Orbitopatia tiroidea: arriva la terapia biologica mirata al problema sottostante

La malattia oculare tiroidea è una condizione autoimmune disabilitante associata all’infiammazione orbitale e al rimodellamento dei tessuti che può provocare una significativa proptosi, portare ad alterazioni visive e potenzialmente potenzialmente minacciose per la vista. Attualmente non esistono farmacoterapie approvate. Il fondamento del trattamento è l’osservazione e gli steroidi per i casi più gravi, ma al momento non esiste una terapia di modifica della malattia. La patogenesi della TED rimane poco compresa; la teoria attuale è che gli autoanticorpi verso il recettore dell’ormone stimolante la tiroide (TSHR) svolgono un ruolo chiave nella patogenesi della TED. Gli autoanticorpi anti-TSHR, tuttavia, non spiegano la presenza della malattia nei pazienti TED che sono eutiroidei o ipotiroidei. Le prove attuali indicano che gli autoanticorpi verso il recettore del fattore di crescita simile all’insulina 1 (IGF-1R), insieme al recettore dell’ormone stimolante la tiroide (TSHR), mediano la patogenesi in soggetti sensibili. Teprotumumab, un anticorpo monoclonale IGF-1R, ha dimostrato in precedenza in uno studio randomizzato e controllato della durata di 24 settimane per produrre cambiamenti significativi nei risultati compositi della proptosi e del punteggio dell’attività clinica rispetto al placebo.

Un nuovo studio clinico recentemente pubblicato sul New England Journal of Medicine ha confermato l’efficacia e riportato più mubers. Lo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo è stato condotto dal dipartimento di chirurgia presso Cedars-Sinai e presso altri centri medici a livello nazionale. Teprotumumab è un anticorpo monoclonale completamente umano che blocca la fisiopatologia autoimmune infiammatoria che è alla base della malattia dell’occhio tiroideo. La nuova scoperta ha contribuito all’approvazione rapida dei farmaci da parte della Food and Drug Administration statunitense, commercializzata con il marchio Tepezza, rendendola il primo farmaco approvato per la condizione. Un totale di 41 pazienti sono stati assegnati al gruppo teprotumumab e 42 al gruppo placebo. I pazienti hanno ricevuto il farmaco per via endovenosa una volta alla settimana per tre settimane per un periodo di 21 settimane. I risultati hanno mostrato che i pazienti a cui era stato somministrato teprotumumab hanno avuto una risposta efficace in due dosi o sei settimane di somministrazione. Dopo 24 settimane, lo studio ha mostrato che l’83% delle persone che assumevano il farmaco presentava una riduzione misurabile del rigonfiamento degli occhi rispetto al 10% di quelli trattati con un placebo. Il tasso di risposta complessivo è stato del 78% tra quelli che assumevano il farmaco rispetto al 7% delle persone che assumevano un placebo.

Sono state osservate riduzioni del muscolo extraoculare, del volume di grasso orbitale o di entrambi in 6 pazienti nel gruppo teprotumumab sottoposti a imaging orbitale. La maggior parte degli eventi avversi è stata di gravità lieve o moderata; due eventi gravi si sono verificati nel gruppo teprotumumab, di cui uno (ha portato alla sospensione del trattamento. Raymond Douglas, MD, PhD, ricercatore e direttore del programma Orbital and Thyroid Eye Disease presso Cedars-Sinai, ha spiegato e commentato: “Altro che procedure chirurgiche altamente invasive, i pazienti con malattia dell’occhio tiroideo non avevano alternative terapeutiche reali. Questo trattamento ha il potenziale per alterare il decorso della malattia, potenzialmente risparmiando ai pazienti la necessità di più interventi chirurgici invasivi fornendo un’opzione di trattamento alternativa, non chirurgica. il trattamento medico con teprotumumab è efficace per invertire le manifestazioni della malattia, fornendo nuove speranze per i pazienti. Questa è una svolta medica per una percentuale molto grande della popolazione di pazienti di ricevere rapidamente un trattamento di infusione medica alternativo con grandi risultati, tuttavia, si si suggerisce ai pazienti che dovrebbero smettere di fumare, poiché l’orbitopatia è resistente alla terapia steroidea nei fumatori. Non abbiamo prove che questo sarebbe lo stesso con questa terapia, ma il principio è valido”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Douglas RS et al., Smith TJ. N Engl J Med. 2020 Jan; 382(4):341-352. 

Smith TJ, Janssen JAMJL. Endocr Rev. 2019 Feb 1; 40(1):236-267.

Smith TJ, Kahaly GJ et al. N Engl J Med. 2017 May; 376(18):1748-61.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2443 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it