Ipertensione da sale: i mediatori sono i radicali liberi delle cellule immunitarie

Nell’ipertensione sensibile al sale, le cellule immunitarie si raccolgono nei reni e espellono i radicali liberi, aumentando la pressione sanguigna e danneggiando questa coppia di organi vitali, Questa è l’ultima scoperta nel campo dell’ipertensione. Queste sostanze chimiche altamente reattive, chiamate anche specie reattive dell’ossigeno, o ROS, sono un sottoprodotto dell’uso di ossigeno da parte del nostro corpo che il nostro sistema immunitario utilizza per uccidere gli invasori. Ma ad alti livelli, sono anche noti per alterare i componenti chiave del nostro corpo come le proteine ​​e contribuire a una miriade di malattie dall’ipertensione al cancro. È un meccanismo benefico del nostro sistema immunitario, tranne quando diventa cronico e incontrollato. Nell’ipertensione sensibile al sale, diventa una risposta immunitaria inappropriata, producendo ROS eccessivi, aumentando l’infiammazione e la pressione sanguigna e facendo trattenere i reni su più sale. Per i loro studi, gli scienziati hanno utilizzato un modello animale consolidato per la sensibilità al sale, il ratto Dahl SS. Hanno anche una versione di quel ratto che manca di NADPH ossidasi in tutto il corpo, un complesso enzimatico e grande produttore di ROS che è elevato nei reni di ratti sensibili al sale. Il ratto mancante NAPDH ossidasi è protetto dall’ipertensione e dai danni ai reni in una dieta ricca di sale, un altro indizio del fatto che ROS è un grande fattore di ipertensione,

Per individuare la fonte delle cellule ROS, hanno ripristinato la capacità di quel topo knockout di produrre la NADPH ossidasi (NOX2), l’enzima che produce ROS ma solo nelle cellule immunitarie. Tutte le cellule possono produrre ROS, ma sospettavano che le cellule immunitarie fossero i guastafeste qui. Di fronte a una dieta ricca di sale, la protezione di questi ratti è andata perduta, la loro pressione sanguigna è aumentata e hanno subito danni ai reni. Se tolti dalla dieta ricca di sale, questi problemi si sono sostanzialmente risolti. La Dr.ssa Justine M. Abais-Battad, fisiologa presso il Dipartimento di Fisiologia del Medical College of Georgia dell’Università di Augusta, ha spiegato a fondo: “I ROS prodotti specificamente dalle cellule immunitarie sono sufficienti per fare spuntare l’ipertensione a questi ratti. Questo è un grosso problema, ma indica un chiaro potenziale obiettivo terapeutico. Se possiamo iniziare a capire un approccio in cui potremmo bloccare questa produzione di radicali liberi da parte di quelle cellule in particolare nel rene, esiste un potenziale trattamento. Mentre le terapie antiossidanti hanno fallito per molte malattie, l’ubicazione è probabilmente una ragione. Non stanno arrivando nei posti giusti. Conoscere la fonte cellulare del ROS è importante per progettare terapie efficaci che lo faranno. Il nostro studio mostra che i ROS delle cellule immunitarie causano ipertensione sensibile al sale e che possono essere necessarie terapie antiossidanti mirate per produrre i massimi effetti benefici e protettivi”.

Il laboratorio di Mattson e altri hanno collegato l’ipertensione al sistema immunitario e un aumento delle cellule immunitarie nei reni. Nell’ipertensione sensibile al sale, gli scienziati hanno osservato che le cellule immunitarie si riuniscono intorno ai vasi sanguigni submicroscopici dei reni – già sotto altissima pressione come parte del loro ruolo senza fine di filtrare il sangue – e esacerbano la pressione e il danno renale. Questo danno si manifesta alla fine come proteina nelle urine, un indicatore del problema. Una dieta ricca di sale somministrata ai ratti normali non causa ipertensione o quel raggruppamento di cellule immunitarie. Gli studi post-mortem sull’uomo che sono deceduti per tutte le cause hanno indicato che anche quelli con ipertensione avevano più cellule immunitarie nei reni e un aumento del danno renale. Ora stanno lavorando per saperne di più su ciò che stanno facendo i radicali liberi che le cellule immunitarie producono, e pensano che siano parecchie cose non salutari. Per questo studio, gli scienziati volevano sapere perché le cellule immunitarie si muovono nei reni e cosa stanno facendo quando arrivano lì. Sulla base di ciò che loro e altri avevano già visto, hanno pensato di poter produrre ROS. In termini di vero istigatore, alcuni teorizzano che il colpevole sia anche un sistema immunitario errato, che inizialmente aumenta leggermente la pressione e provoca danni che attirano l’esercito di cellule immunitarie che producono radicali liberi (stress ossidativo).

Il laboratorio di Mattson teorizza e ha prove che il problema inizia effettivamente con i reni che non eliminano sufficientemente il sale, il che significa che i livelli di liquido aumentano e così anche la pressione. Mentre può essere un buon consiglio per tutti noi di alleggerire il sale, i nostri reni elimineranno il sale in eccesso per la maggior parte di noi. Ma in circa la metà delle persone con ipertensione, il sale è un fattore determinante e attualmente non ci sono test per diagnosticare facilmente. Tutti noi abbiamo tutti i tipi di sali nel nostro corpo e ne abbiamo bisogno per trattenere l’acqua. È solo negli ultimi 50 anni che ci siamo adattati a questo stile di vita moderno e occidentale in cui stiamo consumando sale in eccesso che questo diventa un problema. Con un po’ di aumento della pressione, puoi seguire una dieta a basso contenuto di sale o mangiare più potassio o verdure fresche e probabilmente abbassare la pressione sanguigna. Ma se hai il tuo sistema immunitario completamente attivato, la malattia è amplificata e penso che sia lì che ci mettiamo nei guai. Ci sono molti colpevoli ad alto contenuto di sale oltre alle patatine fritte, come cene surgelate e cibi preconfezionati, verdure in scatola, salumi confezionati anche alcuni dei nostri condimenti preferiti come il ketchup. Quindi, mentre una dieta a basso contenuto di sale può essere utile, può anche essere più difficile di quanto si pensi. Se uno cambia le sue abitudini alimentari e la pressione sanguigna scende (questo sarebbe un indizio) avrà ipertensione sensibile al sale.

Ci sono evidenze che sopprimere le funzioni del sistema immunitario possa abbassare la pressione arteriosa, ma non è una via né sicura né intelligente di trattare il problema. Mentre i ricercatori stanno lavorando sia su un test che su una terapia per l’ipertensione sensibile al sale, determinare la sensibilità al sale non è molto più utile che fare cambiare stile di vita alimentare alle persone. Per esempio, mangiare meno cibo in scatola (addizionato già col sale) già funziona di per sé. Inoltre, gli scienziati fanno notare che altri fattori genetici ed ambientali possono influire sulla comparsa di pressione alta. I nostri reni filtrano circa mezzo bicchiere di sangue ogni minuto e sono fondamentali per mantenere un sano equilibrio di liquidi, una pressione sanguigna che garantisca un’adeguata consegna di sangue e ossigeno in tutto il corpo. Ed eliminano le cose di cui non abbiamo bisogno (come il troppo sale) mentre riassorbe le sostanze utili.

Beh, l’evoluzione non fa errori come certamente ne fa l’uomo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Abais-Battad JM et al. Free Radic Biol Med. 2020; 146:333-339.

Tanase DM et al., Floria M. Int J Hypertens. 2019; 2019:3159283.

Wenzel P. Br J Pharmacol. 2019 Jun; 176(12):1966-1977.

Pushpakumar S et al. Sci Reports 2017 Jul 25; 7(1):6349.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2445 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it