Menopausa: a parte lo stile di vita, la scienza vaglia se e quanto sono utili gli integratori

I classici sintomi della menopausa – vampate di calore, insonnia e secchezza vaginale – sono stati in genere trattati con terapia estrogenica. Gli studi pubblicati oggi riportano che anche le opzioni non ormonali sono efficaci. Questi trattamenti possono comportare una terapia cognitiva per aiutare un paziente a dormire o utilizzare basse dosi di una classe di farmaci chiamati inibitori selettivi della captazione della serotonina (SSRI) per trattare le vampate di calore. Gli SSRI sono stati tradizionalmente usati per trattare la depressione, ma i ricercatori hanno scoperto che basse dosi hanno effettivamente ridotto le vampate di calore e la sudorazione notturna. L’articolo riassume 10 anni di dati provenienti da cinque studi randomizzati condotti dal gruppo di ricerca noto come MsFLASH. L’autore senior del documento, la Dr.ssa Katherine Guthrie della divisione di Scienze della Salute pubblica presso il Centro di ricerca sul cancro di Fred Hutchinson, ha dichiarato: “Le vampate di calore sono le più comuni, ma molti sintomi fastidiosi si presentano nelle donne in menopausa. Il National Institutes of Health ci ha chiesto di offrire opzioni alle donne per il trattamento dei sintomi della menopausa. Il nostro obiettivo è stato quello di aiutare le donne e i loro medici a identificare quali opzioni terapeutiche funzioneranno meglio per loro e, in definitiva, a migliorare la loro qualità di vita”.

Gli scienziati hanno osservato che molte donne tollerano vampate di calore e sudorazioni notturne, in una certa misura, ma ciò che vedono più donne preoccupate è la loro capacità di dormire o fastidiosi cambiamenti di umore, che influisce sulla loro capacità di funzionare nel loro lavoro o a casa. Lungo questa linea, il gruppo ha scoperto che la terapia comportamentale cognitiva erogata tramite conversazioni telefoniche era molto efficace per migliorare il sonno. Questo non era stato studiato prima, con la linea del partito che l’estrogeno era efficace per dormire durante la mezza età. Ma hanno scoperto che un intervento telefonico era buono quanto la terapia con estrogeni, se non meglio. Sarebbe emozionante vedere le organizzazioni sanitarie che cercano di implementare una semplice terapia telefonica per i problemi del sonno in menopausa. Lo studio ha anche valutato i trattamenti più comuni, come l’uso del supplemento di erbe cohosh nero o una dieta ricca di soia per trattare le vampate di calore. I ricercatori hanno completato cinque studi clinici randomizzati e tre studi ausiliari, testando nove interventi in oltre 1.300 donne e raccogliendo quasi 16.000 bio-campioni. Escitalopram, venlafaxina a rilascio prolungato ed estradiolo a basso dosaggio hanno ridotto le vampate di calore di circa il 50% rispetto a una riduzione del 30% del placebo.

Non sono stati osservati benefici sui sintomi vasomotori con lo yoga o l’esercizio fisico rispetto alla normale attività, né con l’integrazione di omega-3 rispetto al placebo. La terapia cognitivo comportamentale per l’insonnia ha ridotto i sintomi dell’insonnia auto-riportati e ha migliorato la qualità generale del sonno rispetto al controllo dell’educazione della menopausa. Gli studi hanno trovato questi trattamenti inefficaci. Anche lo yoga, l’esercizio fisico e gli acidi omega-3 sono stati valutati per il sollievo delle vampate di calore, ma nessuna è stata supportata dai dati dello studio. Il primo autore, il dottor Reed, si è affrettato ad aggiungere che lo yoga e l’esercizio fisico aiutano la qualità generale della vita e della salute. La ricerca futura esaminerà il microbioma vaginale delle donne in menopausa e l’area del cervello accanto all’ipotalamo, che regola la temperatura corporea e gli stimoli freddi. Gli scienziati sanno che c’è un sacco di crosstalk tra i neuroni nel centro riproduttivo e questo centro termoregolatorio, e che parlano a vicenda tramite biomediatori. Sono in fase di sviluppo farmaci non ormonali per la termoregolazione, il sonno e l’aumento di peso e possono fornire sollievo alle donne con gravi sintomi della menopausa che non sono in grado o non sono inclini a utilizzare terapie ormonali.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Reed SD et al., Guthrie KA. Menoapuse 2020 Jan 20.

Hunter MM et al. J Sex Med. 2020 Jan; 17(1):117-125.

Aghababayan S et al. Nutrit Cancer 2019 Sep 2:1-7.

Guthrie KA, Larson JC et al. Sleep. 2018 Jan 1; 41(1).

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it