Home BENESSERE & SALUTE Perfetta salute del cuore? Si, sano stile di vita ma molti dimenticano...

Perfetta salute del cuore? Si, sano stile di vita ma molti dimenticano il buon sonno

Precedenti studi osservazionali hanno trovato un’associazione tra insonnia, che colpisce fino al 30% della popolazione generale e un aumentato rischio di sviluppare malattie cardiache e ictus. Questi studi osservazionali non sono stati in grado di determinare se l’insonnia sia una causa o se sia semplicemente associata a loro. Una grossa meta-analisi pubblicata nel 2012 aveva valutato soggetti privi di malattie cardiovascolari al basale e misurato l’associazione tra insonnia e rischio di sviluppare e/o morire di malattie cardiovascolari. Dopo il processo di revisione, 13 studi prospettici sono stati inclusi nell’analisi finale. Questi studi hanno incluso 122.500 soggetti seguiti per un periodo che va dai 3 ai 20 anni. Un totale di 6332 eventi cardiovascolari si sono verificati durante il follow-up. L’insonnia è stata valutata attraverso un questionario e definita come difficoltà di iniziare o mantenere il sonno o presenza di notti agitate e disturbate. L’analisi cumulativa per tutti gli studi nell’ambito di un modello a effetti casuali, ha mostrato che l’insonnia ha determinato un aumento del rischio (+45%) di sviluppare o morire di malattie cardiovascolari durante il follow-up (p<0.00001). La recensione è stata molto significativa per l’esteso numero di soggetti coinvolti.

Secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Circulation dell’American Heart Association, i dati di quella recensione che le persone che soffrono di insonnia possono avere un aumentato rischio di malattia coronarica, insufficienza cardiaca e ictus. In questo studio unico nel suo genere sull’insonnia, Susanna Larsson, PhD, autrice dello studio principale e professore associato di epidemiologia cardiovascolare e nutrizionale presso il Karolinska Institutet di Stoccolma, e una collega hanno applicato la randomizzazione mendeliana, una tecnica che utilizza varianti genetiche note a essere collegato con un potenziale fattore di rischio, come l’insonnia, per ridurre la distorsione nei risultati. Gli 1,3 milioni di partecipanti con o senza malattie cardiache e ictus sono stati tratti da quattro importanti studi e gruppi pubblici. I ricercatori hanno scoperto che le varianti genetiche per l’insonnia erano associate a probabilità significativamente più elevate di malattia coronarica, insufficienza cardiaca e ictus ischemico – particolarmente ictus delle grandi arterie, ma non fibrillazione atriale. Secondo Larsson, non è stato possibile determinare se gli individui con malattie cardiovascolari presentassero o meno l’insonnia. Tuttavia, è importante identificare il motivo alla base dell’insonnia e trattarlo.

Una limitazione a questo studio è che i risultati rappresentano un collegamento genetico variante all’insonnia piuttosto che all’insonnia stessa. Ci sono tanti fattori esterni, molti dei quali associati allo stile di vita che influiscono. Circa il 90% dei fattori di rischio e malattie cardiovascolari, come diabete, obesità, ipertensione, insufficienza renale e malattie cardiache, sono prevenibili attraverso stili di vita e comportamenti sani come BMI, attività fisica regolare, basso stress emotivo, sonno sano e dieta sana. Ad esempio, il sonno è un comportamento che può essere modificato da nuove abitudini e gestione dello stress. L’associazione tra sonno corto e cardiopatie potrebbe essere spiegata da diversi meccanismi biologici e fisiologici diretti e indiretti come danno endoteliale, spessore dell’intima carotidea, calcificazione arteriosa, rimodellamento del cuore, stress cardiovascolare e disregolazione ormonale. In generale, la breve durata cronica del sonno mette a dura prova i sistemi di organi del corpo stimolando eccessivamente i sistemi simpatico, nervoso ed endocrino, che a loro volta hanno effetti deleteri sulla salute cardiovascolare.

Quando arriva la sera, dunque, via le luci, spegnete i pensieri e mettete il cuore in pace per evitare che le cattive abitudini lo facciano ammalare.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Larsson SC, Markus HS. Circulation. 2019 Aug 19. 

Madsen MT et al. J Clin Sleep Med. 2019; 15(3):489.

He Q et al. Eur J Prev Cardiol. 2017; 24(10):1071-82.

Sofi A et al. Eur J Prev Cardiol. 2014 Jan;21(1):57-64.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI