Acqua potabile: i residui della clorazione si legano al rischio di tumore della vescica

Oltre 6.500 nuovi casi di cancro alla vescica in Europa sono causati dall’esposizione a sostanze chimiche chiamate trialometani (THM) presenti nell’acqua potabile. Questo numero rappresenta circa il 5% di tutti i tumori della vescica nel continente. Lo studio, pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives questo mese, è un tentativo pioneristico di stabilire i livelli di queste sostanze chimiche nell’acqua del rubinetto fornita in 26 paesi dell’Unione Europea. I THM sono sottoprodotti del processo di disinfezione dell’acqua per uso potabile, effettuato principalmente con cloro. È già noto attraverso studi precedenti che l’esposizione a THM attraverso varie vie, incluso l’ingestione, l’inalazione o il contatto con la pelle, aumenta il rischio di cancro alla vescica. Le informazioni personali a vita sul consumo di acqua e le abitudini legate all’acqua sono state raccolte per 1.219 casi e 1.271 controlli in uno studio caso-controllo 1998-2001 in Spagna ed è stato collegato ai livelli di THM nelle aree di studio geografico. L’esposizione a lungo termine al THM è stata associata a un doppio rischio di cancro alla vescica. Tuttavia, il nuovo studio ha utilizzato informazioni sui livelli di THM presenti nell’acqua del rubinetto nelle città europee, per calcolare il rischio attribuibile di cancro alla vescica. In altre parole, gli autori volevano scoprire quanti di questi tumori sono sorti a causa dell’esposizione a THM nell’acqua potabile.

I ricercatori hanno inizialmente assunto l’oneroso compito di ottenere le informazioni sui livelli di THM che potrebbero essere considerate rappresentative per l’intero paese, per ciascuno dei paesi dell’UE. Al fine di ottenere questi dati, i ricercatori hanno chiesto al personale municipale di controllo della qualità dell’acqua di compilare questionari che chiedevano le concentrazioni di THM totali e individuali nei campioni di acqua raccolti dal rubinetto, nonché all’interno dei tubi di distribuzione e negli impianti in cui l’acqua è stata trattata. Oltre ai dati comunali, hanno anche fatto uso di fonti di dati aperte online, rapporti sulla qualità dell’acqua e letteratura scientifica su questo argomento. Hanno raccolto dati sui livelli dei singoli THM, vale a dire cloroformio, bromo-diclorometano, dibromo-clorometano e bromoformio per il loro studio. Infine, sono stati in grado di raccogliere le informazioni desiderate da 26 paesi dell’UE, ad eccezione di Bulgaria e Romania, che hanno fornito loro dati sul 75% della popolazione. I ricercatori, però, non sono stati in grado di ottenere tutti i dati desiderati ai fini dello studio da questi paesi. I risultati hanno mostrato molte differenze tra i livelli di THM da un paese all’altro. In tutti i paesi dell’UE, il livello nell’acqua potabile era, per fortuna, ben al di sotto del limite consentito dell’UE di 100 μg/L, con una media di 11,7 μg/L.

Tuttavia, le concentrazioni più elevate da segnalare erano superiori al limite in 9 paesi, che vanno da Cipro e l’Ungheria a Irlanda, Spagna, Portogallo e Regno Unito. Ciò rende lo studio particolarmente rilevante per quei paesi, oltre che per una dozzina di paesi con livelli medi di THM elevati. I ricercatori hanno ora svolto un lavoro statistico per scoprire come il livello medio di THM fosse associato all’incidenza del cancro alla vescica in ciascun paese, usando il database internazionale del cancro alla vescica. Ciò ha consentito loro di stimare il numero di casi che potrebbero essere attribuiti all’esposizione a THM. Di conseguenza, hanno scoperto che circa 6.500 casi di cancro alla vescica ogni anno potrebbero essere dovuti all’esposizione al THM. Naturalmente, il rischio attribuibile variava da paese a paese, con l’onere più elevato in Spagna e nel Regno Unito, rispettivamente a circa 1.500 e 1.350 casi, sia a causa del maggior numero di casi che del numero più elevato di persone. La percentuale più alta attribuibile di casi è stata riscontrata a Cipro, al 23%, mentre Malta e Italia avevano il 17% e Spagna e Grecia circa il 10%. Il rischio più basso attribuibile era in Danimarca, allo 0%, mentre Paesi Bassi, Germania, Austria e Lituania avevano meno dello 0,5%.

I ricercatori hanno commentato che negli ultimi 20 anni sono stati fatti grandi sforzi per ridurre i livelli di trialometani in diversi paesi dell’Unione Europea, tra cui la Spagna. Tuttavia, i livelli attuali in alcuni paesi potrebbero ancora comportare un notevole onere per il cancro alla vescica, che potrebbe essere prevenuto ottimizzando il trattamento delle acque, le pratiche di disinfezione e distribuzione e altre misure. Il modo migliore per ridurre questi livelli è iniziare con i 13 paesi in cui i livelli medi sono più alti. Una volta che questi si riducono alla media UE di 11 μg/L, il numero stimato di tumori della vescica per questo motivo potrebbe essere ridotto del 44%. Questo studio mostra quindi l’onere del cancro alla vescica attribuibile all’esposizione al THM nell’acqua del rubinetto e suggerisce modi per controllarlo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica

Pubblicazioni scientifiche

Evlampidou I et al. Environ Health Perspect. 2020 Jan; 128(1):17001.

Cotruvo JA, Amato H. Dose Response 2019; 17(1):1559325818807781.

Villanueva CM et al. Environ Health Perspect. 2017; 125(1):56-65.

Villanueva CM et al. Am J Epidemiol. 2007 Jan 15; 165(2):148-56.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2447 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it