Vene varicose: cosa sono, quali i fattori di rischio, le opzioni di prevenzione e terapia

Cosa sono le varicosi venose?

Le vene varicose sono vene ingrossate, contorte, gonfie che sono visibili sotto la superficie della pelle. Queste vene si trovano principalmente nelle gambe e occasionalmente causano dolore da lieve a moderato, coaguli di sangue e ulcera cutanea. Qualsiasi danno alle valvole venose può provocare vene varicose. Le vene che trasportano il sangue deossigenato dai tessuti del corpo al cuore contengono valvole unidirezionali per facilitare il flusso sanguigno unidirezionale. Tuttavia, il riflusso del sangue è possibile quando le valvole diventano deboli o danneggiate, portando a pool di sangue nelle vene, gonfiore e formazione di vene varicose. In generale, l’indebolimento delle pareti venose può potenzialmente portare alla perdita di elasticità. Di conseguenza, le pareti delle vene diventano più lunghe e più larghe, causando la separazione delle alette della valvola. Ciò successivamente provoca il flusso sanguigno all’indietro e il pool nelle vene. A causa del flusso sanguigno anomalo, le vene diventano più grandi, gonfie e contorte.

Fattori di rischio

Diversi fattori possono aumentare il rischio di vene varicose. Il fattore di rischio più comune è la storia familiare. Circa il 50% delle persone con vene varicose ha colpito i familiari. Inoltre, il deterioramento fisiologico nella vecchiaia può anche influenzare la struttura e la funzione delle valvole venose, portando a vene varicose. Altri fattori aumentano il rischio di sviluppare vene varicose. Questi includono: obesità e gravidanze ripetute, perché il peso dell’utero allargato preme sulle grandi vene iliache in cui drenano le vene delle gambe, con conseguente scarso drenaggio dalla gamba. Inoltre, il volume del sangue aumenta notevolmente durante la gravidanza. I cambiamenti ormonali, come in gravidanza e in menopausa, o con l’uso di pillole ormonali, causano cambiamenti corrispondenti nel contenuto di collagene della parete venosa, favorendo la comparsa di vene varicose. Gli ormoni femminili tendono a rilassare le pareti venose, rendendole più inclini alla raccolta di sangue.

Le vene congenite deboli sembrano importanti, che ha un’associazione familiare. La posizione prolungata, come richiesto in alcune professioni, mette a dura prova le valvole venose. Come fattore aggravante, la mancanza di movimento delle gambe provoca la distensione delle vene delle gambe con il sangue, a causa della mancanza dell’effetto di pompaggio dei muscoli del polpaccio che circondano le vene delle gambe profonde. Questo produce varicosità a tempo debito. È ancora peggio se le gambe sono incrociate o piegate, poiché il piegamento delle vene mette ulteriore pressione sulle valvole. Le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare vene varicose rispetto agli uomini. Le fluttuazioni ormonali durante la pubertà, la gravidanza e la menopausa sono associate ad un aumentato rischio. I danni traumatici alle valvole venose o la presenza di coaguli di sangue possono compromettere il normale funzionamento delle valvole e potenzialmente causare vene varicose.

Sintomatologia

Il sintomo più comune è il viola scuro delle vene di colore blu che sono facilmente visibili sotto la superficie della pelle. Sebbene per lo più non dolorose, le vene varicose a volte causano dolore da lieve a moderato. In tali casi, si verifica una sensazione dolorosa o pesante nelle gambe. Il dolore peggiora dopo una prolungata posizione eretta o seduta. Palpitazioni, crampi o gonfiore possono verificarsi anche nella parte inferiore delle gambe. In alcuni casi, la pelle intorno alle vene varicose diventa pruriginosa e scolorita. Le principali complicanze delle vene varicose sono dermatite e tromboflebite superficiale. La dermatite spesso provoca sanguinamento o formazione di ulcere cutanee dolorose e la tromboflebite è la formazione di coaguli di sangue nelle vene, causando dolore e altri problemi. Nella maggior parte dei casi, è sufficiente un esame fisico per diagnosticare le vene varicose. Dopo aver controllato l’area interessata, il medico può chiedere al paziente segni e sintomi, quali posizione e intensità del dolore. Una conferma ecografica può inoltre servire a controllare le funzioni delle valvole o la presenza di trombi.

Autogestione e prevenzione

Le vene varicose possono essere trattate con cambiamenti nello stile di vita o procedure mediche. Se i sintomi sono lievi, i cambiamenti dello stile di vita sono sufficienti per trattare la condizione. I cambiamenti nello stile di vita che sono efficaci nella gestione delle vene varicose comprendono un regolare esercizio fisico, per migliorare il flusso sanguigno e il tono muscolare e perdere peso in caso di sovrappeso. Inoltre, evitare sedute prolungate o in piedi con le gambe incrociate o piegate, evitare di indossare panni stretti intorno alla vita, all’inguine e alle gambe; per le donne, meglio evitare di indossare tacchi alti per migliorare il tono dei muscoli del polpaccio. Mentre si dorme, infine, si provi ad alzare le gambe sopra il livello del cuore. Oltre a ciò, i medici raccomandano anche calze a compressione per migliorare la condizione. Queste calze esercitano una leggera pressione sulle gambe, prevenendo la stasi e il gonfiore del sangue nelle gambe.

Sono molte le preparazioni commerciali sottoforma di capsule, compresse, pomate o bustine che sono indicate per il trattamento delle vene varicose. La maggior parte di esse è a base di estratti di piante come l’ippocastano (Aesculum hyppocastanum), centella (Centella asiatica), vite rossa (Vitis vinifera) e ruta (Ruta graveolens). Queste piante sono motlo ricche in tannini, a nota azione astringente, ed altri polifenoli che hanno azione anti-infiammatoria sui tegumenti vascolari. Lenendo l’infiammazione esse impediscono la permeabilizzazione dei vasi, l’edema venoso ed il dolore o il senso di peso conseguenti. Parlando di tavola, non ci sono alimenti in grado di contrastare la sintomatologia, specie quella dolorosa, associata alle vene varicose. Tradizionalmente si raccomandano frutti o verdure molto scure e ricche di polifenoli ed antocianine che hanno azione preferenziale sui capillari. Fra questi mirtilli, ribes, lamponi, susine, prugne e cipolle rosse. A basso dosaggio anche il vino rosso o nero può essere utile per il suo apporto di polifenoli. Integratori di polifenoli e vitamina C sono poco efficaci.

In caso di vene varicose gravi, i medici raccomandano diverse procedure mediche per rimuovere o chiudere le vene varicose. Gli effetti collaterali comuni di queste procedure includono dolore lieve, scolorimento della pelle, lividi e gonfiore. La scleroterapia è usata per trattare le vene varicose più piccole. Nella procedura, una sostanza chimica viene iniettata nella vena interessata che provoca irritazione e cicatrici all’interno della vena. Ciò successivamente provoca la chiusura della vena e scompare entro poche settimane. La scleroterapia con schiuma viene utilizzata per trattare le vene varicose più grandi in cui viene iniettata una soluzione di schiuma per formare cicatrici e chiudere la vena. Nella chirurgia laser, l’energia luminosa di un laser viene applicata sulle vene varicose, il che fa scomparire lentamente le vene. Questo intervento chirurgico non invasivo è efficace nel trattamento delle vene varicose più piccole.

Nella terapia di ablazione endovenosa, un piccolo catetere viene inserito nella vena varicosa e la punta del catetere viene riscaldata mediante radiofrequenza o energia laser. Il calore viene utilizzato per distruggere e chiudere la vena. Nella chirurgia endoscopica delle vene, viene inserita una minuscola fotocamera sulla punta di un tubo sottile per visualizzare, chiudere e successivamente rimuovere la vena varicosa attraverso piccole incisioni. Questa tecnica viene utilizzata in casi estremi quando altre procedure falliscono. La flebectomia ambulatoriale viene anche utilizzata per rimuovere le vene varicose molto vicine alla superficie della pelle. L’alta legatura e la spogliatura delle vene comportano la legatura di una vena varicosa e la rimozione attraverso piccole incisioni. La rimozione della vena safena (safenectomia) è la procedura chirurgica più comune ed affermata, si fa in day-surgery ed è risolutiva nel 95% dei casi.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2362 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it