Asma ed emicrania: c’è chi pensa che dovrebbero essere gestite allo stesso modo. Perchè?

L’emicrania, una malattia neurologica che colpisce più di 38 milioni di americani di tutte le età, è spesso fraintesa e mal diagnosticata da pazienti e medici. L’emicrania è caratterizzata da attacchi ricorrenti e gravi di mal di testa e altri sintomi associati. Insieme al mal di testa, i sintomi dell’emicrania in genere includono nausea e vomito, estrema sensibilità alla luce e al suono e alcuni possono sperimentare disturbi della vista, della sensazione o del linguaggio. È spesso frainteso dalle persone con emicrania che possono presumere “è solo un mal di testa” che devono affrontare da sole. In effetti, solo una persona su tre che soffre di un attacco di emicrania in realtà parla al proprio medico dei propri sintomi; e solo la metà di questi individui viene diagnosticata correttamente. Molto spesso, l’emicrania viene diagnosticata erroneamente dai medici come mal di testa da tensione o sinusite e, di conseguenza, ad alcuni pazienti non viene fornito il piano di trattamento appropriato per vedere sollievo. Questo è un doppio scemo perché non solo l’attacco non viene curato, ma il dolore danneggia le persone nella vita di tutti i giorni.

D’altra parte, 24 milioni di americani di tutte le età hanno l’asma e anche coloro che non ne sono affetti sarebbero molto probabilmente in grado di riconoscerne i sintomi, i segni e la disabilità associata. La disparità di come entrambi sono visti e quindi trattati, sta dicendo. Per quanto strano possa sembrare, l’emicrania dovrebbe essere trattata in modo simile all’asma. No, davvero, dovrebbe. Pensaci. Entrambe le malattie presentano sintomi che necessitano di un salvataggio immediato ed entrambe le condizioni mirano a raggiungere l’obiettivo finale della prevenzione delle malattie. Per quelli con asma, la strada per la diagnosi e il trattamento è in genere più semplice e senza lo stigma associato. Ed è giunto il momento che coloro che vivono con l’emicrania abbiano diritto a un livello di protocolli di consapevolezza e trattamento che funzionano per loro. Per essere chiari e ovvi, l’asma e l’emicrania non sono correlati in quanto uno è una condizione respiratoria e uno è una malattia neurologica. Tuttavia, entrambe sono malattie complesse e croniche con diversi fattori scatenanti e sintomi che possono essere debilitanti e avere un impatto sulla qualità della vita generale.

In generale, il trattamento dell’asma ha un approccio inteso alla gestione della malattia. La maggior parte delle persone con asma ha bisogno di due tipi di terapia: medicinali per il sollievo rapido per salvarli dall’escalation dei sintomi a breve termine (ad es. Attacchi di respiro sibilante) e trattamenti di controllo a lungo termine per ridurre gli attacchi di asma e controllare la malattia giorno per giorno. In genere, ai pazienti viene richiesto di assumere medicinali di controllo a lungo termine ogni giorno, anche se non presentano sintomi, per ridurre l’infiammazione delle vie aeree; tenere regolarmente sotto controllo l’asma e aiutare a prevenire futuri attacchi di asma. Inoltre, ai pazienti vengono somministrati medicinali a rapido sollievo come beta-agonisti / broncodilatatori a breve durata d’azione e corticosteroidi orali per aiutare a fornire sollievo dai sintomi dell’asma immediati. Essenzialmente, questi trattamenti aiutano a rilassare le vie respiratorie, facilitando la respirazione durante un attacco d’asma. Tuttavia, non controllano l’infiammazione delle vie aeree che provoca l’attacco. Tutto sommato, quindi, le persone che vivono con l’asma hanno un piano d’azione. Ma perché non è lo stesso per quelli con emicrania?

Similarmente a quelle con asma, le persone che vivono con emicrania debilitante possono beneficiare di farmaci di salvataggio quando subiscono un attacco seguito da una vera cura preventiva. Attualmente, l’attenzione per il trattamento dell’emicrania tende a rimanere sul salvataggio del paziente da attacchi acuti, rapidamente e senza eventi avversi significativi per garantire che possano continuare con le attività quotidiane. Mentre la prevenzione dovrebbe essere l’obiettivo finale, fornire cure preventive in modo appropriato per le persone con emicrania può essere difficile. I pazienti sono candidati per il trattamento preventivo se a) gli attacchi di emicrania sono più di una volta alla settimana; b) se rispondono male al trattamento farmacologico acuto a causa di inefficacia o effetti collaterali intollerabili; e c) se la disabilità associata all’attacco di emicrania è grave e prolungata. Nel complesso, la gestione preventiva, dai cambiamenti dello stile di vita ai farmaci disponibili, è sottoutilizzata per il trattamento dell’emicrania. Le opzioni preventive sono testate in modo graduale. In alcuni casi, i pazienti scoprono che la loro assicurazione sanitaria impedisce l’accesso immediato ai trattamenti raccomandati.

Ad esempio, un paziente può essere istruito a provare (e fallire) un trattamento diverso, meno costoso (salvataggio o preventivo) prima di poter provare un’opzione più costosa o potenzialmente nuova. D’altra parte, i cambiamenti dello stile di vita come una buona igiene del sonno, mangiare pasti sani e regolari, allenarsi settimanalmente, bere acqua e liquidi, tecniche di rilassamento e gestione dello stress ed eliminare i fattori scatenanti del cibo sono alcuni modi per aiutare a prevenire un potenziale attacco di emicrania. Questi approcci non sono discussi abbastanza, tra i medici di famiglia e spesso anche tra pneumologi o allergologi, ma dovrebbero essere perché possono essere integrati in un piano di trattamento senza costare un centesimo ai pazienti o con conseguenti effetti collaterali. Inoltre, incoraggiare i pazienti a tenere traccia dei loro sintomi su base giornaliera o settimanale usando un diario del mal di testa può aiutare a valutare quali parti del loro piano possono o meno funzionare. Parte di un piano di trattamento di successo si basa sul mettere il paziente al posto di guida per gestire le sue condizioni.

Le opzioni terapeutiche attualmente disponibili non sono trattamenti mirati specifici per malattia, basati su meccanismi; quindi, mancano di un’efficacia costante e spesso causano effetti collaterali. La maggior parte dei pazienti interrompe le opzioni di trattamento preventivo a causa di inefficacia ed effetti collaterali. Tuttavia, ci sono potenzialmente buone notizie sul fronte dei farmaci preventivi sia per i pazienti che per i medici. Tutte le parti stanno tenendo d’occhio la ricerca in fase avanzata che circonda una nuova classe di trattamenti sperimentali denominati anti-CGRP o inibitori del peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP). Questi farmaci sperimentali sarebbero le prime terapie specificamente progettate per il trattamento dell’emicrania. I risultati degli studi di fase 3 sono motivo di eccitazione in quanto questi potenziali trattamenti possono fornire opzioni che sono meglio tollerate e senza problemi di sicurezza segnalati. Va notato che se approvati, i pazienti possono aspettarsi che questi trattamenti siano più costosi dei farmaci attualmente disponibili.

Non c’è dubbio che l’idea che l’emicrania sia finalmente focalizzata sulla prevenzione è incoraggiante per milioni di persone. Tutto sommato, deve esserci una maggiore accettazione del fatto che l’emicrania è una malattia neurologica complessa che necessita di una migliore gestione. I fornitori (e i loro pazienti) hanno bisogno di una maggiore istruzione sull’emicrania, sulla sua disabilità associata e sulle opzioni di trattamento che potrebbero adattarsi meglio alle persone in base alla frequenza di attacco, agli obiettivi del trattamento e alla storia medica.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica.

Pubblicazioni scientifiche

Graif Y et al. Clin Respir J. 2018 Oct; 12(10):2491-96

Dirican N et al. Acta Neurol Belg. 2017; 117(2):531-36. 

Turan MO et al. Turk Thorac J. 2017 Apr; 18(2):47-51.

Martin VT et al. Headache. 2016 Jan; 56(1):118-131. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1971 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it