Vescica debole? Non serve isolarsi a casa, arriva il nuovo test diagnostico alle urine

I disturbi urinari colpiscono il 20% della popolazione nel suo insieme. All’età di 50 anni, una persona su tre avrà un disturbo urinario. Una persona su cinque ha questo problema chiamato vescica iperattiva (OAB) che, per alcuni, significa non essere in grado di trattenere l’urina, dover andare spesso in bagno o svegliarsi di notte per svuotare la vescica. Alcuni indossano asciugamani igienici o biancheria intima usa e getta, mentre altri si preoccupano che anche con la biancheria intima assorbente, sentiranno l’odore dell’urina, quindi scelgono invece di rimanere a casa. Diagnosticare una vescica iperattiva – quando un paziente ha bisogno di urinare molto spesso e talvolta si bagna i pantaloni – è, nella migliore delle ipotesi, un processo imbarazzante. I medici devono prima escludere una vasta gamma di possibili malattie e condizioni con gli stessi sintomi, tra cui alcuni tumori, diabete di tipo 2, cistite e un’infezione delle vie urinarie. Uno di questi test è invasivo, doloroso e anche costoso. I trattamenti per ogni possibile malattia variano notevolmente. Alcuni dei test non sono accurati nel fornire un risultato chiaro, prolungando la ricerca dei medici per una diagnosi. Le condizioni possono essere così complesse da diagnosticare che la salute dei pazienti è spesso peggiorata dal momento in cui i risultati sono finalmente arrivati. Grazie a una nuova ricerca, tuttavia, milioni di persone potrebbero alla fine essere risparmiate dall’imbarazzo e dall’estremo isolamento causati dal bagnarsi.

Gli scienziati dell’Università di Portsmouth hanno identificato sostanze chimiche nelle urine specifiche della vescica iperattiva. Le biopsie delle mucose sono state prelevate mediante cistoscopia flessibile da pazienti con sintomi di accumulo riferiti ai dipartimenti di urologia degli ospedali che collaborano. L’immunoistochimica e l’analisi Western blot (proteine) sono stati usati per stabilire il profilo di espressione qualitativo e quantitativo di un recettore chiamato P2Y6 nella mucosa umana. Questa proteina della superficie cellulare è attivata da alcuni nucleotidi, basi del DNA con gruppi fosfatici, ed è coinvolta in diversi processi fisiologici. Inoltre, il team ha identificato i nucleotidi ATP e ADP nelle urine. I partecipanti della popolazione generale hanno fornito un campione di urina a flusso medio. Sono stati utilizzati test bioluminescenti per quantificare le concentrazioni di adenosina trifosfato (ATP) e adenosina difosfato (ADP). L’immunoreattività P2Y6, più prominente nell’urotelio (colocalizzato con il marker uroepiteliale pan-citocheratina), è stata maggiormente espressa nella OAB rispetto ai controlli corrispondenti all’età e al sesso (iperplasia prostatica benigna) senza sintomi OAB. Il P2Y6 mucosale era correlato positivamente solo con l’incontinenza. Sia l’ATP urinario che il suo prodotto di idrolisi, ADP, un agonista del P2Y6, erano positivamente correlati con il punteggio dei sintomi.

Il prossimo passo è sviluppare un gadget simile a un test di gravidanza, per vedere se questi marcatori chimici sono presenti. Tale dispositivo è a 12-24 mesi dagli studi clinici, ma i primi segni sono incoraggianti. Il dottor John Young della School of Pharmacy and Biomedical Sciences di Portsmouth, ha pubblicato la ricerca su Nature’s Scientific Reports. Ha commentato: “Il primo passo è stato quello di identificare le sostanze chimiche nelle urine specifiche della vescica iperattiva. Il prossimo passo è sviluppare un gadget da utilizzare in medici, farmacie e case di cura o di cura che sia semplice da usare, preciso e non debba essere inviato a un laboratorio per l’elaborazione. In caso di successo, salverebbe milioni di pazienti da procedure dolorose e lunghe attese per una diagnosi. Questo è il primo passo per trasformare la vita di milioni di persone che soffrono in silenzio, troppo imbarazzate per uscire o addirittura per parlare delle loro condizioni. Inoltre, salverebbe gli operatori sanitari, incluso il Servizio sanitario nazionale, milioni di sterline. Infine, se gli studi clinici confermano lo sviluppo, consentirebbe di iniziare la terapia molto prima. Il test dell’astina di livello proposto dal dott. Young e colleghi costerebbe circa £ 10 e richiederebbe alcuni minuti per ottenere un risultato accurato. Il trattamento potrebbe iniziare immediatamente, molto prima che i sintomi a volte debilitanti abbiano costretto un paziente a indossare prodotti sanitari o a smettere di uscire da casa.

Il dottor Young ha concluso: “Sarebbe semplice come un test di gravidanza. Un trattamento efficace è un trattamento precoce. Se non trattata, la vescica può cambiare. I nervi, i vasi sanguigni e le cellule aggiuntivi crescono, lasciandola più piccola di prima. Non è una bella cosa che milioni di persone si sentono costrette a isolarsi nelle loro case evitando ogni interazione sociale, con una condizione che, se presa in tempo, ha trattamenti che possono aiutare. Non credete?”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Firouzmand S et al., Young JS. Neurourol Urodyn. 2020 Feb 12.

Polat S et al. Int Braz J Urol. 2019 Nov-Dec; 45(6):1186-1195. 

Abdul-Razzak KK et al. Neurourol Urodyn. 2019 Apr; 38(4):1160. 

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2449 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments