HomeALIMENTAZIONE & SALUTE"Candida diet": il protocollo alimentare per trattare una delle micosi più comuni

“Candida diet”: il protocollo alimentare per trattare una delle micosi più comuni

La candidosi si riferisce a un’infezione fungina che deriva da una crescita eccessiva di Candida. Può interessare la bocca (mughetto orale), la gola, l’esofago e la vagina (candidosi vaginale). Il genere Candida comprende oltre 100 diverse specie di lievito che vivono sulla pelle e in bocca, gola, intestino e vagina. Le normali concentrazioni di lievito Candida favoriscono la salute dell’intestino e l’assorbimento dei nutrienti e aiutano anche la digestione. Tuttavia, avere troppo di questo lievito nel corpo o sulla pelle può portare ad infezioni. I sintomi della candidosi della bocca, della gola o dell’esofago includono: macchie bianche all’interno della bocca, infiammazione e mal di gola, dolore durante il pasto o la deglutizione e secchezza persistente della bocca. I sintomi della candidosi della vagina includono: prurito o indolenzimento della vagina e della vulva, dolore durante la minzione o durante un rapporto sessuale e spesse perdite vaginali bianche. Le infezioni da Candida genitali lievi o moderate possono essere trattate con un breve ciclo di crema o pillole da banco o da banco. Un medico può anche prescrivere un farmaco antifungino orale, come il fluconazolo.

Secondo alcune fonti, mangiare ed evitare determinati alimenti può ridurre o prevenire le infezioni da lieviti Candida. Tuttavia, mancano prove scientifiche a sostegno di questa affermazione. Le persone che seguono la dieta candida limitano o evitano determinati alimenti, come zucchero, glutine, alcool e alcuni prodotti caseari, che possono favorire la crescita del lievito Candida nel corpo. La dieta prevede anche l’assunzione di grassi salutari e cibi antinfiammatori. Queste raccomandazioni rendono una dieta salutare per la maggior parte delle persone. Tuttavia, la ricerca non ha ancora confermato l’efficacia della dieta nel ridurre le infezioni da lieviti. La “dieta Candida” richiede alle persone di evitare cibi e bevande che potrebbero aumentare il rischio di crescita eccessiva di Candida. Questi includono glutine, zucchero (il tipo di zucchero da tavola e cibi ricchi di amido), prodotti alcolici e alcuni tipi di prodotti lattiero-caseari. La dieta si concentra invece sul consumo di proteine ​​magre, grassi salutari, verdure non amidacee e probiotici. Lo scopo di questi alimenti è aiutare a ridurre al minimo l’infiammazione e bilanciare le concentrazioni di batteri all’interno dell’intestino.

Secondo i risultati di uno studio di laboratorio del 2017, concentrazioni più elevate di glucosio possono favorire la crescita di Candida. I ricercatori hanno anche scoperto che gli alimenti contenenti fruttosio potrebbero impedire la crescita della Candida in bocca. Teoricamente, le persone possono avere un rischio inferiore di sviluppare infezioni da Candida se eliminano alimenti che contribuiscono alla crescita del lievito. Tuttavia, le attuali prove scientifiche devono ancora confermare l’efficacia della dieta. I ricercatori hanno esaminato come diverse sostanze dietetiche promuovono o riducono la crescita di Candida in una serie di studi su cellule e animali. Tuttavia, non sanno se risultati simili si applicherebbero all’uomo. A causa della mancanza di studi sull’uomo di alta qualità e su larga scala, i ricercatori non sanno quanto è probabile che la dieta candida sia efficace. Molti fattori possono influenzare il rischio di una persona di sviluppare una crescita eccessiva di Candida, tra cui una scarsa igiene personale, un recente uso di antibiotici, cicli di corticosteroidi, un sistema immunitario indebolito o determinate condizioni mediche come il diabete o l’insufficienza renale.

Come risultato di questi molteplici fattori, è difficile prevedere come i cambiamenti nella dieta influenzeranno il rischio di un individuo. Poche ricerche hanno esaminato direttamente gli effetti della dieta sulle infezioni da Candida. Tuttavia, la dieta candida è complessivamente salutare, quindi ci sono pochi rischi per provarla. Alcune ricerche supportano l’idea di sostituire lo zucchero con alternative come lo xilitolo. In uno studio in vitro del 2018, i ricercatori hanno scoperto che lo xilitolo ha proprietà antimicrobiche e può aiutare a prevenire la crescita di Candida in bocca. I risultati di un altro studio in vitro suggeriscono che l’assunzione elevata di zucchero consente al lievito Candida di legarsi alle cellule all’interno della bocca. Tuttavia, lo xilitolo produce l’effetto opposto, rendendo più difficile per il lievito legarsi alle cellule. Gli autori di un articolo di revisione del 2015 notano che zuccheri raffinati e latticini ricchi di lattosio possono favorire la crescita del lievito, abbassando i livelli di pH nel tratto digestivo. La dieta candida vieta qualsiasi forma di glutine. La teoria è che il glutine può danneggiare il rivestimento intestinale e che può anche svolgere un ruolo nel contribuire alla disbiosi.

Uno studio di alcuni mesi fa, infine, ha valutato la colonizzazione della Candida intestinale in base alla dieta. Tutti coloro che sono stati reclutati nello studio hanno compilato una questionario dettagliato sulle loro abitudini alimentari e la loro dieta è rimasta invariata. I ricercatori hanno prelevato periodicamente campioni di tampone buccale e fecale, per la conta delle specie di Candida presenti. La maggiore era rappresentata da C. albicans, seguita da C. glabrata e C. krusei (generalmente non patogene). Nel gruppo con Candida positiva, più della metà ha dichiarato di aver mangiato farina di frumento. Nel gruppo con Candida spp. negative, venivano consumati farinacei con farine alternative in modo significativamente più frequente. Oltre il 50% degli intervistati ha consumato formaggio naturale quark regolarmente. I formaggi tipo quark sono stati mangiati significativamente più spesso (p=0.005) nel gruppo con Candida negativa. La maggior parte degli intervistati ha ammesso l’uso di diversi tipi di oli vegetali alimentari. Più frequentemente usati erano oli vegetali compreso l’olio d’oliva. Nel gruppo con Candida positiva, la maggior parte degli intervistati ha usato oli vegetali, la minoranza degli intervistati ha scelto il burro.

Dopo aver analizzato il consumo di prodotti contenenti una grande quantità di acidi grassi saturi, gli autori di questa ricerca hanno riferito che le persone con Candida spp. negativa. le culture consumavano significativamente più formaggio giallo e quark, che sono la fonte di acidi grassi a catena corta. L’olio di cocco è ricco di acidi grassi a catena media e corta. L’olio di cocco usato in condizioni di vitro ha inibito la crescita di C. albicans e ha portato alla morte dei ceppi. Questo effetto è stato principalmente attribuito agli acidi grassi a catena corta come caprico (C10:0) e laurico (C12:0). D’altro canto, gli acidi grassi a catena lunga contenuti nell’olio di soia (C16 e C20) e nel sego di manzo hanno favorito la crescita di C. albicans. In uno studio sperimentale con ratti, la colonizzazione con C. albicans è stata più bassa nei topi nutriti con olio di cocco che nei topi alimentati con sego di manzo o olio di soia. A conferma del dato sperimentale, dopo aver analizzato il consumo di prodotti contenenti una grande quantità di acidi grassi saturi, gli autori di questa ricerca hanno riferito che le persone con Candida spp. Negative consumavano significativamente più formaggio giallo e quark, che sono fonti di acidi grassi a catena corta.

Tutti coloro che avevano tamponi buccali e fecali positive per le specie di Candida studiate, erano consumatori di patate, un alimento a base di carboidrati complessi (amidi). I carboidrati portano ad una proporzione più alta di crescita di Candida spp. nel tratto digestivo, mentre la crescita del lievito è inibita dagli acidi grassi saturi. È stato riferito che i probiotici e i flavonoidi vegetali inibiscono la crescita delle specie di Candida. Quindi una dieta a base di cibi fermentati, fibre vegetali e frutta e/o verdure ricchi di polifenoli, consumati crudi, possono essere la base per limitare le infezioni da Candida come possibilmente da altri agenti fungini.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Jeziorek M et al. Rocz Panstw Zakl Hig. 2019; 70:195-200.

Bochniak M, Kusiak A. Dental Forum. 2017; 45(1):11-20:

Gunsalus KTW et al. Host Microbe Biology 2015; 1(1):1-16.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI