Voglia di non vaccinare: Facebook si fa avanti contro la disinformazione

Le teorie del complotto sulla vaccinazione e le informazioni false sulla sicurezza della vaccinazione hanno portato a un calo nell’assunzione di vaccini tra milioni di genitori per i loro figli. Ciò ha portato al ritorno di infezioni che potrebbero essere prevenute da vaccinazioni diffuse come il morbillo, la tosse convulsiva, ecc. L’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato le strategie anti-vaccinazione o i gruppi anti-vaxxer come una delle dieci principali minacce alla salute globale nel 2019. L’OMS avverte anche che molte delle malattie prevenibili con il vaccino come la difterite, la poliomielite, l’epatite A e B, la varicella, l’influenza, la parotite, la febbre gialla, il morbillo o la rosolia, inoltre, sono destinate a infettare le popolazioni non vaccinate. L’OMS ha aggiunto che i vaccini sono una delle più grandi innovazioni scientifiche e salvano quasi 2 milioni di vite ogni anno. La dichiarazione del sito Web dell’OMS afferma che “la disinformazione sui vaccini è una grave minaccia per la salute globale che potrebbe invertire decenni di progressi compiuti nella lotta alle malattie prevenibili”.

Facebook ha fatto una mossa positiva in questa direzione assicurando che avrebbe consentito ai propri utenti e agli utenti di Instagram, Ricerca di Facebook, Gruppi, Pagine e forum di trovare i fatti reali sui vaccini e impedire la diffusione di informazioni false e consigli sui vaccini. L’OMS ha accolto con favore questa mossa da uno dei più grandi social media nel mondo di oggi. Milioni di utenti verrebbero indirizzati direttamente alle pagine dell’OMS sulle informazioni sui vaccini in inglese e in altre lingue quando gli utenti effettuano ricerche sulla sicurezza dei vaccini. Ciò garantirebbe che i messaggi effettivi raggiungano le persone e che non siano fuorviati dai gruppi anti-vaccinazione. Per le persone che vivono negli Stati Uniti, le funzioni di ricerca li porterebbero alle accurate informazioni sui vaccini sui siti Web del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) degli Stati Uniti. Questa collaborazione tra l’agenzia sanitaria e il colosso dei social media è il risultato di diverse discussioni negli ultimi mesi. Ciò impedirebbe la diffusione di inesattezze e consentirebbe la diffusione di informazioni corrette sui vaccini, afferma l’OMS.

Il direttore generale dell’OMS, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, in una dichiarazione sul sito Web dell’OMS ha dichiarato: “Le principali organizzazioni digitali hanno una responsabilità nei confronti dei loro utenti: garantire che possano accedere ai fatti sui vaccini e sulla salute. Sarebbe bello vedere social e piattaforme di ricerca unirsi per sfruttare la loro portata combinata. Vogliamo innovazione che supporti comportamenti sani per salvare vite umane e proteggere i soggetti vulnerabili. Così tanti bambini i cui genitori sostengono pienamente la vaccinazione attualmente non hanno accesso a questi strumenti salvavita … Non perdiamo più opportunità per prevenire la diffusione di alcune delle malattie più mortali del mondo “. Anche Facebook ha confermato la notizia in una dichiarazione affermando che lo è, iniziando a implementare altri modi per collegare le persone con informazioni autorevoli sui vaccini su Facebook e Instagram. Le classifiche dei gruppi e delle pagine che diffondono informazioni inesatte sulla sicurezza dei vaccini sarebbero di seguito ridotte e quindi meno di queste pagine verrebbero visualizzate nei feed di notizie e nelle ricerche. Inoltre, tutti gli annunci che contengono informazioni errate sui vaccini verrebbero respinti dal sito.

Sul sito Web di Facebook è possibile vedere la seguente dichiarazione: “Le principali organizzazioni sanitarie globali, come l’Organizzazione Mondiale della Sanità e i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, hanno identificato pubblicamente bufale da vaccino verificabili. Se questi bufali da vaccino compaiono su Facebook, prenderemo provvedimenti contro di loro. Ad esempio, se un gruppo o un amministratore della Pagina pubblica questa disinformazione del vaccino, escluderemo l’intero gruppo o la Pagina dalle raccomandazioni, ridurremo la distribuzione di questi gruppi e Pagine nel feed e nella ricerca di notizie e rifiuteremo gli annunci con questa disinformazione. Crediamo anche nel fornire alle persone un contesto aggiuntivo in modo che possano decidere se leggere, condividere o impegnarsi in conversazioni sulle informazioni che vedono su Facebook. Stiamo esplorando modi per fornire alle persone informazioni più accurate da parte di organizzazioni di esperti sui vaccini in cima ai risultati per ricerche correlate, su Pagine che discutono l’argomento e su inviti a unirsi a gruppi sull’argomento. Avremo presto un aggiornamento su questo. Siamo totalmente impegnati nella sicurezza della nostra comunità e continueremo ad espanderci su questo lavoro”.

La società di social media Pinterest Inc. si è unita a Facebook in uno sforzo simile dicendo che quando gli utenti cercavano malattie prevenibili con il vaccino come il “morbillo” o la “sicurezza del vaccino”, sarebbero automaticamente indirizzati verso i siti Web dell’OMS e il CDC o altri siti Web autentici tra cui l’American Academy of Paediatrics e la Vaccine Safety Net dell’OMS. Secondo il Dr. Ghebryesus, questa mossa da parte delle piattaforme dei social media, “deve essere accompagnata da passi concreti da parte dei governi e del settore sanitario”, al fine di garantire il ripristino della fiducia nelle vaccinazioni e la risoluzione delle preoccupazioni dei genitori. Il dott. Heidi Larson, capo del Vaccine Confidence Project presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine, ha dichiarato in una dichiarazione: “Accogliamo con favore gli sforzi di Facebook per mitigare la diffusione di disinformazione sui vaccini e collegare le persone a fonti di informazioni accurate … risposta dei social media è una dimensione importante dei nostri più ampi sforzi per costruire la fiducia nell’immunizzazione”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Rumetta J et al. J Infect Public Health. 2019 Aug 17.

Hoffman BL et al. Vaccine 2019; 37(16):2216-2223.

Shapiro GK et al. Prev Med. 2018 Nov; 116:203-210. 

Hornsey MJ et al. Health Psychol. 2018; 37(4):307-315. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1668 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

Commenta per primo