Salute cardiaca femminile: dormire a sufficienza ma essere meno sedentarie è il segreto

Le donne che dormono male tendono a mangiare troppo e consumano una dieta di qualità inferiore, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori del Columbia University Irving Medical Center. I risultati forniscono nuove informazioni su come la scarsa qualità del sonno possa aumentare il rischio di malattie cardiache e obesità e indica possibili interventi per migliorare la salute del cuore delle donne. Precedenti studi hanno dimostrato che le persone che dormono meno hanno maggiori probabilità di sviluppare obesità, diabete di tipo 2 e malattie cardiache, e che la relazione può essere parzialmente spiegata dalla dieta. Ma questi studi si sono concentrati su alimenti o nutrienti specifici o hanno misurato solo la durata del sonno, non la qualità del sonno. Le donne sono più inclini a disturbi del sonno per tutta la durata della vita, perché spesso si assumono le responsabilità di prendersi cura dei bambini e della famiglia e, più tardi, a causa della menopausa. Il nuovo studio è stato progettato per ottenere un quadro più completo delle donne esaminando le associazioni tra qualità della dieta generale e molteplici aspetti della qualità del sonno. I ricercatori hanno analizzato il sonno e le abitudini alimentari di un gruppo etnicamente misto di 495 donne, dai 20 ai 76 anni. Lo studio ha esaminato la qualità del sonno, il tempo impiegato per addormentarsi e l’insonnia. Le donne hanno anche riferito sui tipi e le quantità di alimenti che in genere mangiano durante l’anno, consentendo ai ricercatori di misurare i loro tipici schemi dietetici. Simile ai precedenti studi sul sonno e sulla dieta, lo studio ha scoperto che quelli con peggiore qualità del sonno consumavano più zuccheri.

Le donne che impiegavano più tempo ad addormentarsi avevano un più alto apporto calorico e mangiavano più cibo in peso. E le donne con sintomi di insonnia più grave hanno consumato più cibo in peso e meno grassi insaturi rispetto alle donne con insonnia più lieve. Brooke Aggarwal, professoressa associata di Scienze mediche presso la Columbia University, il Vagelos College of Physicians and Surgeons e autore senior dello studio, ha cercato di spiegare contenuti e significati: “La nostra interpretazione è che le donne con un sonno di scarsa qualità potrebbero mangiare troppo durante i pasti successivi e fare scelte alimentari più malsane. La domanda rimane: in che modo il sonno povero può contribuire a una cattiva alimentazione? Una cattiva qualità del sonno può portare a un consumo eccessivo di cibo e calorie stimolando i segnali della fame o sopprimendo i segnali di pienezza. volume di cibo consumato e potrebbe essere che le donne con insonnia consumino una maggiore quantità di cibo nel tentativo di sentirsi sazi. Tuttavia, è anche possibile che una cattiva alimentazione abbia un impatto negativo sulla qualità del sonno delle donne. Mangiare di più potrebbe anche causare disagio gastrointestinale, ad esempio, rendendo più difficile addormentarsi o rimanere addormentati. Dato che una dieta cattiva e un eccesso di cibo possono portare all’obesità – un fattore di rischio per le malattie cardiache – studi futuri dovrebbero verificare se le terapie che migliorano la qualità del sonno possano promuovere la salute cardio-metabolica nelle donne”.

I dati compaiono nel Journal of American Heart Association, il giornale ad accesso aperto dell’American Heart Association, insieme a un articolo correlato che spiega come i tempi di seduta più lunghi sono stati associati a livelli più elevati di rischio di malattie cardiache tra le donne in sovrappeso e obese post-menopausa in generale. In questo studio osservazionale, i ricercatori hanno misurato le abitudini di seduta delle donne anziane (dopo la menopausa; età ≥55 anni) e che erano in sovrappeso o obese. I dati dei partecipanti allo studio sono stati analizzati come un singolo gruppo e da due gruppi etnici – donne ispaniche o non ispaniche – al fine di determinare se il tempo di seduta totale e / o i periodi di seduta ininterrotti medi possono avere un impatto sui fattori di rischio di malattie cardiache e se questi le relazioni variavano in base all’etnia. Da questi dati sono stati calcolati il ​​tempo di seduta totale medio giornaliero e il tempo medio trascorso dai partecipanti in periodi di seduta ininterrotta. Le donne ispaniche in post-menopausa sedevano, in media, quasi un’ora in meno al giorno rispetto alle donne non ispaniche della stessa fascia d’età. Hanno anche trascorso molto meno tempo in seduta ininterrotta. Tuttavia, ogni ulteriore aumento di 15 minuti della seduta ininterrotta era associato a un aumento dello zucchero nel sangue a digiuno di circa il 5% nelle donne ispaniche, rispetto a un aumento inferiore all’1% nelle donne non ispaniche.

Lo studio ha incluso un totale di 518 donne con un’età media di 63 anni e un indice di massa corporea media (BMI) di 31 kg / m2 (la definizione clinica di obesità è un BMI ≥30). I partecipanti allo studio hanno indossato accelerometri sull’anca destra per un massimo di 14 giorni, rimuovendo i dispositivi solo per dormire, fare la doccia o nuotare. Gli accelerometri sono stati utilizzati per tenere traccia e registrare la seduta e l’attività fisica dei partecipanti allo studio durante il giorno. Un singolo esame del sangue, in concomitanza con l’usura dell’accelerometro, ha misurato la glicemia e la resistenza all’insulina. L’analisi dei dati ha rivelato, inoltre, che ogni ulteriore ora di seduta al giorno era collegata a un’insulina a digiuno superiore di oltre il 6% e ad un aumento di oltre il 7% della resistenza all’insulina; e ogni ulteriore 15 minuti nel periodo di seduta medio è stato associato con un’insulina a digiuno maggiore del 7% e un aumento di quasi il 9% della resistenza all’insulina. I ricercatori concordano sul fatto che ridurre il tempo di seduta migliora il controllo del glucosio e il flusso sanguigno e impegnarsi in attività fisiche, anche in attività di vita quotidiana ad alta intensità come cucinare e fare shopping, mostra associazioni favorevoli con rischio di mortalità ridotto e prevenzione di malattie cardiache e ictus. Ma soprattutto, gli operatori sanitari dovrebbero incoraggiare i pazienti, compresi gli adulti più anziani, a ridurre il loro tempo di seduta, fare delle pause nel loro tempo di seduta e sostituire la seduta con brevi periodi di piedi o di attività fisica leggera.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Makarem N et al., Aggarwal B. Sleep Health 2019; 5(5):501-508.

St-Onge MP et al. Curr Atheroscler Rep. 2019 Feb; 21(3):11. 

Aggarwal B, Makarem N et al. J Amer Heart Assoc. 2018; 7(12). 

Gorczyca AM et al. J Amer Heart Assoc. 2017 May 15; 6(5).

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2444 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it