Uso della musicoterapia per il sonno in reparto: le valutazioni e le necessità

Gli operatori sanitari prestano sempre più attenzione al sonno e al suo impatto sulla salute e sul benessere come misura di vitale vitalità. Ciò si concentra in particolare sull’impatto del sonno legato alla funzione neurologica e alla resistenza e capacità cognitiva per tutta la durata della vita. Una mancanza di sonno aumenta la probabilità di mortalità e il rischio di malattie croniche tra cui ictus, ipertensione, diabete, obesità, malattie cardiache, ictus e depressione. Il costo associato a una scarsa presenza lavorativa a causa dell’insonnia è approssimato a 63 miliardi di dollari negli Stati Uniti, secondo l’American Association for Sleep Medicine. La perdita del sonno altera la plasticità strutturale coinvolta nei segnali neurali del cervello in cui la densità delle spine dendritiche e la morfologia degli stessi neuroni sono interessate. Il risultato pone minacce all’umore, alle prestazioni cognitive e alla propria capacità di sostenere la vigilanza delle attività. Un sondaggio ha stimato grossolanamente un aumento del 293% del numero di prescrizioni relative al sonno, da 5,3 a 20,8 milioni di prescrizioni dal 1999 al 2010.

La capacità del sonno viene vista come una misura distinta di salute che può probabilmente contribuire alla progressione della malattia. È considerato un importante fattore influente riflesso nel modo in cui i pazienti percepiscono il dolore e la conseguente ansia che rischia di compromettere i fattori di resilienza che potenzialmente combattono la malattia. Ironia della sorte, durante il ricovero in ospedale, i controlli di routine notturni possono disturbare il sonno, poiché così spesso l’ambiente frenetico e stridente acustico sperimentato nella cura all’interno del paziente sveglia i pazienti. Un recente studio che cerca di conoscere l’ambiente dell’unità di terapia intensiva (ICU) e le potenziali fonti di rumori di pazienti potrebbe essere esposto, ha scoperto che i livelli medi di rumore in terapia intensiva hanno superato quelli raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’interruzione del sonno è stata il risultato segnalato del rumore per i pazienti fragili sia in unità a più letti che in unità a camera singola. Le descrizioni delle fonti di rumore erano in gran parte conversazioni del personale, con una variabilità imprevedibile che si traduceva in una sostanziale interruzione del sonno.

Ciò costituisce un potenziale appello al corpus letterario che ha rivelato che le voci dei caregiver professionisti possono invasivamente invadere l’ambiente sonoro. Inoltre, laddove l’ostruzione acustica compromette la salute del sonno negli ambienti dei pazienti più fragili, come i reparti geriatrici, in cui incidenti di caduta e perdita di memoria sono spesso attribuiti a disturbi del sonno, la musica può offrire un’opzione sicura, praticabile ed economica. Tipicamente, gli aspetti legati all’applicazione della musica e al suo uso come strumento terapeutico sono stati documentati dai tempi antichi a quelli attuali come un potente stimolatore o sedativo nel determinare l’attivazione ottimale o il potenziale di sonno. Uno in genere utilizza ritmi di attivazione e battiti forti per infondere uno stato energetico. Tuttavia, ciò non deve essere confuso con l’impatto neurologico che la ripetizione e la prevedibilità del ritmo, specialmente se combinate con melodia e armonia, possono fornire. Ritmi lenti e ripetitivi così spesso possono infondere sentimenti di sicurezza e familiarità che possono preparare e indurre la risposta del sonno al cervello.

I resoconti della capacità della musica di attivare o calmare sono stati storicamente registrati durante l’uso della musica da parte dell’umanità. Ad esempio, le bande musicali in genere precedevano le guerre nei tempi di battaglia a terra e attualmente precedono eventi che cercano di segnare un valore di forza, come il riscaldamento per le partite di calcio. Allo stesso tempo, la musica è stata utilizzata per lenire e sedare. Nell’Antico Testamento della Bibbia, c’erano numerosi resoconti di spiriti che tormentavano Saul, così che David che suonava la lira e strimpellava una melodia rilassante. Di conseguenza, Saul fu sollevato dal suo terrore, mentre la musica spingeva gli spiriti maligni a lasciare il suo corpo tormentato, così avrebbe potuto riposare con facilità. Ci si potrebbe chiedere come la musica viene utilizzata nella nostra epoca moderna per indurre il sonno. Il potenziale per un uso efficace della musica in contesti terapeutici e clinici può presentare un’opzione praticabile, a basso costo, particolarmente attraente nella nostra cultura della dipendenza farmacologica, in quanto privo di effetti collaterali. Tuttavia, la maggior parte degli studi che affermano di implementare la “musicoterapia” in numerosi studi clinici non coinvolge la musicoterapia, né include la consultazione con un terapista competente.

Inoltre, mentre la musica può essere strumentale come ausilio per il sonno, c’è sorprendentemente una carenza di ricerca che ha valutato la musica implementata negli studi sul sonno e le implicazioni legate all’implementazione della musica selezionata per lo studio. Non sorprende che l’abbondanza di articoli che esaminano le difficoltà del sonno negli adulti abbia studiato gli anziani e spesso attribuisca la frequenza incombente delle difficoltà del sonno a restrizioni fisiche, mancanza di movimento, progressione della malattia e / o comorbidità, nonché cambiamenti nelle capacità cognitive siano stati legato all’invecchiamento e alla perdita. I pazienti più anziani presentano problemi di sicurezza spesso correlati alla sedazione diurna comunemente prescritta (benzodiazepine). Ci sono spesso maggiori rischi di cadute. Poiché l’importanza del sonno nel recupero ospedaliero e gli effetti collaterali dei farmaci per il sonno sono sempre più riconosciuti, le alternative non farmacologiche, come la musica e la musicoterapia, sono considerate opzioni sicure e possono essere indicate cognitivamente e neurologicamente.

Insonnia e difficoltà del sonno associate a ricoveri ospedalieri correlati alla malattia sono motivi comuni per la ricerca della musica e dell’effetto della musicoterapia sul sonno. Vi sono prove che ci sono misurazioni indicative del liquido cerebrospinale associato alla patologia della malattia di Alzheimer e ai disturbi del sonno. Una grande preoccupazione è il legame tra insonnia e suicidio che è apparentemente abbastanza comune negli Stati Uniti, negli adulti più anziani. La musica, di per sé, può o meno migliorare il sonno. Se abilmente selezionato e quando la musica può far parte di un protocollo informato dai musicoterapisti, aumenterà la probabilità che contribuisca alla salute del sonno. La musica familiare selezionata dal paziente accompagna l’idea che la rilevanza culturale possa essere individuata e trattata all’interno degli interventi musicali. Tali adattamenti per soddisfare le esigenze del paziente possono essere facilmente implementati per migliorare il suo comfort. Valutare il punto del trauma di un paziente, sia esso correlato alla malattia o infuso mentalmente dall’ansia, è una componente necessaria da considerare nella valutazione del sonno.

Prescrivere la musica e istituire aspetti specifici degli elementi musicali richiede conoscenza e consultazione con professionisti che hanno analizzato genere, complessità e modi di dire musicali. È importante riconoscere che la musica può aumentare il comfort e ridurre l’ansia che ostacola la capacità del sonno. Il sonno è considerato un segno vitale, per cui vedere le condizioni in cui la musica è istituita nel modo più efficace può portare a risultati ottimali.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Zhang J et al. J Mus Med. 2018; 10(2):71–79.

Trahan T et al. PLoS One. 2018; 13(11):0206531.

Raven F et al. Sleep Med Rev. 2018; 39:3–11.

Mondanaro J et al. Am J Orthoped. 2017; 46(1).

Delaney L et al. J Intensive Care. 2017; 5:41.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2449 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it