HomeMALATTIEMALATTIE RAREAtrofia muscolare spinale: il farmaco va bene per tutte le forme e...

Atrofia muscolare spinale: il farmaco va bene per tutte le forme e per tutte le età

La SMA è una malattia dei motoneuroni autosomica recessiva progressiva che colpisce da 1 a 8.000 a 10.000 persone in tutto il mondo. Mentre le persone con SMA possono inizialmente stare in piedi e camminare senza aiuto, alla fine la debolezza muscolare peggiora fino a quando non è necessaria l’assistenza in sedia a rotelle. La SMA è causata dalla perdita o dal danno al gene del motoneurone 1 (SMN1) di sopravvivenza che produce la proteina SMN. La gravità della malattia è correlata al numero di copie del gene SMN2. Questa malattia si manifesta come grave e progressivo deperimento muscolare (atrofia) e debolezza causata dalla perdita di motoneuroni. Dei cinque sottotipi di SMA, SMA3 è all’estremità più mite dello spettro e può iniziare tra 18 mesi e 12 anni o più. Nel giugno 2017, le agenzie di regolamentazione antidroga statunitensi ed europee hanno approvato Nusinersen per il trattamento di tutti i sottotipi di SMA senza limiti di età. Tuttavia, fino ad ora, non c’erano dati a supporto del suo utilizzo per gli adulti con SMA3. Pertanto e nonostante l’ampia approvazione, in alcuni paesi Nusinersen è stato prescritto solo a pazienti di età inferiore ai 18 anni. Nusinersen è un farmaco progettato per trattare la SMA causata da mutazioni nel cromosoma 5q. È un oligonucleotide antisenso (ASO) che aiuta a superare la carenza di proteine ​​SMN convertendo funzionalmente il gene SMN2 nel gene SMN1, consentendo di produrre più proteine ​​SMN.

Viene generalmente somministrato per via intratecale come una serie di dosi di carico e manutenzione. In assenza di dati provenienti da studi clinici o dati sulla vita reale in pazienti adulti con SMA, i sistemi sanitari in diversi paesi hanno coperto il costo di Nusinersen solo per pazienti con SMA fino a 18 anni o anche più giovani. Questa esclusione di pazienti adulti con SMA ha portato alla continuazione di un’esigenza insoddisfatta. Uno studio pubblicato sul Journal of Neuromuscular Diseases presenta le prime prove di lieve miglioramento o stabilizzazione della funzione motoria e respiratoria, negli adulti con atrofia muscolare spinale di tipo 3 (SMA3) trattati con Nusinersen, come è avvenuto anche nei pazienti che hanno avuto la malattia per 20 anni o più. Questi risultati dimostrano l’efficacia di Nusinersen al di là dei tipi e delle fasce di età, aprendo la strada al trattamento per adulti. In questo studio prospettico di osservazione, 17 su 19 pazienti con SMA3 hanno completato un periodo di osservazione di 10 mesi. I pazienti avevano un’età compresa tra 18 e 59 anni e la durata della malattia era compresa tra 6 e 53 anni. La maggioranza (63%) dei pazienti poteva camminare mentre il 37% non poteva. Nusinersen è stato somministrato per via intratecale (nel liquido spinale) al giorno 1, 14, 28 e 63, seguito da dosi di mantenimento ogni quattro mesi fino a 300 giorni. Il test funzionale è stato eseguito al basale e poi ripetuto dopo 2 (Visita 4), 6 (Visita 5) e 10 (Visita 6) mesi.

I risultati dello studio hanno indicato che anche nei pazienti con un decorso della malattia di lunga durata – fino a 53 anni prima dell’inizio del trattamento – il miglioramento della funzione motoria ha superato le aspettative degli investigatori di semplice stabilizzazione della malattia, giustificando il trattamento oltre l’infanzia e la prima adolescenza. Significativi miglioramenti sono stati osservati nel 6-Minute-Walk-Test (6MWT) quando valutato a 6 e 10 mesi. Il miglioramento della distanza variava da 24 metri a 83 metri in 7 pazienti. Il miglioramento medio negli 11 pazienti ambulatoriali è stato di 8,25 metri (mediana 40,5 metri). Rispetto alla storia naturale della malattia, dove è stato descritto un declino annuale di 9,7 metri, la differenza si aggiunge a quasi 18 metri. Il trattamento con Nusinersen ha anche mostrato cambiamenti significativi nel test rivisto degli arti superiori (RULM), migliorando la funzione motoria degli arti superiori in 6 su 17 pazienti in visita 6 mentre 9 pazienti sono rimasti stabili. Il picco del flusso di tosse, una misura della funzione respiratoria, è migliorato significativamente alla visita 5. Negli studi sui biomarcatori, è stato osservato un significativo declino dell’enolasi neuro-specifica (NSE) e di un altro marker neuronale, la fosfo-tau (pTAU). Si pensa che questi biomarkers siano indicativi del danno neuro-assonale nelle malattie neurodegenerative.

Maggie C. Walter, MD, MA, Professore associato di Neurologia, Friedrich-Baur-Institute, Dipartimento di Neurologia dell’Università Ludwig-Maximilians, Monaco, Germania, ha commentato: “La nostra ricerca indica un lieve effetto terapeutico negli adulti con SMA di lunga data3 dopo 10 mesi di trattamento con Nusinersen con conseguente cambiamento positivo nelle misure funzionali, che non era mai stato visto nella storia naturale della malattia. Negli ultimi decenni, abbiamo potuto vedere i nostri pazienti progressivamente deteriorarsi nel corso degli anni e la nostra unica opzione era quella di raccomandare la fisioterapia. Ora, per la prima volta, si spera che la progressione della malattia possa essere rallentata o addirittura interrotta e che il miglioramento sia possibile, anche nei pazienti con malattia di vecchia data, se è ancora presente una funzione motoria conservata residua”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Walter MC et al. J Neuromuscul Dis. 2019;6(4):453-465. 

Bortolani S et al. Neuromuscul Disord. 2019 Oct; 29(10). 

Vill K et al. J Neuromuscul Dis. 2019; 6(4):503-515.

De Vivo DC et al. Neuromuscul Disord. 2019 Sep 12.

Montes J et al. PLoSOne 2018; 13:e0199657.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI