Prima mestruazione: se è troppo precoce il rischio cardiaco futuro pare salire

Le donne che hanno iniziato i loro periodi all’età di 13 anni o meno, hanno circa 1,8 volte più probabilità di soffrire di un ictus rispetto a quelle che hanno iniziato all’età di 15 anni. Queste donne sono anche più a rischio di infarto cerebrale, in cui una sezione di il tessuto cerebrale muore a causa della riduzione del flusso sanguigno e dell’ossigeno. Questo è secondo una ricerca recentemente pubblicata sulla rivista Neuroepidemiology. Le donne che hanno interrotto le mestruazioni a 45 anni o più giovani hanno anche maggiori probabilità di avere un infarto cerebrale, ma non un ictus, rispetto alle donne che hanno iniziato la menopausa all’età di 50 anni. Prove crescenti suggeriscono che l’età delle donne inizia e interrompe i loro periodi, noti come menarca e la menopausa, rispettivamente, fattore in molte malattie. Comprendere le connessioni, se esiste una causa diretta o se può semplicemente aiutare nella previsione, potrebbe consentire agli operatori sanitari di sviluppare misure di prevenzione più efficaci. Per studiare la relazione tra ictus e mestruazioni, tra il 1998 e il 2010, un gruppo di ricerca guidato dalla Tohoku University e dalla Teikyo University School of Medicine ha seguito un gruppo di 1.412 donne in postmenopausa nella città rurale giapponese di Ohasama.

Attraverso questionari iniziali e sondaggi di follow-up, hanno monitorato l’età delle donne in menarca e menopausa, se e quando hanno avuto un ictus, e altri fattori come altezza, peso, malattie cardiache e ipertensione. Dopo aver preso in considerazione i fattori di confusione, i ricercatori hanno ancora trovato un’associazione statisticamente significativa tra il rischio di ictus e il menarca precoce. Questa scoperta supporta un altro studio che ha trovato la stessa tendenza tra le donne di mezza età nel Regno Unito. Gli studi di altri gruppi non hanno trovato un’associazione forte, ma i ricercatori sottolineano che la maggior parte di quegli studi si è concentrata sulla relazione tra menarca e mortalità per ictus, non solo sul rischio di ictus. L’inizio delle mestruazioni è influenzato, tra gli altri, da fattori genetici, comportamentali e socioeconomici. Cercare di ritardare il menarca per aiutare a prevenire l’ictus è un concetto particolarmente interessante dato che le ragazze delle nazioni sviluppate stanno iniziando i loro periodi prima. Tuttavia, poiché lo studio si applicava solo a una specifica popolazione rurale, sono necessarie ulteriori ricerche per concludere che ritardare il menarca sarebbe un’efficace misura di prevenzione dell’ictus.

Per fare più chiarezza, i ricercatori hanno analizzato i dati ottenuti dalla biobanca britannica, un ampio studio basato sulla popolazione di oltre mezzo milione di uomini e donne fino a 69 anni, reclutati tra il 2006 e il 2010, nel tentativo di trovare potenziali associazioni. In questo studio, ai partecipanti è stato chiesto di compilare questionari basati sul loro stile di vita, ambiente e anamnesi e che includevano un’ampia gamma di fattori riproduttivi. Sono stati inoltre sottoposti a test clinici per valutare le loro condizioni di salute fisica e funzionale e che hanno comportato l’analisi di campioni di urina, sangue e saliva. Le condizioni di salute di 267.440 donne e 215.088 uomini, nessuna delle quali aveva una malattia cardiaca quando sono entrati nello studio, sono state monitorate fino a marzo 2016 o fino a quando non hanno subito il loro primo infarto o ictus, a seconda di quale evento si sia verificato per primo. L’età media delle donne all’inizio dello studio era di 56 anni, con il 51% dal terzo più ricco della popolazione del Regno Unito. Sei su 10 non avevano mai fumato.

L’età media in cui avevano iniziato ad avere periodi era di 13 anni; L’85% era incinta e il 44% aveva almeno due figli. L’età media alla quale avevano avuto il loro primo figlio era di 26 anni. Una donna su quattro aveva avuto un aborto spontaneo e il 3% aveva avuto un parto morto. Quasi due terzi di loro avevano subito la menopausa a un’età media di 50 anni. Il 42% degli uomini aveva avuto due figli prima dell’inizio dello studio. Durante il periodo di monitoraggio dello studio che è durato 7 anni, sono stati registrati 9054 casi di malattie cardiache, di cui il 34% era nelle donne. Il totale comprendeva 5782 casi di malattia coronarica e 3489 casi di ictus, che comprendevano rispettivamente il 28% e il 43% delle donne. I risultati dell’analisi dei dati hanno indicato che le donne che avevano periodi prima dei 12 anni avevano un rischio aumentato del 10% di malattie cardiache rispetto a quelle che avevano 13 anni o più. Allo stesso modo, le donne che avevano subito una menopausa precoce (prima dei 47 anni) avevano un aumento del 33% del rischio di malattie cardiache e del 42% un aumento del rischio di ictus, dopo aver preso in considerazione altri fattori potenzialmente influenti.

Precedenti aborti erano collegati ad un aumentato rischio di malattie cardiache, con ogni aborto che aumentava il rischio del 6%. La nascita di bambini morti ha anche aumentato il rischio di malattie cardiache del 22% e l’ictus del (44%). L’isterectomia è stata associata ad un elevato rischio di malattie cardiovascolari del 12% e di malattie cardiache del 20%. Le donne alle quali erano state asportate le ovaie prima di un’isterectomia erano soggette a un doppio rischio aumentato di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto a quelle che non avevano avuto queste procedure. Un altro fattore di rischio era la giovane età alla prima genitorialità, con ogni anno in più che riduce il rischio di malattie cardiache di circa il 3%. Ma la somiglianza tra il numero di bambini e le malattie cardiache per uomini e donne ha suggerito che i fattori biologici erano meno importanti di quelli sociali, psicologici e comportamentali. Poiché si tratta di uno studio osservazionale, non vi sono state conclusioni definitive su causa ed effetto. Inoltre, le informazioni sui fattori riproduttivi si basavano sul richiamo e i risultati potrebbero non essere stati completamente accurati.

Tuttavia, lo studio è stato ampio e i ricercatori sono stati in grado di spiegare una serie di fattori che potrebbero aver distorto i dati. Secondo il team di scienziati, in conclusione, uno screening cardiovascolare più frequente sembrerebbe sensato tra le donne che sono all’inizio del loro ciclo riproduttivo o che hanno una storia di eventi riproduttivi avversi o un’isterectomia, poiché ciò potrebbe aiutare a ritardare o prevenire la loro insorgenza di malattie cardiovascolari.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Plompen MVL et al. Maturitas. 2020 Jan; 131:34-39.

Campbell B, Simpson J et al. Respirology 2019 Jul 11.

Lee JJ et al. J Am Heart Assoc. 2019; 8(12):e012406.

Zhu D et al. Eur J Epidemiol. 2019 Mar; 34(3):235-246.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1866 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it