Perfetta salute del cuore? Si, sano stile di vita ma molti dimenticano il buon sonno

Igiene del sonno: via tutte le luci e rispettate le buone 7 ore

Precedenti studi osservazionali hanno trovato un’associazione tra insonnia, che colpisce fino al 30% della popolazione generale e un aumentato rischio di sviluppare malattie cardiache e ictus. Questi studi osservazionali non sono stati in grado di determinare se l’insonnia sia una causa o se sia semplicemente associata a loro. Una grossa meta-analisi pubblicata nel 2012 aveva valutato soggetti privi di malattie cardiovascolari al basale e misurato l’associazione tra insonnia e rischio di sviluppare e/o morire di malattie cardiovascolari. Dopo il processo di revisione, 13 studi prospettici sono stati inclusi nell’analisi finale. Questi studi hanno incluso 122.500 soggetti seguiti per un periodo che va dai 3 ai 20 anni. Un totale di 6332 eventi cardiovascolari si sono verificati durante il follow-up. L’insonnia è stata valutata attraverso un questionario e definita come difficoltà di iniziare o mantenere il sonno o presenza di notti agitate e disturbate. L’analisi cumulativa per tutti gli studi nell’ambito di un modello a effetti casuali, ha mostrato che l’insonnia ha determinato un aumento del rischio (+45%) di sviluppare o morire di malattie cardiovascolari durante il follow-up (p<0.00001). La recensione è stata molto significativa per l’esteso numero di soggetti coinvolti.

Secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Circulation dell’American Heart Association, i dati di quella recensione che le persone che soffrono di insonnia possono avere un aumentato rischio di malattia coronarica, insufficienza cardiaca e ictus. In questo studio unico nel suo genere sull’insonnia, Susanna Larsson, PhD, autrice dello studio principale e professore associato di epidemiologia cardiovascolare e nutrizionale presso il Karolinska Institutet di Stoccolma, e una collega hanno applicato la randomizzazione mendeliana, una tecnica che utilizza varianti genetiche note a essere collegato con un potenziale fattore di rischio, come l’insonnia, per ridurre la distorsione nei risultati. Gli 1,3 milioni di partecipanti con o senza malattie cardiache e ictus sono stati tratti da quattro importanti studi e gruppi pubblici. I ricercatori hanno scoperto che le varianti genetiche per l’insonnia erano associate a probabilità significativamente più elevate di malattia coronarica, insufficienza cardiaca e ictus ischemico – particolarmente ictus delle grandi arterie, ma non fibrillazione atriale. Secondo Larsson, non è stato possibile determinare se gli individui con malattie cardiovascolari presentassero o meno l’insonnia. Tuttavia, è importante identificare il motivo alla base dell’insonnia e trattarlo.

Una limitazione a questo studio è che i risultati rappresentano un collegamento genetico variante all’insonnia piuttosto che all’insonnia stessa. Ci sono tanti fattori esterni, molti dei quali associati allo stile di vita che influiscono. Circa il 90% dei fattori di rischio e malattie cardiovascolari, come diabete, obesità, ipertensione, insufficienza renale e malattie cardiache, sono prevenibili attraverso stili di vita e comportamenti sani come BMI, attività fisica regolare, basso stress emotivo, sonno sano e dieta sana. Ad esempio, il sonno è un comportamento che può essere modificato da nuove abitudini e gestione dello stress. L’associazione tra sonno corto e cardiopatie potrebbe essere spiegata da diversi meccanismi biologici e fisiologici diretti e indiretti come danno endoteliale, spessore dell’intima carotidea, calcificazione arteriosa, rimodellamento del cuore, stress cardiovascolare e disregolazione ormonale. In generale, la breve durata cronica del sonno mette a dura prova i sistemi di organi del corpo stimolando eccessivamente i sistemi simpatico, nervoso ed endocrino, che a loro volta hanno effetti deleteri sulla salute cardiovascolare.

Quando arriva la sera, dunque, via le luci, spegnete i pensieri e mettete il cuore in pace per evitare che le cattive abitudini lo facciano ammalare.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Larsson SC, Markus HS. Circulation. 2019 Aug 19. 

Madsen MT et al. J Clin Sleep Med. 2019; 15(3):489.

He Q et al. Eur J Prev Cardiol. 2017; 24(10):1071-82.

Sofi A et al. Eur J Prev Cardiol. 2014 Jan;21(1):57-64.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1668 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

Commenta per primo