Tiroide e colesterolo: capire i legami, il ruolo degli ormoni e gli effetti sulla salute

La tiroide è una ghiandola situata nel collo. Produce due ormoni, noti come gli ormoni tiroidei. I principali sono la triiodotironina (T3), che è la forma attiva dell’ormone tiroideo e la tiroxina (T4), che il corpo converte in T3. La ghiandola pituitaria secerne l’ormone stimolante la tiroide (TSH) per stimolare la tiroide a produrre ormoni. La ghiandola tiroide produce anche un ormone chiamato calcitonina, che aiuta a mantenere forti le ossa mantenendo bassa la quantità di calcio nel sangue. Gli ormoni tiroidei giocano un ruolo nella regolazione: dello sviluppo del cervello nei bambini, della temperatura corporea e del metabolismo, dell’umore, della normale crescita e sviluppo, delle funzioni del cuore, del cervello, dei muscoli e di altri organi.

Problemi alla tiroide

Quando la tiroide non produce abbastanza ormoni tiroidei, è poco attiva, che si chiama ipotiroidismo. Produrre troppi ormoni porta a una tiroide iperattiva, che si chiama ipertiroidismo. Circa il 4,5% delle persone di 12 anni o più negli Stati Uniti ha una tiroide iperattiva. Una tiroide iperattiva causa i seguenti sintomi: stitichezza, depressione, pelle secca e capelli, affaticamento, problemi di fertilità, periodi pesanti o irregolari, maggiore sensibilità alle basse temperature, dolore ai muscoli e alle articolazioni, riduzione della sudorazione e aumento di peso. Una tiroide iperattiva spesso deriva da una malattia autoimmune, come la tiroidite di Hashimoto, o la rimozione chirurgica della tiroide. Meno comunemente, la ghiandola tiroide si sregola e produce troppi ormoni tiroidei. Circa l’1,2% delle persone negli Stati Uniti ha una tiroide iperattiva.

I sintomi di una tiroide iperattiva comprendono: diarrea, difficoltà a dormire, affaticamento, aumento della sensibilità al calore, sbalzi d’umore, debolezza muscolare, nervosismo o irritabilità, battito cardiaco accelerato, mani tremolanti e perdita di peso. Diverse condizioni e situazioni possono causare una tiroide iperattiva, compresa una autoimmunità condizione chiamata malattia di Graves, infiammazione della tiroide (tiroidite) e assunzione di troppe pillole a base di iodio o ormone tiroideo.

Colesterolo e metabolismo

Il colesterolo è una specie di presente lipidico in ogni cellula del corpo. Il corpo usa il colesterolo per produrre ormoni e acidi biliari che aiutano a digerire il grasso. Quando troppo colesterolo si accumula nelle arterie, può causare problemi, come le malattie cardiache. Il colesterolo viaggia attraverso il sangue attaccandosi ad una proteina. Questo fascio di colesterolo e proteine è chiamato lipoproteina. I principali gruppi di lipoproteine sono:

Lipoproteine ad alta densità (HDL): l’HDL è così chiamato perché c’è un alto rapporto colesterolo / proteine. È anche noto come colesterolo “buono” perché aiuta il corpo a liberarsi del colesterolo dal sangue.

Lipoproteine a bassa densità (LDL): la LDL presenta un basso rapporto colesterolo / proteine. È anche conosciuto come colesterolo “cattivo”. Tassi LDL più alti indicano un rischio più elevato di malattie cardiache.

Sebbene le cause dietetiche (in quelle predisposte ad esso) possano causare un accumulo di colesterolo cattivo nel sangue, possono anche derivare da alcune condizioni mediche, tra cui i disturbi della tiroide.

Capire il legame tra tiroide e colesterolo

Gli ormoni tiroidei, in particolare il T3, svolgono un ruolo essenziale nell’aiutare il processo epatico e rimuovere l’eccesso di colesterolo dal corpo. Quando il corpo non produce abbastanza ormoni tiroidei, il fegato non può elaborare il colesterolo come dovrebbe. Una tiroide iperattiva significa che il corpo rimuove meno colesterolo “cattivo” dal sangue di quanto dovrebbe, il che porta spesso ad alti livelli di colesterolo “cattivo” e totale. Secondo la ricerca, fino al 13% delle persone con colesterolo alto nel sangue hanno anche una tiroide iperattiva. La stessa ricerca rileva che le società, come l’American Association of Clinical Endocrinologists e l’American Thyroid Association, raccomandano che le persone con diagnosi di colesterolo alto vengano sottoposte a test per una tiroide iperattiva. La ricerca suggerisce anche che i livelli di colesterolo di una persona possono migliorare una volta ricevuto il trattamento per una tiroide iperattiva, anche se non richiedono farmaci per abbassare il colesterolo. Livelli di ormone tiroideo lievemente bassi (ipotiroidismo subclinico) possono portare a livelli elevati di colesterolo. Secondo la ricerca del 2012, livelli elevati di TSH possono anche causare un colesterolo alto, anche se T3 e T4 non sono elevati.

Una tiroide iperattiva può causare un basso livello di colesterolo?

Una tiroide iperattiva potrebbe avere l’effetto opposto e causare bassi livelli di colesterolo nel sangue. Tuttavia, non vi è alcuna prova scientifica che il basso livello di colesterolo aumenti il rischio di problemi di salute.

Trattare problemi alla tiroide e colesterolo alto

Se la tiroide è iperattiva o iperattiva, un medico può raccomandare un piano di trattamento per gestire la condizione della tiroide e i livelli anormali di colesterolo.

Tiroide non attiva

Le persone con una tiroide iperattiva vedono spesso miglioramenti nei livelli di colesterolo se prendono un farmaco sostitutivo con T4, come Eutirox, Levotiroxina sodica, Levoxyl, Novothyrox, Synthroid ed Unithroid. Dove i livelli di ormone tiroideo sono solo leggermente inferiori al normale, il medico può raccomandare una statina o un altro trattamento per il colesterolo invece di un farmaco sostitutivo della tiroide. Le statine comunemente prescritte includono:

  • Crestor (rosuvastatina)
  • Lescol (fluvastatina)
  • Lipitor (atorvastatina)
  • Mevacor (lovastatina)
  • Pravachol (pravastatina)
  • Zocor (simvastatina)

Tiroide iperattiva

Le persone con una tiroide iperattiva possono ottenere sollievo dai loro sintomi assumendo farmaci per ridurre la produzione di ormoni tiroidei. Classicamente, il tiamazolo (Tapazole) è il farmaco usato per interferire con l’eccessiva funzione tiroidea. Livelli più bassi dell’ormone possono anche aumentare i loro livelli di colesterolo se sono bassi. Se i farmaci non funzionano, il medico può suggerire lo iodio radioattivo per ridurre la ghiandola tiroidea o un intervento chirurgico per rimuovere parte della ghiandola, che ridurrà i livelli di ormone. Le persone che hanno il colesterolo basso causato da alti livelli di ormone tiroideo possono vedere aumentare i loro livelli di colesterolo come risultato del trattamento.

  • a cura del Dr Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it