Incubi: in cosa consistono, perchè vengono e come controllarli col sogno lucido

Brutti sogni o incubi non riguardano solo i bambini ma anche gli adulti. Incubi inquietanti possono influire sulla qualità e sulla durata del sonno di una persona, ma è possibile spegnere un incubo mentre sta accadendo? Gli incubi, comuni tra gli adulti, sono definiti episodi notturni vividi e spaventosi che coinvolgono intensi sentimenti di fallimento, umiliazione e terrore. Tuttavia, in circa il 2-6% degli adulti, sperimentano un disturbo da incubo, noto anche come disturbo da ansia da sogno. È un tipo di disturbo del sonno caratterizzato da incubi frequenti, che di solito si verificano durante le fasi REM del sonno. Prima di sapere da dove provengono gli incubi, è essenziale sapere di più sul perché le persone sognano. Attualmente, non esiste una spiegazione convincente del perché le persone sognino, ma alcuni scienziati lo hanno collegato al sonno e alla memoria. Credono che i sogni riflettano un processo biologico di consolidamento della memoria a lungo termine per rafforzare le tracce neuronali di eventi recenti. I sogni si verificano nella fase di sonno rapido degli occhi (REM) del sonno, che ha maggiori probabilità di produrre sogni che rendono le persone in grado di fare ciò che vogliono, ad esempio, volare. La fase REM del sonno dura circa 90 minuti dopo essersi addormentati e da lì l’attività muscolare nel corpo diminuisce e i sogni accadono.

Uno studio pubblicato nel Journal of Clinical Sleep Medicine nel 2010 ha evidenziato l’uso di varie medicine e terapie per altre condizioni per il trattamento del disturbo da incubo negli adulti. Il disturbo da incubo negli adulti può derivare da stress, uso di determinati farmaci e traumi. Lo studio ha analizzato tutti i dati disponibili sul disturbo da incubo e i trattamenti disponibili per esso. Ci sono molte medicine e terapie disponibili per il disturbo da incubo, che sono usate anche in altri disturbi correlati. Ad esempio, la prazosina, che è raccomandata nel trattamento degli incubi post-traumatici da stress associati al PTSD, e la Image Rehearsal Therapy (IRT), raccomandata anche per i soggetti con disturbo da incubo. Altri trattamenti includono la clonidina, che può essere considerata un trattamento per gli incubi associati al PTSD, e la desensibilizzazione sistemica e l’allenamento progressivo di rilassamento muscolare profondo, che vengono utilizzati per il trattamento di incubi idiopatici. In alcuni medicinali, possono essere raccomandati ma ci sono poche informazioni sul loro uso nel trattamento del disturbo da incubo, inclusi antipsicotici atipici come trazodone, cortisolo a basso dosaggio, topiramato, triazolam, nitrazepam, fluvoxamina, gabapentin, fenelzina, ciproeptadina e antidepressivi triciclici.

Uno dei nuovi modi promettenti per combattere il disordine da incubo è il sogno lucido (LD), un punto in cui il sognatore sa che sta sognando. Durante un sogno lucido, la persona può ottenere il controllo sui personaggi del sogno, sull’ambiente e sul concetto. In quello stato, gli individui possono ripristinare un po’ di coscienza riflessiva e talvolta avere un controllo parziale sul contenuto dei loro sogni. Studi precedenti hanno fornito prove per LD, permettendo ai partecipanti di dimostrare il loro stato lucido durante i periodi di sogno usando segnali predefiniti di movimento degli occhi. Dieci anni fa è stato anche scoperto che le prove in LD possono migliorare le prestazioni correlate nella vita di veglia. Come fenomeno psicologico con basi fisiologiche, l’obiettività della LD è stata dimostrata. Questo speciale stato di coscienza ha un notevole significato per l’indagine sulla coscienza. La ricerca sul neuroimaging e l’elettroencefalogramma (EEG) ha mostrato che le aree frontali del cervello, che sono correlate all’insight psicotico, sono altamente attivate nella LD. In una certa misura, LD può essere visto come un modello per comprendere lo stato psicotico. È stato riscontrato che la meta-cognizione non è completamente carente sia durante la LD che non. Nello speciale stato di sonno di LD, gli individui possono ancora avere molte funzioni cognitive che di solito appaiono quando sono svegli.

Tuttavia, le persone generalmente hanno la tendenza a pensare che ci siano molti elementi bizzarri nei contenuti del LD. È rilevante per la bassa frequenza della LD e per il fatto che ci sono molti strani fenomeni del sonno spesso associati al LD, come il falso risveglio e l’esperienza fuori dal corpo. Per questo motivo, gli scienziati ritengono che la formazione dei sogni lucidi possa aiutare a curare il disturbo da incubo negli adulti. Ad esempio, sebbene ci siano prove limitate per stabilire la terapia come un legittimo trattamento medico, ha mostrato risultati promettenti come terapia per le persone con incubi persistenti o disturbo da incubo. La terapia del sogno lucido, che può essere eseguita con il metodo del risveglio a letto, può aiutare una persona ad avere il controllo dei suoi incubi. Ad esempio, le persone possono farlo impostando la sveglia circa 30 minuti prima del normale orario di sveglia. Quando suona la sveglia, astenersi dallo svegliarsi, ma si pensi a fare un sogno lucido mentre si torna a dormire. Sebbene non vi sia alcuna garanzia che funzioni su tutti, fornisce ai sognatori un senso di controllo sui propri sogni, eliminando sentimenti e sogni indesiderati. Tuttavia, per quelli con incubi persistenti, è essenziale vedere uno specialista del sonno determinare la causa della condizione e sviluppare metodi per trattare il disturbo da incubo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Soffer-Dudek N. Front Neurosci. 2020 Jan 24; 13:1423. 

Pruiksma KE et al. J Clin Sleep Med. 2020; 16(1):29-40. 

Schredl M, Goeritz AS. Sleep Sci. 2019; 12(3):178-184.

Zhang Y et al., Tang X. Sleep Med. 2019; 67:225-231.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it