Artrite reumatoide: le connessioni fra salute mentale e ricadute

Alcune ricerche del Dipartimento di Biologia Infiammatoria, Scuola di Immunologia e Microbiologia del King’s College di Londra, ha dimostrato che esiste un aumento del rischio di riacutizzazione della malattia nei pazienti con artrite reumatoide (AR) che soffrono di depressione. Questi risultati possono aiutare i medici a prendere decisioni terapeutiche più personalizzate. Le ricadute nella RA si presentano come episodi acuti di dolore e infiammazione nelle articolazioni di un paziente. Questi possono essere imprevedibili e debilitanti. I dati di uno studio recente sono stati analizzati per identificare se vi fossero dei predittori di ricadute nei pazienti con AR con malattia stabile, che riducono gradualmente la loro terapia. I trattamenti più efficaci nell’AR sono i farmaci biologici, come gli inibitori del fattore di necrosi tumorale (TNF-alfa) che riducono gonfiore e infiammazione. Questi agenti hanno rivoluzionato le cure in RA, pur avendo tuttavia alcuni svantaggi. Esiste un rischio associato di infezioni dovuto alla loro attività immunosoppressiva. I farmaci non possono essere assunti per via orale e devono essere iniettati. Infine, sono costosi da produrre e comportano un costo elevato delle risorse sanitarie.

È stato istituito uno studio clinico per esaminare l’impatto della riduzione lenta della dose di inibitori del TNF per i pazienti che erano privi di sintomi con bassa attività della malattia (nella remissione della RA). Questo studio era intitolato “Ottimizzazione del trattamento con inibitori del fattore di necrosi tumorale nell’artrite reumatoide” (OPTTIRA). I risultati di OPTTIRA mostrano che la riduzione graduale della terapia con TNFi è fattibile, sicura ed efficace in pazienti selezionati con AR. Lo studio dimostra che riducendo del 33% l’inibitore del TNF, non aumenta le riacutizzazioni o peggiora la disabilità o la qualità della vita, e in alcuni pazienti può essere possibile interrompere la terapia biologica. Tuttavia è necessaria una ricerca futura per aiutare a capire come personalizzare queste decisioni. Allo stato attuale, non esistono metodi standardizzati per identificare quali pazienti possono razionare con successo la terapia senza riacutizzazioni. Un’ulteriore analisi dello studio OPTTIRA è stata condotta dalla Dr.ssa Katie Bechman per identificare se vi fosse un legame tra la salute mentale di un paziente e la probabilità di nuove acuzie durante la riduzione della terapia.

I disturbi della salute mentale sono comuni nei pazienti con AR. Il 17% dei pazienti soffre di depressione maggiore e fino al 50% dei pazienti presenta sintomi depressivi significativi. Scarsa salute mentale è associata a dolore e stanchezza. Questo ha dimostrato di influenzare la risposta al trattamento quando la terapia è iniziata alla diagnosi di RA. Fino ad ora, nessuno studio aveva indagato l’impatto della salute mentale sui pazienti che stavano diminuendo la terapia con AR. Lo scopo di questo studio era di determinare se la salute mentale predisse la probabilità di una riacutizzazione della malattia, il che potrebbe portare a trattamenti futuri più personalizzati. Nello studio, 97 pazienti hanno ridotto la dose di anti-TNF del 33% o del 66%. Quarantuno pazienti si sono accasciati. I pazienti con disabilità, affaticamento e scarsa salute mentale (inclusa depressione e ansia) erano più predisposti a ricadere. Il punteggio di salute mentale varia da 0 a 100, con punteggi più bassi che indicano sintomi depressivi più gravi. Con ogni decremento di 10 punti nel punteggio di Salute Mentale, il rischio di nuove acuzie aumenta del 19%.

Collettivamente, lo studio ha rilevato che un peggior punteggio di salute mentale è stato associato a riacutizzazione della malattia nei pazienti con RA sottoposti a riduzione graduale del trattamento. Per garantire il successo con la riduzione graduale, è necessario eseguire uno screening della salute mentale. Ciò aiuterà i medici a prendere decisioni terapeutiche più personalizzate in futuro.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Bechman K et al. J Rheumatol. 2018 Nov; 45(11):1515.

Bechman K et al. RMD Open. 2018 May; 4(1):e000676.

Rongen GA et al. Clin Rheumatol. 2018 Apr; 37(4):909.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2365 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it