Effetti del fumo sul sistema immunitario: il riassunto e le connessioni con il cervello

Il fumo è una delle principali cause di decessi e malattie prevenibili negli Stati Uniti, con circa 480.000 persone negli Stati Uniti che muoiono ogni anno di malattie legate al fumo. Fumare tabacco aumenta il rischio di sviluppare una serie di gravi condizioni di salute, alcune delle quali possono essere fatali, oltre a contribuire alla cattiva salute di altre persone nelle immediate vicinanze, come familiari e amici. Il fattore di rischio più significativo per il cancro ai polmoni è il fumo, che rappresenta circa 7 casi su 10 di cancro ai polmoni negli Stati Uniti. Tuttavia, non è solo il cancro ai polmoni che provoca il fumo, ma può anche causare tumori alla bocca, alla gola, alla laringe, all’esofago, all’intestino, alla vescica, alla cervice, ai reni, al fegato, allo stomaco e al pancreas. Il fumo non solo aumenta il rischio di cancro, ma può anche aumentare enormemente il rischio di sviluppare molte malattie cardiovascolari come infarto, ictus e impotenza (disfunzione erettile) negli uomini. Inoltre, a causa dell’inalazione di fumo, i polmoni possono anche essere danneggiati, portando a malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO) e polmonite. Il fumo può esacerbare condizioni respiratorie preesistenti, tra cui asma, bronchite e raffreddore comune.

Sebbene gli agenti cancerogeni all’interno del tabacco e delle sigarette siano responsabili dell’aumento del rischio di cancro, numerosi altri composti agiscono come agenti pro-infiammatori e immunosoppressori, tra cui nicotina, formaldeide, ammoniaca, monossido di carbonio, benzopireni, catrame, acetone, idrossichinone, cadmio e ossidi di azoto. Di questi, è noto che la nicotina è immunosoppressiva che può portare a una ridotta attività fagocitica neutrofila, nonché a influenzare la chemiotassi e la segnalazione cellulare, oltre a inibire il rilascio di specie reattive dell’ossigeno (ROS), compromettendo così la capacità dei neutrofili di uccidere i patogeni. All’interno dei polmoni, il fumo innesca una cascata di agenti infiammatori in cui i macrofagi portano alla distruzione dei tessuti e all’ulteriore rilascio di agenti infiammatori che portano alla sindrome infiammatoria cronica persistente. Ad esempio, i macrofagi, quando attivati, rilasciano interleuchina-1 (IL-1), che porta alla stimolazione e proliferazione delle cellule helper-T (CD4+), che a loro volta attivano le cellule killer-T (effettore citotossico CD8+). I macrofagi nei polmoni dei fumatori hanno una ridotta capacità di fagocitare gli agenti infiammatori e le cellule morenti all’interno del polmone. Inoltre, i neutrofili attivati ​​dal fumo e dalla nicotina esacerbano il danno.

Uno studio di Hillmer e colleghi ha studiato la funzione neuroimmune nei fumatori utilizzando la neuroimaging tra 16 fumatori rispetto a 19 non fumatori, di cui 8 fumatori e 9 non fumatori sono stati sottoposti a una lieve attivazione del sistema immunitario mediante la somministrazione di 1ng / kg di lipopolisaccaride (endotossina LPS) endovenoso. L’imaging PET è stato eseguito 3 ore dopo l’iniezione di LPS e le misure di attivazione immunitaria utilizzando il radiotracciante [11C] PBR28 in diverse regioni del cervello. Sono state registrate le misure di base, nonché i cambiamenti nel metabolismo. Per quanto riguarda le misure di base dell’attivazione immunitaria (prima dell’iniezione di LPS), non sono state riscontrate differenze significative tra i fumatori e i non fumatori. Tuttavia, dopo l’iniezione di LPS per stimolare una risposta immunitaria, la risposta neuroimmune è stata significativamente ridotta nello striato e nella corteccia dei fumatori rispetto ai non fumatori. Tuttavia, questo effetto era specifico della regione del cervello e non si riscontra globalmente nel cervello dei fumatori. Questo studio presenta scoperte che il sistema immunitario all’interno del cervello è disfunzionale in alcune aree vitali coinvolte nella motivazione, nel desiderio e nel controllo esecutivo.

In sintesi, il fumo porta a profondi cambiamenti all’interno del sistema immunitario caratterizzati da infiammazione mista e immunosoppressione in tutto il corpo. Studi recenti hanno dimostrato che il cervello può avere una risposta neuro-immunitaria molto più debole alle infezioni sistemiche e alle infiammazioni, sebbene non siano state riscontrate differenze nell’attivazione immunitaria al basale. Ricerche future che indagano su come il ripristino del sistema immunitario potrebbe aiutare i fumatori a smettere, poiché le aree cerebrali interessate sono aree chiave coinvolte nella motivazione e nel desiderio.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Valdez-Miramontes CE et al. Clin Exp Immunol. 2020; 199(2):230-243.

Di Biase A et al. Ann Ist Super Sanità 2018 Oct-Dec; 54(4):300-307.

Scott A, Lugg ST, Aldridge K et al. Thorax 2018 Dec; 73(12):1161-1169.

Nouri-Shirazi M et al. Int Immunopharmacol. 2018 Aug; 61:54-63.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments