HomeMALATTIEMALATTIE SISTEMA NERVOSOMalattia di Huntington: opinioni fra trends di ricerca attuale ed etica diagnostica

Malattia di Huntington: opinioni fra trends di ricerca attuale ed etica diagnostica

La malattia di Huntington è una malattia genetica incurabile che viene ereditata in modo autosomico dominante. Una diagnosi della malattia di Huntington può essere molto angosciante da ricevere per un paziente e la sua famiglia. Non esiste una cura per la malattia di Huntington e alla fine i pazienti richiedono cure palliative a tempo pieno. La malattia è attualmente oggetto di approfondite ricerche che sono in corso per comprendere il meccanismo della proteina huntingtina (Htt) e in che modo esattamente la sua mutazione provoca danni al cervello. Molta attenzione è stata posta sull’identificazione di come funziona l’Htt e su come l’Htt mutata (mHtt) interrompe questa funzione e causa la malattia del cervello. Gli studi condotti finora hanno incluso studi in vitro, modelli animali e volontari umani. I modelli animali sono essenziali per chiarire i meccanismi di base di questa malattia e per le prime fasi dello sviluppo di trattamenti. In origine, questi modelli animali includevano animali con danno cerebrale indotto chimicamente che li portava a presentare sintomi simili a quelli osservati nella malattia di Huntington.

Tuttavia, questi modelli non potrebbero riflettere la natura progressiva della malattia. Da allora, l’identificazione del gene HTT ha significato lo sviluppo di modelli animali transgenici che esprimono la huntingtina mutata e quindi dimostrano sintomi neurodegenerativi e altre caratteristiche della malattia mentre progredisce. Attualmente, la ricerca si concentra su tre aree principali per cercare di capire come rallentare la progressione della malattia di Huntington. Questi includono come ridurre la produzione della proteina mutante di huntingtina, come migliorare la capacità di una cellula di sopravvivere agli effetti dannosi e come sostituire i neuroni che sono stati persi. Il silenziamento genico è un’area che viene studiata come mezzo per ridurre la produzione della proteina mutata. Questo mira a fermare l’espressione dell’unico gene dominante che codifica per mHtt. Nei modelli murini, il silenziamento dell’mHtt porta a un miglioramento dei sintomi e la sicurezza del silenziamento genico è stata ora dimostrata nei primati. Ci sono stati trials clinici con nucleotidi antisenso che hanno dato risultati molto buoni.

Esempi di tecniche studiate per migliorare la sopravvivenza cellulare dell’mHtt sono la modifica della regolazione trascrizionale mediante inibitori dell’istone deacetilasi (HDAC1) per modulare l’espressione genica; e migliorare il metabolismo, la funzione mitocondriale e rettificare le sinapsi disfunzionali con metaboliti speciali. Per quanto riguarda la sostituzione neuronale, il trapianto di cellule staminali per sostituire i neuroni danneggiati si è dimostrato efficace a vari livelli in diversi studi su animali e umani. Sebbene il futuro della terapia con cellule staminali come potenziale trattamento sia ancora indeciso, la tecnica fornisce uno strumento utile per le attuali ricerche sulla malattia. Un importante problema etico che circonda la malattia di Huntington riguarda il test genetico utilizzato per diagnosticare la malattia. Ciò solleva interrogativi sull’età che un paziente deve avere prima di essere considerato abbastanza maturo per sottoporsi a test, quanto in modo confidenziale vengono gestiti i risultati e se questi devono essere utilizzati per aiutare le decisioni in materia di occupazione, assicurazione e altri aspetti finanziari.

Nel 1910 Charles Davenport fece una proposta molto controversa che le persone con determinate malattie, inclusa la malattia di Huntington, fossero soggette alla sterilizzazione obbligatoria e al controllo dell’immigrazione, come parte del movimento eugenetico. Un’altra questione etica nel dibattito sulla malattia di Huntington è l’uso delle cellule staminali embrionali nella ricerca e nello sviluppo di terapie per curare la malattia. L’uso di esperimenti su animali e modelli animali transgenici che sono stati geneticamente modificati per sviluppare i sintomi della malattia è anch’esso oggetto di dibattito etico. Lo sviluppo di un test genetico in grado di diagnosticare la malattia di Huntington ha portato a numerosi dibattiti sociali, etici e legali in termini di come accedere e utilizzare tali risultati. Per la maggior parte delle procedure di test, esistono linee guida rigorose per la divulgazione e la riservatezza che consentono ai pazienti di decidere quando ricevere i loro risultati e a chi sono resi disponibili.

Nel Regno Unito, la maggior parte delle società ha accettato di astenersi dall’utilizzare qualsiasi informazione genetica durante la stipula di polizze assicurative. Tuttavia, la malattia di Huntington è un’eccezione a questo accordo. Un altro problema controverso è il test pre-sintomatico di un bambino o un adolescente. Come condizione che in genere ha una successiva insorgenza dei sintomi, le persone si chiedono se questo test possa essere di beneficio per gli individui. È stato generalmente concordato che solo le persone considerate cognitive mature dovrebbero essere testate, ma un contro-argomento è che i genitori dovrebbero essere autorizzati a prendere la decisione per conto del proprio figlio. Esistono anche preoccupazioni etiche relative ai test prenatali e all’analisi preimpianto. Ad esempio, una diagnosi prenatale positiva della malattia di Huntington può portare all’interruzione selettiva della gravidanza, che è considerata inaccettabile da alcuni.

Sono stati fatti notevolissimi passi avanti nella comprensione di questa condizione genetica, ma molto resta da fare sul lato etico: è un po’ il richiamo a problemi come cellule staminali si o no, aborti terapeutici si o no e simili: chi decide quello che è giusto?

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wild EJ, Tabrizi SJ. Moviment Disord. 2019 Oct; 34(10):1434-1439.

McColgan P, Tabrizi SJ. European J Neurol. 2018 Jan; 25(1):24-34.

Jimenez-Sanchez M et al. Cold Spring Harb Persp Med. 2017 Jul 5;7(7).

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI