Ippoterapia: basi storiche, principi e vantaggi di una disciplina dai risvolti medici

L’ippoterapia è una terapia fisica, occupazionale e del linguaggio che utilizza l’andatura e il movimento naturali di un cavallo per fornire input motori e sensoriali. Si basa sul miglioramento delle funzioni neurologiche e dei processi sensoriali e viene utilizzato per pazienti con disturbi fisici e mentali. Soprattutto, nelle persone paralizzate contribuisce ai programmi di riabilitazione fisica. Nonostante l’uso a lungo termine nella storia, solo pochi studi sono stati condotti sulla base teorica. Sono disponibili solo scarse informazioni sui suoi effetti psicologici, fisici, sociali ed educativi in ​​bambini appositamente formati. L’ippoterapia è un metodo di trattamento con effetti psicologici, sociali ed educativi contemporaneamente favorevoli su molti sistemi di organi. L’ippoterapia non è diventata una disciplina con un protocollo stabilito fino agli anni ’60.

Durante gli anni ’60, viene utilizzato come aggiunta alla terapia fisica tradizionale in Germania, Austria e Svezia. In questi paesi che utilizzavano il cavallo nella terapia fisica, il termine “ippoterapia” fu introdotto nella letteratura medica. Durante gli anni ’70 negli Stati Uniti d’America, l’ippoterapia iniziò a essere standardizzata. Fu standardizzato da un gruppo di terapisti canadesi e americani che si recarono in Germania per imparare l’ippoterapia verso la fine degli anni ’80. L’American Hippotherapy Association (AHTA) è stata fondata nel 1992 e ha istituito un protocollo ufficiale e internazionale. Nel 1994 sono stati stabiliti il ​​documento di certificazione e gli standard per lo specialista clinico certificato in ippoterapia (HPSC) e nel 1999 è stato realizzato il primo esame di certificazione. Questo programma di certificazione comprende tre fasi e comprende un periodo di formazione di 3 anni.

Il team di ippoterapia è composto da un terapista, un addestratore di cavalli e istruttori di equitazione che camminano su entrambi i lati del cavallo. L’ippoterapia viene applicata in presenza di un fisioterapista, un cavallo e un esperto. Il fisioterapista controlla l’andatura del cavallo, la velocità dell’andatura e l’orientamento del cavallo in varie direzioni e tutti questi movimenti inducono reazioni neuromuscolari e sensoriali nel paziente. L’ippoterapia fornisce un feedback sensoriale, usando i movimenti del cavallo e grazie a questa caratteristica viene utilizzata in diverse condizioni neurologiche. Munoz-Lasa et al. ha confrontato l’ippoterapia e la terapia fisica tradizionale su 27 pazienti con sclerosi multipla. Il team ha potuto constatare marcati miglioramenti nei commenti di valutazione della mobilità orientata alle prestazioni e due parametri di andatura (tempo di salto e forza di reazione al suolo).

Hanno concluso che nei pazienti con SM ambulatoriale l’ippoterapia può migliorare l’equilibrio e l’allineamento posturale. Nel loro programma di formazione a domicilio basato su Internet, Frevel D et al. indagato sull’effetto dell’ippoterapia sull’equilibrio posturale dei pazienti con sclerosi multipla, applicata sessioni di ippoterapia due volte alla settimana (n = 9) o terapia domiciliare effettuati su Internet (n = 9) per 12 settimane e indagato capacità di equilibrio statico e dinamico in entrambi i gruppi. Hanno osservato effetti comparabili di entrambi i metodi sull’equilibrio posturale, mentre nel gruppo ippoterapico hanno notato un marcato miglioramento della fatica e della qualità della vita. L’ippoterapia agisce favorevolmente sui comportamenti dei bambini autistici. I genitori di molti bambini autistici inclusi nel programma di ippoterapia osservano notevoli miglioramenti nelle funzioni fisiche, sociali e sensoriali dei loro figli

Nei bambini con paralisi cerebrale (SP) le terapie basate sull’esercizio finalizzate al miglioramento del controllo posturale sono state utilizzate più frequentemente nell’ultimo decennio. In molti studi, gli autori hanno concluso che l’ippoterapia ha migliorato l’equilibrio e il controllo posturale. Park ES et al. ha studiato l’effetto dell’ippoterapia sulle funzioni motorie grossolane e le prestazioni funzionali nei bambini con SP (15 maschi e 19 femmine, di età compresa tra 3 e 12 anni) e applicato programmi di ippoterapia due volte alla settimana per 8 settimane ogni sessione della durata di 45 minuti. I parametri prima dell’ippoterapia erano comparabili tra i gruppi, mentre alla fine dello studio i punteggi GMFM-66 e 88 sono migliorati notevolmente (essendo più importanti nel gruppo dell’ippoterapia). Rispetto al gruppo di controllo, i punteggi PEDIFSS sono migliorati prevalentemente nel gruppo ippoterapia.

L’ippoterapia riduce i tempi di recupero e migliora l’equilibrio e il controllo muscolare del paziente. I movimenti lenti e ritmici del corpo del cavallo hanno valori terapeutici e assicurano lo sviluppo dei muscoli paraspinali. Il ritmo oscillante poliedrico di un’andatura del cavallo fa urtare le ossa della cintura pelvica del paziente due volte più fortemente dell’andatura di un paziente. I pazienti stanno rispondendo a questa divertente modalità di trattamento con maggiore rispetto ed entusiasmo. Pertanto, l’ippoterapia migliora l’equilibrio, la mobilità e la postura. Oltretutto, i bambini hanno per istinto una maggiore propensione alla socializzazione con animali; nel caso dei bambini autistici, considerati come vivere “in un mondo tutto loro”, chi non è d’accordo a fargli visitare o vivere il “loro mondo” nel modo più congeniale o divertente possibile?

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Kraft K, Weisberg J et al. Pediatr Phys Ther. 2019; 31:14-21.

Kaiser L et al. Hum. Animal Interact Bulletin 2019; 7:1–23.

Merkies K et al. Appl. Anim. Behav. Sci. 2018; 205:61–67.

Nurenberg JR et al. Behavior Psychiatr Serv. 2015; 66:80–86.

Kamioka H et al. Complement Ther Med 2014; 22:371-390.

Muñoz-Lasa S et al. G Ital Med Lav Ergon. 2011; 33:462-67.

Masini A. J Psychosoc Nurs Ment Health Serv. 2010; 48:304.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1770 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it