Mirtilli rossi: le bacche per la salute di denti, vescica e non solo

Mirtilli rossi: le bacche per la salute di denti e vescica

I mirtilli rossi sono un alimento salutare, grazie al loro alto contenuto di nutrienti e antiossidanti. Sono spesso indicati come “super-cibo”. Una mezza tazza di mirtilli contiene solo 25 calorie. I mirtilli sono nativi del Nord America. Sono allevati su circa 40.000 acri attraverso gli Stati Uniti e il Canada del nord. Storicamente, sono stati usati dai nativi americani come trattamento per le malattie della vescica e dei reni. I primi coloni inglesi li usavano per trattare scarso appetito, disturbi allo stomaco, disturbi del sangue e lo scorbuto. I nutrienti nei mirtilli rossi sono stati collegati a un minor rischio di infezioni del tratto urinario, alla prevenzione di alcuni tipi di cancro, a una migliore funzione immunitaria e a una diminuzione della pressione sanguigna. Inoltre, i mirtilli sono una buona fonte di varie vitamine e antiossidanti. Una mezza tazza o 55 grammi di mirtilli rossi tritati contengono:

  • 25 calorie
  • 0,25 grammi (g) di proteine
  • 0,07 g di grassi
  • 6,6 g di carboidrati
  • 2 g di fibra
  • 5 mg di calcio
  • 0,12 mg di ferro
  • 3,5 mg di magnesio
  • 6 mg di fosforo
  • 44 mg di potassio
  • 1 mg di sodio
  • 0,05 mg di zinco
  • 7,7 mg di vitamina C
  • 0,5 microgrammi (mcg) di folato
  • 35 UI di vitamina A
  • 0,72 mg di vitamina E
  • 2,75 mcg di vitamina K

I mirtilli contengono anche piccole quantità di vitamine del gruppo B tiamina, riboflavina, niacina e piridossina. I mirtilli offrono una gamma di possibili benefici per la salute. Ecco alcuni modi in cui i mirtilli possono migliorare la salute:

1) Infezioni delle vie urinarie

Il mirtillo è forse meglio conosciuto per il suo ruolo nella prevenzione delle infezioni del tratto urinario (UTI), specialmente per quelli con infezioni ricorrenti. L’alto livello di proantocianidine antiossidanti (PAC) nei mirtilli rossi aiuta a impedire a determinati batteri di aderire alle pareti del tratto urinario. In questo modo, le PAC nei mirtilli aiutano a prevenire l’infezione. Tuttavia, i ricercatori del College of Medicine del Texas A&M Health Science Center di Houston, hanno scoperto che mentre le capsule di mirtillo possono farlo, è improbabile che il succo di mirtillo abbia lo stesso effetto. Questo perché richiede un’alta concentrazione di PAC per prevenire l’adesione batterica. Il succo disponibile in commercio non contiene quantità così elevate di PAC. Sono ormai disponibili in commercio anche integratori a base di mannosio ed estratto di mirtilli rossi per la prevenzione e la gestione delle cistiti ricorrenti.

2) Problemi dentali

Le proantocianidine dei mirtilli possono anche beneficiare la salute orale. Lo fanno impedendo ai batteri di legarsi ai denti, secondo i ricercatori del Center for Oral Biology e Eastman Department of Dentistry presso l’University of Rochester Medical Center. I mirtilli possono anche essere utili nella prevenzione delle malattie gengivali. Esse sembrano fermare la formazione dei bioflm batterici di stafilococco e Porphyromonas gingivalis, i due maggiori ceppi batterici responsabili delle parodontiti.

3) Malattie cardiovascolari

Alcuni dati suggeriscono che i polifenoli presenti nei mirtilli rossi possono ridurre il rischio di malattie cardiovascolari (CVD). Lo fa prevenendo l’accumulo di piastrine e riducendo la pressione sanguigna, attraverso meccanismi anti-infiammatori. Una di queste molecole fenoliche nel resveratrolo, che è nota dal fenomeno del “paradosso francese” per esercitare un effetto protettivo sulla salute vascolare. Il manganese contenuto nei mirtilli rossi è un cofattore della superossido dismutasi (SOD2), un enzima cellulare che aiuta a disintossicare dai radicali liberi (ROS) che possono danneggiare le cellule endoteliali durante lo stress ossidativo.

4) Prevenzione dei tumori

La ricerca ha dimostrato che i nutrienti nei mirtilli rossi possono aiutare a rallentare la progressione del tumore e che possono avere un impatto positivo sui carcinoma della prostata, del fegato, della mammella, delle ovaie e del colon. Alcuni esteri simili ai salicilati, lignani ed il flavonoide delfinidina potrebbero contribuire a questi effetti preventivi.

5) Controllo dell’obesità

Assunzioni di fibre elevate sono associate a rischi significativamente inferiori per lo sviluppo di una serie di condizioni di salute tra cui ipertensione, diabete, obesità, malattia coronarica, ictus e alcune malattie gastrointestinali. È stato anche dimostrato che la maggiore assunzione di fibre riduce la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo, migliora la sensibilità all’insulina e aumenta la perdita di peso per gli individui obesi. Nonostante il ruolo della fibra nel controllo dell’obesità, sono stati pubblicati dati sperimentali che dimostrano che i polifenoli del mirtillo rosso possono influenzare direttamente il metabolismo del tessuto adiposo mediante diversi meccanismi: ad es. agendo sulle vie dello stress ossidativo, diminuendo la resistenza all’insulina e modificando il metabolismo epatico.

Culturalmente, i mirtilli rossi non fanno parte della cucina o dell’alimentazione mediterranea; ma come si può leggere, non sono un’alimento da lasciare in disparte se si ha la possibilità di accedervi.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Kowalska K et al. PLoS One. 2017 Nov 28; 12(11):e0188583.

Anhê FF et al. Mol Metabolism 2017 Dec; 6(12):1563-1573.

Mukherjee M et al. J Indian Soc Periodontol. 2014; 18(2):136.

Feghali K et al. J Agric Food Chem. 2012 Jun; 60(23):5728.

Feldman M, Grenier D. J Appl Microbiol. 2012; 113(2):438-47.

Tanabe S, Santos J et al. Molecules. 2011; 16:2365–74. 

McKay DL, Blumberg JB. Nutr Rev. 2007; 65:490–502. 

Labrecque J et al. J Antimicrob Chemother. 2006; 58(2):439-43.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1668 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it