Vitamina C: da usare in caso di diabete, ma va bene anche prima che si manifesti

Vitamina C: serve al diabete e anche prima che compaia

Il diabete è una delle maggiori emergenze sanitarie al mondo; nel 2015 sono state stimate 415 milioni le persone dai 20 ai 70 anni in tutto il mondo che soffrivano di diabete  e la prevalenza è in aumento. Il diabete mellito di tipo 2 (DM2) è una malattia complessa influenzata da fattori sia genetici che ambientali. Come in molti paesi occidentali, il DM2 è associata ad un aumento della morbilità e della mortalità a causa di complicanze microvascolari (ad es. retinopatia, nefropatia e neuropatia) e macrovascolari (ad es. infarto e ictus). La ricerca suggerisce che l’infiammazione cronica di basso grado e lo stress ossidativo svolgono un ruolo critico nello sviluppo dell’insulino-resistenza e del DM2, nonché delle relative complicanze. La vitamina C è un micronutriente essenziale con potenti proprietà antiossidanti, in grado di proteggere importanti biomolecole dall’ossidazione partecipando a reazioni di riduzione dell’ossidazione per le quali viene prontamente ossidato in acido deidroascorbico. La vitamina C è naturalmente presente nella frutta e nella verdura, viene spesso aggiunta come conservante agli alimenti / bevande e viene anche utilizzata come integratore alimentare. Essendo solubile in acqua, ha un’emivita relativamente breve nel corpo a causa della rapida clearance renale ed è necessaria un’assunzione regolare e adeguata per prevenire la carenza.

Ricerche precedenti suggeriscono che le persone con DM2 hanno concentrazioni plasmatiche di vitamina C più basse rispetto a quelle con normale controllo glicemico. Esistono diversi meccanismi proposti tra cui: (1) aumento dell’escrezione di ascorbato nei pazienti con microalbuminuria, (2) la glicemia può competere con la vitamina C per l’assorbimento nelle cellule a causa della sua somiglianza strutturale (acido deidroascorbico) e (3) l’aumento dello stress ossidativo può esaurire le riserve di antiossidanti. Le minori concentrazioni plasmatiche di vitamina C riportate nelle persone con DM2 hanno portato a un crescente interesse per il ruolo che la vitamina C può permettersi dallo sviluppo di DM2 e complicanze associate. Uno studio prospettico di coorti olandesi e finlandesi nello studio dei sette paesi ha rivelato un’associazione inversa tra assunzione di vitamina C e intolleranza al glucosio, suggerendo che gli antiossidanti come la vitamina C possono svolgere un ruolo protettivo contro lo sviluppo di una ridotta tolleranza al glucosio e diabete di tipo 2. Inoltre, lo studio European Prospective Cancer Study (EPIC) -Norfolk su circa 21.000 individui ha riscontrato 735 casi di DM2 dopo un follow-up di 12 anni e ha dimostrato una forte associazione inversa tra la concentrazione plasmatica di vitamina C e il rischio di DM2.

Uno studio condotto tre anni fa dal team del Dr. Carr del Dipartimento di Patologia, Università di Otago, Nuova Zelanda, ha studiato lo stato della vitamina C in pazienti con diabete di tipo 2 o soggetti pre-diabetici. Questo studio ha dimostrato che il glucosio a digiuno, l’IMC, la storia del fumo e l’assunzione di vitamina C nella dieta sono significativi fattori predittivi indipendenti delle concentrazioni plasmatiche di vitamina C. L’associazione inversa tra glicemia a digiuno e concentrazione di vitamina C nel plasma mostrata in questo studio è in accordo con studi precedenti. Inoltre, la concentrazione plasmatica di vitamina C era significativamente più bassa nel gruppo pre-diabetico (rispetto al gruppo NGT, suggerendo che una riduzione della concentrazione plasmatica di vitamina C si verifica in parallelo con il declino della tolleranza al glucosio durante la progressione verso DM2. Insulina media a digiuno le concentrazioni erano coerenti con le misure glicemiche ed erano significativamente più elevate nel gruppo DM2 rispetto al gruppo NGT L’aumento dell’IMC tra i gruppi era associato con un aumento delle concentrazioni di leptina e una diminuzione delle concentrazioni di grelina, tra insulina e leptina e vitamina C nel plasma, con una relazione positiva tra la grelina e la vitamina C nel plasma. Tuttavia questi ormoni erano anche associati al glucosio a digiuno e quindi non erano inclusi come predittori indipendenti della vitamina C nel plasma.

Sebbene il diabete tipo 2 non sia tradizionalmente considerato un fattore di rischio per la carenza di vitamina C, i ricercatori indicano che le persone con pre-diabete o diabete tipo 2 hanno maggiori probabilità di avere concentrazioni plasmatiche inadeguate o carenti di vitamina C. Ciò non sembra essere dovuto a un ridotto apporto dietetico di vitamina C, quindi i consigli dietetici dovrebbero sottolineare l’importanza di consumare cibi ricchi di vitamina C, come certi tipi di verdure o frutta. Poiché l’iperglicemia è associata ad un aumento dello stress ossidativo, il team ha evidenziato un ruolo della vitamina C nella prevenzione del DM2 e / o nella riduzione delle complicanze .

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Pullar JM et al. Antioxidants (Basel). 2018 Feb 11;7(2).

Pearson JF et al. Carr AC. Nutrients. 2017 Aug 3;9(8).

Ashor AW et al. Eur J Clin Nutr. 2017; 71(12):1371-80. 

Zhou C et al. PLoS One. 2016 Sep 29;11(9):e0163571.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1770 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it