Amianto e tumore polmonare: le stime più corrette ed aggiornate a livello internazionale

Il mesotelioma è un tumore raro con prognosi molto scarsa. I tassi di sopravvivenza a cinque anni sono inferiori al 5% e la sopravvivenza mediana per i pazienti con mesotelioma maligno è di solo 1 anno. La relazione tra mesotelioma ed esposizione all’amianto è stata al centro di un ampio corpus di ricerche che abbracciano decenni. È stato stimato che, tra il 1994 e il 2008, i tassi di mortalità per mesotelioma adeguati all’età sono aumentati del 5,37% all’anno in tutto il mondo. Il tasso di incidenza varia tra meno di 1 caso per 100.000 persone negli stati senza industria dell’amianto a 2-3 casi per 100.000 persone negli stati con un’industria dell’amianto. Questi numeri molto probabilmente sottovalutano la vera incidenza poiché, anche con lo sviluppo della classificazione internazionale delle malattie, decimo sistema di codifica di revisione, circa il 20-25% dei mesoteliomi non è codificato correttamente e pertanto non viene catturato dalle statistiche. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, i più alti tassi di incidenza standardizzati per età nel 2018 sono stati osservati negli Stati Uniti, in Australia, Russia, Europa occidentale, Turchia, Sudafrica e Argentina. Inoltre, l’Australia, la Nuova Zelanda e il Regno Unito, dove c’è stato un grosso onere dell’esposizione all’amianto, mostrano un declino temporale dei tassi di mortalità del mesotelioma nei maschi, probabilmente grazie all’introduzione di leggi normative. Invece, i tassi in quei paesi tra le donne sono ancora in aumento dal 2018.

Il più alto consumo mondiale di amianto dal 1995 al 2003 si è verificato in Russia, Cina, Tailandia, Brasile, India, Kazakistan, Iran e Ucraina. Nel 1990, l’uso dell’amianto nella maggior parte dei paesi industrializzati era stato ridotto di almeno il 75% dal picco del consumo di amianto. L’Iran, la Corea, il Cile e l’Egitto hanno raggiunto lo stesso livello di riduzione dell’uso dell’amianto nel 1999, così come la Nigeria, lo Zimbabwe, gli Emirati Arabi Uniti, l’Ucraina e il Kazakistan tra il 2000 e il 2005.14 Altri paesi, come la Federazione Russa, l’India, e la Cina, dove viene ancora utilizzato l’amianto, dovrebbe mostrare drammatici aumenti dell’incidenza del mesotelioma aggiustato per età e dei tassi di mortalità nei prossimi anni. L’amianto divenne ampiamente utilizzato come importante risorsa industriale in molti paesi tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. È stato utilizzato negli Stati Uniti negli anni ’70 ed è ancora utilizzato in alcuni paesi in via di sviluppo. Tra il 1999 e il 2015, il numero annuale di decessi per mesotelioma maligno negli USA è aumentato da 2479 a 2597. Il tasso di morte, in alternativa, è stato stimato essere diminuito in quel periodo da 14 a 11 morti per milione. Queste percentuali rappresentano una sfida da proiettare e non hanno preso specificamente in considerazione i casi di mesotelioma risultanti da un’esposizione non professionale. Poiché la latenza tra l’esposizione e la comparsa è compresa tra 30 e 50 anni, un picco di incidenza successivo sarebbe ragionevole attenderselo.

L’esposizione all’amianto in un contesto professionale, incluso l’estrazione dell’amianto o il lavoro in una fabbrica che utilizza l’amianto nel processo di fabbricazione, è un fattore di rischio critico associato a una maggiore probabilità di sviluppare il mesotelioma. Alcuni studi di revisione hanno anche dimostrato che l’esposizione non professionale all’amianto comporta anche un elevato rischio di mesotelioma, tuttavia una ricerca considerevolmente minore è stata dedicata a questo argomento e con risultati meno coerenti. Ciò è probabilmente dovuto in parte alle sfide poste dalla misurazione e dalla classificazione dell’esposizione che si verificano al di fuori del contesto professionale. Le definizioni di diversi tipi di esposizione non professionale all’amianto sono variate in letteratura con una nomenclatura della via di esposizione simile e talvolta confusa [10]. Le esposizioni non professionali all’amianto sono generalmente divise in tre fonti in base al percorso di esposizione: vicinato, famiglia e domestico. L’esposizione nel vicinato si riferisce generalmente ai risultati dell’esposizione vivendo vicino a fabbriche di amianto o siti di amianto naturale (NOA). L’esposizione delle famiglie deriva dall’esposizione a materiali contenenti amianto utilizzati nelle strutture domestiche (ad es. tetti, isolamento), da hobby domestici (ad es. giardinaggio) o progetti di miglioramento della casa. L’esposizione domestica si riferisce all’esposizione alle fibre portate a casa dai lavoratori dell’amianto sui loro vestiti o sui loro capelli o vivendo nella stessa casa con persone esposte sul lavoro.

Altri termini usati anche per descrivere l’esposizione non professionale in letteratura come l’esposizione residenziale, che è correlata all’esposizione del vicinato, e il termine esposizione ambientale che spesso include l’esposizione del vicinato e della famiglia ma non l’esposizione domestica. Una recente meta-analisi ha esplorato l’associazione tra esposizione non professionale all’amianto e al mesotelioma pleurico. Sono stati inclusi 18 studi in 12 paesi comprendenti 665 casi; un rischio significativamente aumentato di mesotelioma pleurico è stato riportato sia per l’esposizione domestica che per quella da vicinato. Sono stati osservati diversi punti di forza in base al tipo di fibra, con le associazioni più forti osservate quando era presente l’anfibolo e le più deboli quando era presente il crisotilo. Pertanto, i tipi di fibre a cui sono esposti i residenti influenzano i tassi di mesotelioma. Le fibre di crocidolite e amosite sono considerate la principale causa di mesotelioma tra gli individui esposti a fini professionali. E finora si credeva che fossero quasi esclusivi per la stragrande maggioranza dei casi noti di mesotelioma. D’altronde, stabilire un’esposizione accurata all’amianto è un processo complicato. Le storie di esposizione sono generalmente affidabili a livello di coorte, ad esempio quando si studia una coorte di individui esposti all’amianto in modo professionale, come i minatori dell’amianto, i lavoratori dei cantieri navali, e così via.

Ma la loro affidabilità diminuisce a livello individuale perché, all’interno di una determinata categoria di lavoratori, l’esposizione può variare notevolmente. Inoltre, gli individui potrebbero non ricordare correttamente gli eventi che si sono verificati 30-50 anni prima. Ragion per cui, sul campo, un’attenta storia clinica può aiutare a scoprire le fonti ambientali di esposizione, avvisando le autorità sanitarie locali di attuare misure preventive che possono salvare la vita.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Carbone M et al. CA Cancer J Clin 2019; 69: 402-29.

Rojas L, Cardona AF et al. Thor Cancer 2019; 10:508.

Allen LP et al. Int J Env Res Public Health 2018; 15:531.

Marsh GM et al. Occup Environ Med. 2017; 74:838-846.

Mazurek JM et al. Morb Mortal Wkly Rep. 2017; 66:214.

Baumann F et al. Lancet Oncology 2013; 14:576-578.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2227 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments