HomeBENESSERE & SALUTEArtrite reumatoide: le comorbidità si accumulano dopo la diagnosi, che deve essere...

Artrite reumatoide: le comorbidità si accumulano dopo la diagnosi, che deve essere perciò molto precoce

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica che può colpire non solo le articolazioni, ma può anche danneggiare un’ampia varietà di sistemi corporei, inclusi polmoni, cuore e vasi sanguigni. A differenza del danno da usura dell’osteoartrite, l’artrite reumatoide colpisce il rivestimento delle articolazioni, causando un gonfiore doloroso che può causare erosione ossea e deformità articolari. Le comorbidità, o altre malattie o condizioni croniche, sono state collegate a risultati più scarsi per i pazienti con artrite reumatoide, tra cui peggioramento della disabilità fisica, declino funzionale, scarsa qualità della vita e aumento della mortalità. Quest’ultima dipenderebbe anche da un aumentato rischio di comparsa di carrdiovasculopatie. Mentre esistono alcune ricerche sulle comorbilità e sui loro effetti, una nuova ricerca fa leva sulla imponenza e ricchezza di dati della Mayo Clinic Biobank, che contiene dati su 74 comorbilità e l’età di insorgenza di tali comorbilità. La Biobank della Mayo Clinic è una raccolta di campioni, inclusi sangue e derivati ​​del sangue, e informazioni sulla salute donate dai pazienti della Mayo Clinic e da altri volontari. Tra i suoi valori distintivi per questa ricerca vi è la profondità delle informazioni sanitarie autosufficienti raccolte, incluso un ampio elenco di comorbidità.

Uno studio condotto dalla Mayo Clinic su 3.276 pazienti ha scoperto che le persone con malattia infiammatoria intestinale, diabete di tipo 1 o coaguli di sangue possono essere ad aumentato rischio di sviluppare l’artrite reumatoide. Lo studio, pubblicato in Mayo Clinic Proceedings, ha anche scoperto che le persone che hanno l’artrite reumatoide sono ad aumentato rischio di sviluppare malattie cardiache, coaguli di sangue e apnea notturna. I risultati hanno importanti implicazioni per comprendere come si sviluppa l’artrite reumatoide. Potrebbe anche portare a precedenti iniziative di individuazione e screening per altre malattie e condizioni. Lo studio ha identificato 821 pazienti con artrite reumatoide che sono stati diagnosticati presso la Mayo Clinic in Minnesota e in Florida tra gennaio 2009 e febbraio 2018 e ha arruolato 2.455 partecipanti al controllo, per un campione totale di 3.276 partecipanti. I ricercatori hanno scoperto che 11 comorbidità erano associate all’artrite reumatoide, tra cui epilessia e fibrosi polmonare. Tra le altre nuove informazioni dello studio, i coaguli di sangue si sono verificati più comunemente nei casi di artrite reumatoide prima della diagnosi, suggerendo che l’infiammazione sistemica può iniziare prima che i sintomi dell’artrite reumatoide diventino clinicamente evidenti.

Anche l’associazione con il diabete di tipo 1 prima della diagnosi di artrite reumatoide era forte, evidenziando l’importanza di un sospetto maggiore di artrite reumatoide in pazienti con malattie autoimmuni e viceversa. Vanessa Kronzer, MD, ricercatrice senior in reumatologia presso la Mayo Clinic, ha spiegato e commentato: “Abbiamo scoperto che le comorbilità si accumulano in modo accelerato dopo la diagnosi di artrite reumatoide. Abbiamo anche scoperto che le malattie autoimmuni e l’epilessia possono predisporre allo sviluppo dell’artrite reumatoide, mentre le malattie cardiache e altre condizioni possono svilupparsi a causa dell’artrite reumatoide. I nostri risultati suggeriscono che le persone con condizioni come il diabete genetico o la malattia di Crohn, devono essere attentamente monitorate per l’artrite reumatoide. Inoltre, le persone che hanno l’artrite reumatoide e i loro fornitori di assistenza sanitaria dovrebbero avere aumentato il sospetto e una soglia bassa per lo screening di malattie cardiovascolari, coaguli di sangue e apnea del sonno. Nel nostro dipartimento sono già in corso ricerche per studiare l’anamnesi familiare di comorbilità e la loro associazione con l’artrite reumatoide”.

A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Bucourt E et al. Courtois AR. Pain Medicine 2019, Nov 9. 

Peterson S, Piercy J et al. BMC Rheumatol. 2019 Oct 28; 3:43.

Kronzer VL et al. Arthritis Rheumatol. 2019; 71(8):1217-1224. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI