Bruciare più calorie con colazione più abbondante? Gli scienziati dicono come

Si è discusso se accumulare o meno calorie al primo pasto della giornata. Secondo i ricercatori tedeschi, per perdere peso, si deve fare una colazione sana e abbondante. Il nuovo studio è stato pubblicato nell’ultimo numero del Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism. La ricercatrice capo, la dott.ssa Juliane Richter, neurobiologa dell’Università di Lubecca, in Germania, ha assicurato che coloro che fanno una colazione sostanziosa hanno maggiori probabilità di bruciare fino a due volte e mezzo più calorie rispetto a coloro che saltano la colazione. Pertanto, i mangiatori di colazione pesanti hanno maggiori possibilità di perdere peso, ha aggiunto. La risposta potrebbe risiedere nelle differenze diurne nel metabolismo, spiegano i ricercatori. Hanno lavorato sulla termogenesi indotta dalla dieta (DIT) o sull’energia termica prodotta dal cibo consumato. I ricercatori hanno tentato di scoprire se ci fosse qualche variazione nella termogenesi nel corso della giornata e come potesse aiutare a perdere peso. Gli autori hanno scritto che la maggior parte delle persone obese con diabete di tipo 2 tende a contare le calorie e cerca di perdere peso corporeo riducendo le calorie assunte a colazione o saltando del tutto la colazione. Questa strategia che hanno scritto è “controversa” perché riduce l’apporto calorico nella prima metà della giornata, ma la maggior parte degli individui lo compensa verso la fine della giornata. In definitiva, così, la perdita di peso target non viene raggiunta.

Per questo studio, il team ha incluso 16 uomini di età media di 23 anni e con pesi corporei normali. Questi uomini sono stati sottoposti a ricerche di laboratorio per tre giorni. Erano divisi in due gruppi. Gli interventi nella loro dieta sono stati quindi passati all’altro gruppo – questo è stato uno studio incrociato. I partecipanti non avevano una storia familiare di diabete di tipo 2, non fumavano o bevevano o non usavano altre sostanze di abuso, non erano lavoratori a turni (che alterano i ritmi circadiani), non erano atleti o erano sotto stress fisico o mentale. Al primo gruppo è stata data una colazione a basso contenuto calorico, definita come l’11% del fabbisogno calorico giornaliero individuale. A quel punto è stata data una cena ipercalorica con il 69% del fabbisogno calorico giornaliero in quel pasto. L’altro gruppo è stato dato colazioni e cene che erano opposte in termini di calorie. Dopo la durata dello studio, i gruppi sono stati cambiati e l’esperimento è stato ripetuto. Tra i due tipi di interventi, è stato concesso un intervallo di 2 settimane. Durante lo studio, la DIT è stata misurata utilizzando la calorimetria e sono state valutate anche altre misure del metabolismo del glucosio, dell’ormone cortisolo, ecc. Sono stati inoltre valutati la qualità e la durata del sonno. Ai partecipanti è stato anche chiesto della loro fame e brama di dolci in diversi momenti e questo è stato valutato su una scala predeterminata.

I risultati hanno rivelato i benefici di una ricca colazione durante una cena pesante. Il team suggerisce che il pasto più sostanzioso della giornata dovrebbe essere la colazione e il più piccolo dovrebbe essere la cena. Il team di ricercatori ha scritto: “L’aumento indotto dal cibo della glicemia e delle concentrazioni di insulina sono diminuiti dopo la colazione rispetto alla cena”. Quelli che consumavano la colazione più piccola avevano anche una maggiore voglia di dolci, il che significa che erano a maggior rischio di spuntini e di mangiare tra i pasti. La colazione a basso contenuto calorico ha aumentato i sentimenti di fame, in particolare l’appetito per i dolci durante il giorno. I ricercatori hanno concluso che la DIT è chiaramente più alta al mattino che alla sera, indipendentemente dalla quantità di calorie consumate. I loro risultati mostrano che un modello nutrizionale con una ricca colazione e poche calorie alla sera ha un effetto favorevole sull’energia e sul metabolismo del glucosio. Lo studio non esplora i meccanismi alla base di questo fenomeno e potrebbe esserci una complessa interazione tra regolazione dell’appetito, attività dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, metabolismo del glucosio e ricambio di energia postprandiale. Inoltre, la ricerca ha incluso solo uomini e studi più approfonditi a lungo termine sugli uomini e sulle donne di una fascia di età più ampia potrebbero fornire alcune delle risposte alle domande sollevate.

Il Dr. Richter ha concluso: “I nostri risultati mostrano che un pasto consumato a colazione, indipendentemente dalla quantità di calorie che contiene, crea una termogenesi doppiamente indotta dalla dieta rispetto allo stesso pasto consumato a cena. Gli scienziati ritengono che potrebbe aiutare a porre fine alla crisi dell’obesità e a una serie di malattie correlate, come il diabete. Raccomandiamo ai pazienti con obesità e alle persone sane di consumare una colazione abbondante piuttosto che una cena abbondante per ridurre il peso corporeo e prevenire le malattie metaboliche”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Richter J et al. J Clin Endocrinol Metab. 2020 Mar 1; 105(3).

Okauchi H et al. Biochem Biophys Res Commun. 2020 Jan 21. 

Perry CA, Van Guilder GP et al. Nutrients. 2019 Dec 30; 12(1).

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments