HomeBENESSERE & SALUTETachipirina: sicura in gravidanza per la madre, forse non così tanto per...

Tachipirina: sicura in gravidanza per la madre, forse non così tanto per il bimbo come si pensava

Il paracetamolo è spesso usato per alleviare il dolore durante la gravidanza ed è il trattamento di scelta raccomandato dal SSN. La maggior parte degli studi epidemiologici che valutano i potenziali effetti avversi dell’assunzione di paracetamolo durante la gravidanza si sono concentrati sull’asma infantile e i risultati di molti di essi hanno confermato un’associazione certa. Recentemente, alcuni studi di coorte hanno anche verificato se l’uso del farmaco è associato a determinati esiti neurocognitivi e molti di questi hanno implicato iperattività. Tuttavia, per confermare questi risultati, sono necessarie ulteriori informazioni e risultati, afferma il team. Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Bristol ha trovato ulteriori prove che collegano l’assunzione di paracetamolo durante la gravidanza con potenziali esiti avversi comportamentali e cognitivi durante l’infanzia. L’autore principale, Dr.ssa Jean Golding, afferma che i risultati rafforzano il consiglio che le donne dovrebbero essere caute quando assumono farmaci durante la gravidanza. Come recentemente riportato sulla rivista Pediatric and Perinatal Epidemiology, i ricercatori hanno studiato se l’assunzione di paracetamolo durante la mezza gravidanza (18-32 settimane di gestazione) fosse associata a qualsiasi esito cognitivo e comportamentale in una grande coorte di bambini di età compresa tra 6 mesi e 11 anni. I bambini hanno anche avuto la loro memoria e test del QI fino a quando non hanno raggiunto l’età di 17 anni.

Il team ha utilizzato i dati raccolti dall’Avon Longitudinal Study of Parents and Children (ALSPAC) a 32 settimane di gestazione che si riferivano al periodo di gestazione da 18 a 32 settimane. Conosciuto anche come studio “Bambini degli anni ’90”, ALSPAC è uno studio di coorte di nascita leader a livello mondiale che ha monitorato la salute di 14.500 famiglie nell’area di Bristol. A 32 settimane, è stato identificato il 43,9% delle donne che aveva assunto il paracetamolo “a volte” o su una base più frequente nei tre mesi precedenti. In primo luogo, il team ha utilizzato un’analisi dell’esposoma per determinare tutti i fattori di fondo associati alle donne che assumevano il farmaco e tali fattori sono stati quindi adattati mentre eventuali associazioni con esiti infantili sono state valutate utilizzando l’analisi di regressione. I ricercatori hanno utilizzato i risultati di test di memoria, QI e di sviluppo pre-scolastico, nonché misure di temperamento e comportamento. Lo studio ha identificato un’associazione tra l’uso materno di paracetamolo e comportamenti difficili dell’infanzia come iperattività e problemi di attenzione, sulla base dei comportamenti segnalati dalle madri quando i bambini avevano 42 e 47 mesi. Tuttavia, sono state osservate poche associazioni con esiti comportamentali o neurocognitivi dopo che i bambini avevano raggiunto i 7-8 anni di età, indipendentemente dal fatto che fossero basati su segnalazioni della madre o di un insegnante.

Ciò suggerisce che l’uso di paracetamolo durante la mezza gravidanza non avrebbe più un effetto negativo sugli esiti cognitivi e comportamentali quando i bambini raggiungessero la fine della scuola primaria. Il dott. Jean Golding, autore principale, sottolinea l’importanza di garantire che i risultati vengano testati in ulteriori studi utilizzando altri set di dati o metodologie poiché il team non era in grado di mostrare un nesso causale, ma solo un’associazione. I ricercatori affermano che se l’uso di paracetamolo nella gravidanza da metà a fine ha un effetto negativo sugli esiti neurocognitivi nei bambini, sembra correlarsi principalmente al periodo prescolare. Sarebbe anche utile ora valutare se i bambini più grandi e gli adulti sono privi di problemi comportamentali difficili se la madre avesse preso il paracetamolo. Il SSN informa che se una madre sta avvertendo dolore durante la gravidanza, il paracetamolo è di solito un antidolorifico sicuro da assumere. Tuttavia, prima di assumere il medicinale, le donne devono consultare un medico. Per le donne in gravidanza che avvertono dolore durante qualsiasi fase della gravidanza, il paracetamolo è il trattamento di scelta per alleviare il dolore lieve o moderato e per ridurre la febbre. Tuttavia, la dose efficace più bassa deve essere utilizzata nel periodo più breve possibile.

Se la dose raccomandata non è sufficiente per alleviare i sintomi, è necessario chiedere ulteriori consigli al medico di famiglia o all’ostetrica. Le raccomandazioni sull’uso dell’ibuprofene sono diverse e dipendono dallo stadio della gravidanza. Idealmente, l’uso di qualsiasi farmaco durante la gravidanza dovrebbe essere evitato durante la gravidanza, specialmente durante il primo trimestre. Dolori minori e dolori o raffreddori di solito non richiedono farmaci, ma le donne che sentono di aver bisogno di prenderlo dovrebbero consultare prima il proprio medico di famiglia, l’ostetrica o la farmacia locale.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifche

Golding J et al. Paediatr Perinat Epidemiol. 2019 Sep 15.

Chen MH et al. Bai YM. J Clin Psychiatry. 2019 Sep 10;80(5).

Galletly C. Aust N Z J Psychiatry. 2019 Mar; 53(3):181-183.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI