti erano più comuni tra i ragazzi. Tra le ragazze europee, i comportamenti sedentari che richiedevano più di due ore al giorno erano associati a un aumento medio della circonferenza della vita di 120 cm, anche quando il sonno era considerato sufficiente Tra i ragazzi brasiliani, tuttavia, dormire per meno di otto ore al giorno aveva un effetto protettivo contro l’obesità totale, che è diminuito in media di 0,93 kg/m². I ricercatori ritengono che gli adolescenti con comportamenti più sedentari che guardano più TV, usano di più un computer o giocano a più videogiochi probabilmente hanno una dieta squilibrata e mangiano cibi malsani, sebbene tali comportamenti non siano stati valutati nel presente studio. In altre parole, i comportamenti sedentari associati al consumo relativamente alto di calorie portano direttamente all’obesità.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wadolowska L et al., Wawrzyniak A. Nutrients. 2019 Jul 11; 11(7).

Sparrenberger K et al. Diabetol Metab Syndr. 2019 May 24;11:40.

Costa de Oliveira Forkert E et al. Pediatr Obes. 2017; 12(2):110-19.

Kain J, Hernández Cordero S et al. Curr Obes Rep. 2014; 3(2):150.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI