Stanchezza e mal di gambe? Attente, nella lista c’è anche l’endometriosi

L’endometriosi può interessare una gamma di organi e strutture pelvici o addominali, inclusi i nervi pelvici che forniscono sensazioni alle gambe. Anche se una volta era considerato raro, più persone possono provare dolore alle gambe legato all’endometriosi di quanto si pensasse in precedenza. I sintomi dell’endometriosi variano a seconda di dove è cresciuto il tessuto endometriale. Un sintomo comune di endometriosi è il sanguinamento mestruale pesante. Il sangue mestruale contiene alti livelli di ferro e una persona che perde regolarmente molto sangue ha un alto rischio di sviluppare anemia. Questa condizione fa sì che una persona si senta stanca tutto il tempo. Alcune ricerche hanno anche collegato l’endometriosi alla sindrome da stanchezza cronica (CFS). La CFS è più comune nelle donne rispetto agli uomini e può essere correlata a certi problemi riproduttivi femminili. Uno studio del 2011 suggerisce che le donne che hanno avuto periodi irregolari, endometriosi, cisti ovariche e dolore pelvico, potrebbero avere un rischio maggiore di sviluppare la CFS. Le persone con endometriosi possono sentirsi particolarmente stanche durante il ciclo mestruale. L’affaticamento può avere altri sintomi, inclusi mal di testa, dolori muscolari o articolari, sintomi simil-influenzali, ghiandole dolenti che non sono gonfie, difficoltà di concentrazione e confusione, insonnia, vertigini.

Quando la stanchezza è grave, una persona spesso fa lunghi sonnellini e si sente svenire quando si alza o si muove troppo velocemente. Poiché c’è poca ricerca formale sull’affaticamento dell’endometriosi, può essere difficile dire se la condizione ginecologica stia causando la stanchezza persistente. Chiunque sospetti di avere una stanchezza da endometriosi dovrebbe consultare un medico, che potrà ordinare un’analisi del sangue per controllare i livelli di ferro, zucchero e ormoni tiroidei. Possibili cause di stanchezza includono: anemia, problemi alla tiroide, ragione psicologica (depressione o traumi emotivi) e persino una dieta non salutare. Una dieta ricca di grassi e zuccheri può mettere a repentaglio la salute di una persona e spesso le fa sentire indolenti e stanche. Anche la mancanza di nutrienti che aiutano il corpo a rimanere sotto tensione può contribuire all’affaticamento. Infine, una consultazione con il proprio medico può rivelare problemi di sonno o uno stato di peri-menopausa. Per risolvere queste circostanze contribuirà a fare diagnosi differenziale.

Un’altra possibile causa di stanchezza in una donna con endometriosi è il dolore alle gambe. Durante il periodo regolare, il rivestimento dell’utero si libera e lascia il corpo attraverso la vagina. Ciò accade in risposta al cambiamento dei livelli ormonali. Quando il tessuto endometriale cresce all’esterno dell’utero, le cellule perdono ancora, ma non possono lasciare il corpo, causando sintomi dolorosi. In alcuni casi, i tessuti endometriali crescono dentro e intorno ai molti nervi che viaggiano attraverso il bacino e l’anca. Questi nervi forniscono sensazioni alla gamba. Crescite anormali possono mettere sotto pressione i nervi pelvici: questo può causare dolore e intorpidimento dei fianchi, dei glutei e delle gambe. Quasi tutti i casi documentati di dolore alle gambe associati all’endometriosi comportano escrescenze anomale sul nervo sciatico o su uno dei suoi rami. Il nervo sciatico è considerato il nervo più grande e lungo del corpo umano. Comincia nella parte bassa della schiena, scorre attraverso il bacino, e lungo la gamba verso il piede, si dirama in diversi nervi più piccoli lungo la strada. La pressione su questo nervo può causare dolore nella parte inferiore del corpo.

Esistono diversi modi per aiutare a gestire il dolore agli arti inferiori associato all’endometriosi a casa. Molti dei metodi che aiutano a ridurre il dolore alle gambe dall’endometriosi aiutano anche a ridurre gli altri sintomi comuni della condizione. I consigli quotidiani per trovare sollievo includono esercizi delicati, come lo yoga o la camminata, e lo stretching leggero può spesso aiutare ad alleviare l’infiammazione. Se il dolore è davvero fastidioso, si possono assumere farmaci antidolorifici come paracetamolo, ibuprofene o aspirina per alleviare l’infiammazione e il dolore. Alcune modifiche allo stile di vita possono aiutare una persona a gestire la fatica e il dolore associati alla condizione. Queste includono:

  • Modifica della dieta. Una persona con endometriosi dovrebbe assicurarsi di assumere i nutrienti giusti e ottenere un equilibrio di proteine, carboidrati e grassi sani. E’ da preferire la carne magra e alimenti che contengono composti anti-infiammatori, come la  omega-3 e la vitamina E (pesce, noci, avocado, mandorle, semi di sesamo, verza). Evitare anche gli alimenti lavorati, poiché contengono molto zucchero aggiunto, che può causare iperglicemia e nutrire le lesioni endometriosiche. Le loro cellule, infatti, sono molto sensibili al glucosio nel sangue per nutrirsene.
  • Assunzione di integratori. Una persona può anche scoprire che l’assunzione di integratori naturali che contengono antiossidanti e composti anti-infiammatori può aiutare con i sintomi. Gli integratori naturali possono includere: probiotici, zenzero, curcuma, artiglio del diavolo, glucosamina, magnesio glicinato, vitamina C e vitamina D.
  • Esercizio fisico. Allenamenti leggeri regolari possono amplificare l’energia di una persona. Evitare tali attività può far sentire una persona pigra e demotivata.
  • Dormire regolarmente. Avere un programma di sonno coerente e a scadenze regolari può ridurre i sentimenti di stanchezza durante il giorno.
  • Ottenere supporto. L’endometriosi può causare una persona emotivamente e fisicamente prosciugata. Parlare con gli amici o incontrare persone attraverso i social network o forum online può prevenire sentimenti di isolamento e fornire consigli preziosi.

 

  • a cura del Dr Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Tan DA, Almaria MJG. Climacteric. 2018 Apr 3:1-7.

Vander Borght M, Wyns C. Clin Biochem. 2018 Mar 16. 

Patel BG et al. Best Pract Res Clin Obstet Gynaecol. 2018 Feb 14.

Clemenza S et al. Best Pract Res Clin Obstet Gynaecol. 2018 Feb 15.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it