Dieta mediterranea: da sempre la migliore, anche per sanare la flora intestinale

L’invecchiamento è un processo inevitabile, ma la perdita associata di funzioni corporee e un aumento delle condizioni infiammatorie causano una maggiore fragilità nelle persone anziane. L’importanza di questa dieta è che sembra modulare i batteri intestinali in modo da prevenire la perdita di vigore fisico e il deterioramento cognitivo con l’avanzare dell’età. Precedenti studi dimostrano che una dieta povera con una varietà limitata di alimenti è sia un modello comune con le persone anziane, sia uno che accelera l’insorgenza della fragilità fisica perché restringe la gamma di batteri presenti nell’intestino. Ciò è particolarmente vero quando si tratta di persone anziane che vivono in case di cura a lungo termine e altre strutture residenziali. Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Gut, riporta gli straordinari effetti di promozione della salute del passaggio a una dieta mediterranea per un solo anno. I risultati furono dovuti ad un aumento della salute e del numero di batteri intestinali che favoriscono una dieta sana. Una dieta mediterranea è ricca di frutta, verdura, noci, legumi, olio d’oliva e pesce ma ha piccole quantità di carne rossa e grassi saturi. L’attuale studio si è concentrato sui benefici che una dieta mediterranea potrebbe produrre in termini di microbiota intestinale più sano, se potrebbe spostare la popolazione batterica intestinale e i sottotipi in una direzione che è favorevole a trattenere e aumentare il numero di batteri associati all’invecchiamento in buona salute .

Nello studio, che ha interessato cinque paesi (Francia, Italia, Paesi Bassi, Polonia e Regno Unito), i ricercatori hanno esaminato il microbiota intestinale di circa 600 persone di età compresa tra 65 e 79 anni, con un campione al basale e un secondo campione dopo 12 mesi con una tipica dieta occidentale o una dieta mediterranea adattata alle esigenze delle persone anziane. Il primo gruppo conteneva circa 290 persone e il secondo circa 320 persone. Tutti i partecipanti sono stati classificati come fragili fisicamente o al limite della fragilità (circa 180 persone) o non fragili (circa 430 persone) al basale. All’inizio dello studio, i partecipanti si sono suddivisi in tre sottogruppi in base ai loro profili dietetici e ai loro microbiomi intestinali: gli italiani, i francesi e gli inglesi, i soggetti olandesi e polacchi. La dieta mediterranea è risultata collegata a cambiamenti benefici nel microbiota intestinale se seguita per 12 mesi. La perdita di diversità batterica è stata ridotta, mentre sono aumentati i tipi di batteri che si trovano per contrassegnare le caratteristiche cliniche che accompagnano meno fragilità. Questi indicatori includono velocità di camminata e forza dell’impugnatura, nonché una migliore funzione cerebrale, compresa la memoria. Sono anche associati a livelli più bassi di proteine ​​infiammatorie che potrebbero danneggiare la salute dell’individuo. Questi includono la proteina C-reattiva (CRP) e l’interleuchina-17.

Uno sguardo più attento mostra che questi cambiamenti sono anche collegati a un maggior numero di batteri buoni, quelli che producono acidi grassi a catena corta che contribuiscono alla salute. Allo stesso tempo, esiste un numero inferiore di batteri noti per la produzione di specifici acidi biliari, p-cresoli, etanolo e anidride carbonica. Queste sostanze chimiche possono danneggiare la persona se prodotte in eccesso, aumentando il rischio di cancro al colon e danni metabolici come insulino-resistenza, fegato grasso e danno cellulare. I batteri il cui numero aumentato sono stati trovati anche per essere ciò che viene chiamato specie “chiave di volta”. In altre parole, la loro presenza in quantità adeguate è essenziale per mantenere la stabilità del microbiota intestinale. D’altra parte, le altre specie che sono note per essere collegate ai marcatori di maggiore fragilità non sono vitali per l’ecosistema intestinale. I risultati sono rimasti costanti anche dopo aver controllato l’età, l’indice di massa corporea e la presenza di patologie multiple, anche se questi fattori modulano la composizione del microbiota intestinale. In secondo luogo, anche se i partecipanti provenivano da diversi paesi con pratiche dietetiche ovviamente diverse, i risultati hanno mostrato che, nonostante la differenza fondamentale nella composizione del microbiota intestinale, la risposta finale a 12 mesi di seguito a questa dieta è rimasta sorprendentemente simile attraverso i confini nazionali.

Ancora una volta, il lasso di tempo del cambiamento nella dieta e nel microbiota sembra mostrare che quest’ultimo è più importante nella sua associazione con i marcatori di miglioramento della salute. I ricercatori affermano che i cambiamenti nel microbiota sono strettamente legati all’aumento delle fibre alimentari, che include vitamine e minerali aggiuntivi. I micronutrienti che hanno scoperto essere aumentati includevano vitamine C, B1, B6, B9, ferro, rame, potassio, manganese e magnesio. D’altra parte, i controlli hanno mostrato un livello più elevato di assunzione di grassi saturi rispetto al gruppo di dieta mediterranea. I ricercatori hanno calcolato un “indice di microbiota” ed esaminato le sue associazioni con le precedenti misure di fragilità, funzione cognitiva e infiammazione. Hanno scoperto che 10 delle 11 associazioni nella direzione positiva (miglioramento della salute) e molte associazioni negative sono state replicate o scoperte di recente. Il team ha dedotto che i cambiamenti nel microbiota erano probabilmente più importanti nel migliorare la salute dei partecipanti alla dieta mediterranea rispetto alla dieta stessa, che potrebbe essere servita come agente. Lo studio, pertanto, aggiunge il supporto a un principio secondo cui i microbiomi di individui sani sono simili e gli individui malsani, sono aberranti a modo loro. Ritengono che ciò dimostri che i componenti del microbiota non sono solo riflessi indiretti della dieta, ma fattori indipendentemente associati a indicatori di miglioramento della salute.

Sebbene questo studio non dimostri che i cambiamenti del microbiota intestinale causino la riduzione della fragilità, sottolinea il ruolo svolto dalla dieta nella composizione del microbiota, che a sua volta influisce sulla salute dell’ospite umano. Ad ogni modo, stabilizzando la comunità microbica intestinale, l’adesione alla dieta potrebbe facilitare la ritenzione di un microbiota sano, fornendo resilienza e proteggendo dai cambiamenti agli stati alternativi che si trovano nelle persone malsane. Gli scienziati hanno prestato attenzione agli anziani e alle persone più deboli: una fetta di essi potrebbe non essere in grado di masticare o deglutire cibi solidi come verdure e frutta. In tale scenario, lo studio potrebbe aiutare a sviluppare trattamenti utili sotto forma di formulazione batterica viva per l’ingestione, identificando i batteri associati all’invecchiamento in buona salute. Questo potrebbe forse servire a ritardare l’inizio o la progressione della fragilità senile.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ghosh TS, Rampelli S et al., O’Toole PW. Gut 2020 Feb 17. 

Luisi MLE et al. Front Pharmacol. 2019 Nov 15; 10:1366. 

McGrattan AM et al. Curr Nutr Rep. 2019 Jun; 8(2):53-65. 

Tosti V et al. J Gerontol A Biol Sci Med Sci. 2018; 73(3):318.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments