Contraccezione maschile: contro troppi aborti e gravidanze indesiderate

Attualmente, la contraccezione è un’area importante per la ricerca. Ci sono 89 milioni di gravidanze indesiderate e 48 milioni di aborti ogni anno in tutto il mondo, secondo l’Istituto Guttmacher. Le donne sono spesso spinte a fare scelte di vita che possono aumentare il rischio di gravi rischi per la salute e povertà. Per anni, le pillole contraccettive femminili sono state ampiamente utilizzate in tutto il mondo. Tuttavia, non esiste ancora una pillola adatta per la contraccezione maschile. C’è un urgente bisogno di sviluppare nuovi metodi per la contraccezione maschile, dato che la vasectomia e l’uso del preservativo sono le opzioni comuni esistenti per gli uomini. Una forma di contraccezione maschile, affidabile ed efficace, è cruciale per colmare il gap critico nel portafoglio contraccettivo. La caccia alla prima pillola contraccettiva maschile è iniziata e gli scienziati della Dundee University in Soczia potrebbero avere lo strumento necessario per trovarla: un sistema di screening robotizzato. Un team di ricercatori della Dundee University potrebbe avere la soluzione verso il raggiungimento di essa. Il team ha creato il primo sistema automatizzato di test robotico dello sperma, che aiuta gli scienziati a testare l’efficacia di un composto chimico sullo sperma e il modo in cui influenza lo sperma.

Pubblicato sulla rivista online eLife, lo studio evidenzia come il nuovo sistema robotico possa testare farmaci precedentemente approvati e clinicamente testati per trovare un contraccettivo maschile sicuro ed efficace. Il team mira a fornire potenziali agenti efficaci in grado di fermare lo sperma nelle sue tracce. Credono che con ulteriori ricerche e lavori, possano trovare un farmaco a lungo termine adatto che possa essere usato come componente di pillola anticoncezionale maschile Ci sono molte ragioni per cui gli sforzi per produrre la prima pillola maschile sono stati ostacolati, inclusa la scarsa comprensione dell’essere umano sperma, privo di studi che collegano un bersaglio proteico nello sperma umano alle funzioni chiave che gli spermatozoi svolgono dopo aver lasciato il maschio e, infine, l’assenza di un sistema efficace per filtrare gli effetti delle sostanze chimiche e dei farmaci disponibili. Per aiutare i ricercatori a testare i farmaci per scoprire quali sono efficaci pillole contraccettive maschili, il team ha sviluppato un sistema di test parallelo in miniatura gestito da un robot. La macchina utilizza un microscopio veloce e strumenti di elaborazione delle immagini per visualizzare e tracciare con precisione i movimenti rapidi dello sperma umano, consentendo al team di misurare con precisione gli effetti dei farmaci sullo sperma.

In totale, il team ha valutato e selezionato circa 13.000 farmaci, chiamati collezione ReFRAME. Con l’aiuto del rivoluzionario sistema robotico, testare e studiare ciascuno dei farmaci sarà più facile e veloce. Il Dr. Paul Andrews, che guida il National Phenotypic Screening Center (NPSC) presso la Dundee University, ha spiegato: “Questo nuovo sistema accelera il processo di caccia alla droga di diverse migliaia di volte. Il sistema automatizzato utilizza anche un metodo diverso per esaminare gli effetti di farmaci su un secondo aspetto critico necessario per la fecondazione, chiamato reazione acrosomiale, questa doppia piattaforma ora consente importanti programmi di scoperta di farmaci che affrontano il divario critico nel portafoglio contraccettivo, oltre a scoprire la nuova biologia degli spermatozoi umani. Esaminando il loro comportamento, o fenotipo, in presenza di droghe e altri prodotti chimici, speriamo di eludere la necessità di indovinare quali proteine ​​sono importanti per i processi cellulari alla base della capacità di fecondazione degli spermatozoi. Abbiamo identificato diversi composti che inibiscono potentemente la motilità, che rappresentano nuovi candidati a farmaci o percorsi per l’identificazione di questi”.

La maggioranza di essi contiene zolfo o ponti disolfuro; fra questi uno dei più efficaci è risultato il disulfiram, un composto usato in passato come disintossicante dell’alcolismo (“antabuse”) e con proprietà antiparassitarie. Anche un altro fungino, il Ticlatone, è risultato attivo ed è anch’esso a base di zolfo il che, secondo gli scienziati, rivela nuovi aspetti della biologia degli spermatozoi. Questa piattaforma consentirà ora importanti programmi di scoperta di farmaci che risolvono il divario critico delle risorse in campo contraccettivo, oltre a scoprire nuove biologie degli spermatozoi umani. Infatti, l’unica possibilità di prodotto spermicida è l’applicazione crema o schiuma di preparazioni a base di un composto chiamato nonoxynol-9. Tuttavia, esso non è specifico, pur essendo abbastanza sicuro non lo si usa singolarmente e non previene la trasmissione di malattie sessualmente trasmesse, a differenza di quanto ritenuto prima.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gruber FS et al., Andrews PD. Elife 2020 Jan 28; 9. 

Martins da Silva SJ et al. Hum Reprod. 2017; 32(5):974.

Tardif S et al. Hum Reprod. 2014 Oct 10; 29(10):2123-35.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2444 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it