Mestruazioni dolorose: alimentazione a tavola e antidolorifici naturali a disposizione

Quando si parla di antidolorifici naturali si fa riferimento a tutti quei rimedi che la natura ci offre in alternativa ai notissimi FANS (farmaci anti-infiammatori non steroidei) utilizzabili per contrastare dolori e infiammazioni a carico di diversi organi e parti del corpo, in particolare testa, muscoli o articolazioni. Svariati alimenti, erbe, spezie e piante officinali, infatti, sono dei veri e propri analgesici naturali. Alcuni di essi sono molto efficaci per curare affezioni dolorose comuni, come il mal di denti, le cefalee, mal di gola, gli strappi muscolari e i dolori articolari, o gli stati dolorosi provocati dal ciclo mestruale, che li rendono efficaci rimedi naturali. E quest’ultimo caso è particolarmente delicato, poiché tutte le donne che hanno raggiunto il menarca conoscono il “fastidio mensile”. In caso di mestruazioni dolorose (sindrome pre-mestruale), poi, il disturbo di fa molto diffuso e, solitamente e come da prescrizione medica, si ricorre ai FANS per trovare sollievo da tutto il complesso sintomatico che affligge qualche centinaio di milioni di donne in tutto il mondo. Non sono numeri da poco ed il fattore serio è che compromettono la qualità di vita, le rese lavorative e personali quotidiane.

La tavola può venire in aiuto alle donne che sono affette da irregolarità mestruali o ciclo doloroso. Vi sono alimenti che contengono princìpi attivi in grado di interferire con il dolore nella zona genitale. Per esempio, non tutte sanno che l’avena è il cereale femminile per eccellenza: esso è molto ricca di fosforo, magnesio e zinco, minerali che hanno un ruolo essenziale per la milza. Infatti, l’intensità del flusso mestruale è controllata in parte da una buona funzionalità di quest’organo. L’avena, inoltre, contiene alcune sostanze azotate di cui non si conosce il meccanismo d’azione, pur risultando analgesiche della zona pelvica. Altri alimenti particolarmente ricchi di magnesio sono i legumi, certa frutta a guscio (noci, mandorle), le barbabietole ed il cacao puro. Un altro alimento che rafforza la milza è il limone: l’acido citrico che conferisce la sua asprezza, a livello metabolico viene convertito in bicarbonati, che sono alcalinizzanti del sangue. Le donne con acidosi causata dall’eccessivo consumo di alimenti dolci e zuccherini artificiali, infatti, è più propensa ad avere mestruazioni più dolorose rispetto a chi consuma più frutta e verdura.

Anche le spezie e le piante officinali non sono da meno, molte di esse sono antidolorifiche in generale, altre lo sono in distretti specifici. Lo zenzero (Zingiber officinale) possiede una buona specificità per l’apparato genitale ma anche intestinale, considerando che una parziale componente dolorosa del ciclo mensile deriva da crampi intestinali. Le prostaglandine infatti, mediatori tipici del dolore mestruale, possono avere effetto spastico sulla muscolatura intestinale oltre che uterina. Salvia e timo sono ricche di olii essenziali e polifenoli che sono anti-infiammatori ed analgesici diretti per la sindrome pre-mestruale; possono essere consumate come condimento diretto, oltre che come tisana. Una pianta officinale efficace anche se non molto conosciuta è l’agnocasto (Vitex agnus-castus), ricca di composti fenolici ed iridoidi simili a quelli delll’artiglio del diavolo. La sua attività si esplica a livello dell’ipofisi e del diencefalo, inibendo la produzione dell’ormone FSH e favorendo quella di LH e prolattina. Questo sposta l’equilibrio estro-progestinico a favore del progesterone e attenua tutte le manifestazioni dismenorroiche e premestruali.

Ancora più comune e specifica per la donna è l’ortica bianca (Lamium album), ricca di composti decongestionanti e saponine antiflogistiche della pelvi. Gli iridoidi che contiene regolano gli ormoni agendo sull’asse cerebrale fra dopamina ed ipofisi, ragion per cui la pianta ha potere emmenagogo (favorisce cioè la mestruazione, evitando che il ristagno di sangue causi dolore interno. Non si dimentichi l’alloro (Laurus nobilis), che viene usato preparando un decotto con le foglie fresche o secche. Esso è un antispastico diretto della muscolatura liscia interna, ragion per cui è usato contro crampi allo stomaco e all’intestino. Tuttavia, il suo uso costante a cominciare da 4-5 giorni prima della comparsa del ciclo, può attenuare notevolmente la componente dolorosa della mestruazione. Infine, la camomilla può essere utile perché il suo olio essenziale e i terpeni che contiene sono antispastici come quelli dell’alloro. L’effetto, però, non si ottiene con la classica bustina in una tazza, bensì con 2 o 3 per avere anche azione simile ai FANS.

Non ci sono controindicazioni all’uso degli analgesici naturali e se ve ne sono rappresentano pericoli trascurabili; tuttavia, è importante assumerli sempre dietro consulto medico soprattutto in concomitanza a condizioni mediche permanenti e serie (es. diabete, cardiopatie, endometriosi), per evitare pericolose interazioni farmacologiche e prevenire l’insorgere di problemi peggiori.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Testi scientifici dedicati

Benigni R, Capra C, Cattorini PF. Piante Medicinali. Inverni e Della Beffa Ed. (1971).

Tommaso Palamidessi. Guarire con le piante medicinali. Opera in 5 volumi. (1998).

Michael Tierra. Grande manuale di Erboristeria. Vol. 1-2. Ed. Mediterranee (2019).

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1809 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it