Multiresistenza: si fa avanti la scarlattina killer, ma nuovi antibiotici sono all’orizzonte

A livello globale, il numero di decessi per infezione è in aumento poiché più batteri diventano resistenti agli antibiotici. Nuove classi sono disperatamente necessarie. I numeri sono allarmanti: a livello globale, circa 700.000 pazienti muoiono per infezioni che avrebbero potuto essere trattate con antibiotici negli anni ’70 e ’80. Ma sempre più ceppi batterici stanno diventando resistenti. La causa: l’uso massiccio e spesso errato di antibiotici e troppo poche nuove classi di questi farmaci. Senza seri investimenti e innovazioni, entro il 2050 la resistenza agli antibiotici potrebbe richiedere fino a 10 milioni di vittime all’anno. Un promettente inibitore della resistenza è ora in fase di sviluppo da parte del gruppo di ricerca di Nathaniel Martin, professore di Chimica Biologica all’Università di Leida. Con il suo gruppo di ricerca Leiden, Martin sta lavorando a una soluzione promettente che potrebbe essere in grado di combattere i meccanismi di resistenza dei batteri. I ricercatori hanno sviluppato una nuova classe di inibitori molecolari che bloccano gli enzimi di resistenza aggressiva. Studi di laboratorio hanno dimostrato che, in combinazione con questi nuovi inibitori, gli antibiotici convenzionali sono in grado di uccidere i batteri resistenti. Martin ha recentemente richiesto un brevetto per questo metodo innovativo.

Il Dr. Martin sta anche usando la chimica organica per modificare strutturalmente gli antibiotici convenzionali e renderli più sicuri ed efficaci. Il suo gruppo di ricerca è riuscito a ridurre la tossicità di una certa classe di antibiotici, le polimixine. Questi sono antibiotici molto importanti perché sono tra le poche opzioni che i medici hanno ancora nel trattamento di alcune infezioni multi-farmaco resistenti. Nonostante il ruolo cruciale degli antibiotici, solo tre grandi aziende farmaceutiche stanno sviluppando nuovi antibiotici. La stragrande maggioranza degli antibiotici fu scoperta tra la metà degli anni ’40 e l’inizio degli anni ’70. In questo periodo, furono trovati molti antibiotici naturali – generalmente sostanze antibatteriche che si trovano nel suolo – che erano relativamente facili da trasformare in medicinali. Mentre lo sviluppo di antibiotici è diventato più difficile, l’attenzione dell’industria farmaceutica ha iniziato a spostarsi su altre malattie come il cancro. La carenza di nuovi antibiotici ha conseguenze importanti data la crescente resistenza a quelli convenzionali. Martin invita i governi a offrire incentivi alle case farmaceutiche per sviluppare nuovi antibiotici. Vede grandi opportunità di collaborazione al Leiden BioScience Park: è uno dei migliori parchi scientifici in Europa e presenta un ecosistema unico per i ricercatori universitari che cercano di creare aziende innovative spin-out.

Gli antibiotici non sono solo necessari per curare le infezioni batteriche, ma sono anche fondamentali per il moderno stabilimento medico. Ai pazienti vengono somministrati antibiotici prima di importanti procedure mediche – come una nuova anca, trapianto di organi o chemioterapia – per combattere possibili infezioni, tra le quali la scarlattina, un comune esantema dell’infanzia. Secondo un nuovo studio sui casi di scarlattina e altre infezioni da streptococco A in Inghilterra e Galles, il recente aumento dei casi è dovuto a un ceppo recentemente identificato. Ciò ha rappresentato il grande aumento del numero di casi di scarlattina verificatosi nel 2014. L’ultimo episodio di questo tipo risale agli anni ’60. Inoltre, i casi continuano ad aumentare, da 15.000 nel 2014, 17.000 nel 2015 e 19.000 o più nel 2016. Inoltre, dal 2016, questo aumento è stato associato ad un aumento della frequenza di gravi infezioni da Streptococcus che entrano nel flusso sanguigno causare infezioni invasive e setticemia. La scarlattina è una condizione che colpisce i bambini piccoli, causata da S. pyogenes, parte del gruppo di streptococchi chiamato Strep A. È così chiamato a causa della caratteristica eruzione cutanea rosso-rosata sulla pelle che accompagna i sintomi di una temperatura elevata e mal di gola. L’eruzione cutanea è dovuta alla tossina chiamata esotossina pirogenica streptococcica A (SpeA) rilasciata dal batterio. La maggior parte dei casi si verifica da marzo a maggio, ma risponde rapidamente agli antibiotici.

Sebbene molto comune e mortale nei bambini fino al 20° secolo, ha mostrato un rapido declino, sia in intensità che in numero, da allora, sebbene le ragioni non siano chiare. Lo studio mostra che il nuovo ceppo di S. pyogenes è in grado di produrre più tossina e innescare la scarlattina nei bambini vulnerabili. È anche più in grado di produrre tutti i tipi di infezione oltre alla scarlattina. Pertanto, i ricercatori pensano che sia importante monitorare il batterio sia qui che a livello globale, poiché produce più tossina SpeA che è stata ritenuta responsabile dell’aumento degli anni ’80 in gravi infezioni invasive da streptococco. I ricercatori dovranno ora esaminare se il clima e il trattamento del mal di gola nel Regno Unito hanno alcun effetto su questa diffusione, dal momento che un isolato di ciascuno di questi ceppi altamente invasivi è stato trovato negli Stati Uniti e in Danimarca.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Watts V et al., Lamagni T. Emerg Infect Dis. 2019; 25(3):529-537.

Lin MH et al. Mol Cell Proteomics. 2018 Dec; 17(12):2496-2507. 

van Harten RM et al.Trends Microbiol. 2017 Jun; 25(6):467-479. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1668 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

Commenta per primo