HomeRICERCA & SALUTECrisofarmaci per la cura del cancro: arriva "la vera età dell'oro"?

Crisofarmaci per la cura del cancro: arriva “la vera età dell’oro”?

Le persone conoscono i benefici terapeutici di certi metall da migliaia di anni. Dopotutto, i metalli sono elementi naturali coinvolti in una serie di attività cellulari e sono compatibili con il corpo umano, almeno fino a un certo punto. Gli antichi egizi e cinesi hanno usato con successo oro e rame per curare la sifilide. Allo stesso modo, i medici della Grecia classica hanno somministrato cinabro (solfuro di mercurio) per trattare malattie degli occhi, tracoma e altre condizioni. Nel 18° secolo, la pozione di arsenico (il liquore di Fowler) veniva usata per curare l’anemia e il linfatismo e Charles Darwin ne faceva uso. Certi derivati dell’​​antimonio sono ancora tra le possibili scelte terapeutiche per il trattamento della leishmaniosi. Negli ultimi decenni, il cisplatino a base di platino è stato un composto di scelta nel trattamento di molti tumori. È particolarmente efficace per arrestare il cancro ai testicoli, con un tasso di successo superiore al 90%. Tuttavia, l’utilità del cisplatino e di altri farmaci antitumorali a base di metallo è stata limitata a causa della loro tossicità, della loro resistenza ad altri farmaci nel sistema di una persona e della mancanza di stabilità a lungo termine.

A metà degli anni ’60, il ricercatore Barnett Rosenberg stava conducendo esperimenti con i batteri Escherichia coli quando scoprì che elettrificando i suoi elettrodi di platino – che aveva ironicamente selezionato per la presunta inerzia – causò una brusca interruzione della divisione cellulare batterica. Presto trovò il motivo: un composto, chiamato cisplatino, che gli elettrodi avevano prodotto come reazione elettrochimica. Le ulteriori ricerche di Rosenberg hanno rivelato la notevole efficacia del cisplatino nell’arrestare la crescita dei tumori nei topi attraverso lesioni create sul DNA Dalla sua eventuale approvazione per uso umano nel 1978, il cisplatino è diventato uno strumento importante nella lotta contro il cancro, sia da solo che in combinazione con altri composti. Ora, uno studio della RMIT University di Melbourne, in Australia, i cui risultati compaiono in Chemistry: an European Journal, ha annunciato la progettazione di quattro molecole bioattive a base d’oro per l’uso nel trattamento del cancro. Le molecole a base di oro di nuova concezione sembrano essere più sicure ed efficaci nella lotta contro il cancro rispetto a importanti terapie a base di platino.

Studi preclinici hanno dimostrato che queste molecole sono fino a 24 volte più efficaci del cisplatino nell’uccidere alcune cellule tumorali. Sono anche migliori nell’arrestare la crescita del tumore e sono resistenti ad altri farmaci, permettendo loro di rimanere efficaci più a lungo. Il team che ha progettato le nuove molecole, il Molecular Engineering Group di RMIT, riunisce chimici sintetici e farmacologi che condividono decenni di esperienza nello sviluppo di molecole d’oro per usi specifici. In questo caso, i ricercatori hanno progettato molecole che mirano strettamente alle cellule tumorali senza danneggiare le cellule sane. Le loro molecole inibirebbero anche la produzione di tioredoxina reduttasi, un enzima antiossidante associato alla crescita del cancro e alla resistenza ai farmaci. Inoltre, le molecole hanno proprietà antinfiammatorie utili per alleviare il gonfiore spesso presente nei siti tumorali. Questa capacità può anche suggerire un ruolo per le molecole a base d’oro nello sviluppo di future terapie contro l’artrite.

Invece, non è una novità che i sali di oro vengano usati nel campo reumatologico. Anche l’oligoterapia afferma che i sali di oro hanno effetto antireumatico e ricostituente. Già nel Ventesimo secolo fu sperimentato l’auro-tio-glucosio, che si rivelò un insuccesso per l’artrite ma un successo per lo studio dell’obesità. Esso, infatti, distrugge le cellule dell’ipotalamo responsabili della sazietà, per cui gli animali sviluppano iperfagìa, un incontrollabile senso di fame. Dalla sua elaborazione venne l’auranofina, un derivato fosfina-oro che si dimostrò abbastanza efficace nell’artrite reumatoide. Ma fu abbandonato alla fine degli anni ’80 per la sua tossicità da accumulo e per l’avvento di farmaci più efficaci. Alcune molecole anticancro a base di oro erano state studiate negli anni ’70, ma non sono mai uscite dal laboratorio e non hanno subito ulteriore sviluppo per perdita di interesse. Al loro posto ci si concentrati sui derivati dell’iridio e, a partire degli anni ’90 anche dello stesso platino, di cui ci sono derivati anticancro perfezionati. Questi (carboplatino, satraplatino, picoplatino) sono più solubili nei grassi e risultano efficaci anche nei tumori cerebrali.

I ricercatori hanno completato studi preclinici in vitro e in vivo che hanno dimostrato l’effetto citotossico delle loro molecole su cellule maligne prostatiche, mammarie, della cervice uterina, del colon e del melanoma. Hanno anche rallentato la crescita tumorale negli animali fino al 46,9%, rispetto al 29% del cisplatino. Il Molecular Engineering Group sta ora cercando di ottenere finanziamenti per i suoi prossimi passi: studi clinici sull’uomo e approvazione normativa. Il dott. Suresh Bhargava, leader del gruppo di ricerca, sottolinea lo status di agente terapeutico a lungo instabile dell’oro come agente terapeutico: “Sappiamo che l’oro è prontamente accettato dal corpo umano e sappiamo che è stato usato per migliaia di anni nel trattamento varie condizioni. Tuttavia, l’oro è stato testato sul mercato, ma non validato scientificamente. Il nostro lavoro sta aiutando sia a fornire la base di prove che manca, sia a fornire nuove famiglie di molecole che sono fatte su misura per amplificare le naturali proprietà curative dell’oro”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Bhargava SK, Reddy TS et al., Kuncha M. Chemistry 2019 Aug 14.

Ganga Reddy V et al., Bhargava S. Inorg Chem. 2019; 58(9):5988.

Srinivasa Reddy T et al. Dalton Trans. 2018; 47(43):15312-15323.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI