Depressione: l’esercizio fa bene grazie alla “cannabis cerebrale”

Il sistema endocannabinoide (ECS) è emerso come un punto focale per accertare i meccanismi di come l’esercizio fisico benefici al corpo e come riduce o controlla il dolore. L’ECS, i suoi ligandi [gli endocannabinoidi (eCB)], i recettori (CB1 e CB2), gli enzimi per la sintesi e il degrado dell’eCB e gli acidi grassi polinsaturi (PUFA) che fungono da substrati, comprendono una potente organizzazione biologica di molteplici controlli che influenza l’umore, l’infiammazione, il dolore e altri aspetti neurologici del sistema nervoso centrale e periferico. Recentemente, gli investigatori hanno riportato aumenti dei livelli circolanti di eCB dopo l’esercizio, con alcuni eCB che esercitano effetti analgesici dall’esercizio. I ricercatori sanno che l’esercizio fisico migliora l’umore per le persone depresse, ma ci sono ancora domande su come far sentire meglio le persone. Le risposte possono essere trovate proprio nel sistema endocannabinoide. L’attivazione di questi recettori sembra rafforzare le connessioni nel cervello e può influenzare il dolore e la depressione. In un nuovo studio, Jacob Meyer, assistente professore di Kinesiologia, Iowa State University, ha collaborato con ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison, del Medical College of Wisconsin e del William V Middleton Memorial Veterans Hospital, misurando i livelli di endocannabinoidi e i cambiamenti di umore prima e dopo sessioni di allenamento con diversi livelli di intensità. Hanno trovato un significativo aumento degli endocannabinoidi e miglioramenti dell’umore dopo l’esercizio fisico moderato prescritto.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 17 donne con depressione maggiore. Ogni donna ha completato due sessioni di allenamento di 30 minuti su una cyclette, una a intensità moderata prescritta e un secondo dell’intensità preferita dei partecipanti. Le concentrazioni sieriche di endocannabinoidi (anandamide, palmitoil-etanolamina, oleoil-etanolamina, 2-arachidonoil-glicerolo e 2-oleoilglicerolo) sono state quantificate usando isotopo-diluizione stabile, cromatografia liquida / spettrometria di massa (ID-LC / MS). Il profilo degli stati d’animo e l’inventario dell’ansia del tratto di stato (solo stato) sono stati completati prima di 10 minuti e 30 minuti di esercizio fisico. Entrambe le sessioni hanno migliorato l’umore, ma i ricercatori hanno notato solo un aumento dei livelli di endocannabinoidi per l’esercizio fisico di intensità moderata. Non c’era differenza per l’intensità preferita. Ciò è stato sorprendente, ma le differenze possono derivare da variazioni nella sessione preferita. Ad esempio, alcune donne sono rimaste costantemente a un’intensità più leggera, mentre altre hanno completato gli intervalli. Con un piccolo campione, la variazione potrebbe aver oscurato la relazione tra l’intensità preferita e il cambiamento degli endocannabinoidi, ha affermato Meyer. I risultati sono coerenti con uno studio del 2016, in cui Meyer e i suoi colleghi hanno esaminato l’effetto dell’esercizio fisico sul fattore neurotrofico derivato dal cervello o BDNF, una fattore di crescita che regola la crescita e la sopravvivenza dei neuroni. Le persone con depressione in genere hanno livelli più bassi di BDNF, specie a livello della regione del cervello chiamata ippocampo. Lo studio del 2016 aveva anche scoperto che quando alle donne con depressione veniva prescritta una sessione di esercizio simile per intensità a quella selezionata, i loro livelli di BDNF erano significativamente più alti dopo la sessione prescritta.

Per ogni sessione di allenamento, i ricercatori di quest’ultimo studio hanno raccolto campioni di sangue immediatamente dopo l’esercizio e hanno anche misurato l’umore e l’ansia a 10 minuti e 30 minuti dopo l’allenamento. I cambiamenti negli eCB erano significativamente correlati al miglioramento dell’umore fino a 30 minuti dopo l’esercizio moderato, suggerendo che il sistema contribuisce agli effetti di miglioramento dell’umore dell’esercizio prescritto Il dott. Meyer ha spiegato e commentato: “Avere qualcun altro che prescrive l’esercizio, potrebbe essere coinvolto sia nella risposta psicologica che biologica all’esercizio fisico. Questi risultati ci mostrano che l’effetto dell’esercizio fisico moderato prescritto sull’umore, è generalmente piuttosto rapido e dura per un po ‘a un ritmo relativamente sostenuto. Tuttavia, dato che le persone si sono sentite meglio dopo una sessione di allenamento preferita, anche se non ha modificato i livelli di endocannabinoidi, sono probabilmente coinvolti più fattori nel modo in cui l’esercizio fisico fa sentire meglio le persone. Date le relazioni ampie e di moderata forza tra i miglioramenti negli stati dell’umore e gli eCB aumentano dopo un esercizio moderato, è plausibile che il sistema dei cannabinoidi contribuisca agli effetti di miglioramento dell’umore dell’esercizio acuto prescritto nella depressione maggiore”.

Sono probabilmente coinvolti meccanismi alternativi negli effetti positivi sullo stato dell’umore dell’esercizio preferito, ma non sono stati esaminati nella presente ricerca. Questo è l’obiettivo del corso di studio sull’esercizio fisico e sulla salute del cervello di Meyer. L’obiettivo è sviluppare nuovi trattamenti per condizioni di salute mentale che includano l’esercizio fisico.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Meyer D et al. Med Sci Sports Exerc. 2019 Sep; 51(9):1909-17

Schuch FB, Stubbs B. Curr Sports Med Rep. 2019 Aug;18(8):299.

Brellenthin AG et al. Med Sci Sports Exerc. 2017; 49(8):1688-96.

Morena M et al. Neuropsychopharmacology 2016; 41(1):80-102.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1668 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

Commenta per primo