Ricerca su sclerosi multipla: l’integratore antiossidante è sicuro e fa recuperare

La N-acetilcisteina (NAC) è una molecola presente in natura che reintegra gli antiossidanti e mostra un miglioramento del metabolismo cerebrale e miglioramenti auto-riportati nella funzione cognitiva nei pazienti con sclerosi multipla, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Neurology. Lo studio ha riscontrato miglioramenti nel metabolismo cerebrale, in particolare nelle aree che supportano la cognizione come i lobi frontale e temporale nei pazienti con sclerosi multipla. Inoltre, i pazienti hanno riportato miglioramenti qualitativi nelle loro capacità cognitive e di attenzione. Lo studio è stato condotto dal Dipartimento di Medicina Integrativa e Scienze Nutrizionali, nonché dai Dipartimenti di Neurologia e Radiologia, alla Thomas Jefferson University. Gli attuali trattamenti per la sclerosi multipla sono generalmente limitati al tentativo di rallentare la progressione della malattia prevenendo il verificarsi di nuove lesioni cerebrali. Tuttavia, questi approcci non aiutano i neuroni che sono già stati colpiti dal processo della malattia. Mentre l’evento principale della sclerosi multipla deriva da un processo immunologico che prende di mira la sostanza bianca, il danno reale ai neuroni può essere dovuto in gran parte allo stress ossidativo causato dalla reazione immunitaria.

La NAC è un integratore orale usato per sciogliere il catarro; oppure in forma endovenosa che viene utilizzata per proteggere il fegato dal sovradosaggio di paracetamolo. Diversi studi iniziali hanno dimostrato che la somministrazione di NAC aumenta i livelli di glutatione nel cervello. Poiché il glutatione è un antiossidante, i ricercatori hanno suggerito che potrebbe ridurre lo stress ossidativo dalla reazione immunitaria, anche se non è chiaro se migliorerebbe la funzione dei neuroni. L’attuale studio ha testato questo monitorando il metabolismo cerebrale del glucosio sul cervello con tomografia ad emissione di positroni (PET), come proxy della normale funzione neuronale. I ricercatori hanno valutato 24 pazienti con sclerosi multipla che hanno continuato il loro trattamento attuale e sono stati collocati in due gruppi: il primo gruppo ha ricevuto una combinazione di NAC orale e endovenosa (EV) per due mesi (oltre all’attuale programma di trattamento); e il secondo gruppo, i pazienti di controllo, ha ricevuto solo il loro trattamento standard per la sclerosi multipla per due mesi. I pazienti non erano accecati. Quei pazienti nel gruppo attivo hanno ricevuto 50 mg/kg di NAC per via endovenosa una volta alla settimana e 500 mg di NAC per via orale 2 volte al giorno nei giorni non EV.

Tutti i pazienti sono stati sottoposti a scansione cerebrale mediante imaging PET FDG che misura la quantità di metabolismo del glucosio nei neuroni in tutto il cervello. Questo test è stato utilizzato per determinare il livello di recupero neuronale. I pazienti sono stati valutati inizialmente e dopo due mesi dalla ricezione del NAC o dalla terapia standard di cura. I pazienti sono stati inoltre valutati clinicamente utilizzando diverse misure della funzione cerebrale e della qualità della vita. Rispetto ai controlli, i pazienti che ricevevano NAC presentavano miglioramenti significativi nel metabolismo cerebrale nel caudato, nel giro frontale inferiore, nel giro temporale laterale e nel giro temporale medio misurati mediante imaging FDG PET. Queste aree sono particolarmente importanti nel supportare la cognizione e l’attenzione, che sono state entrambe percepite dai pazienti come migliorate attraverso questionari di salute e benessere generali. Cinque anni fa è stato pubblicato un altro studio per la sclerosi multipla con NAC + glatiramer acetato. Il trattamento consisteva in un periodo di rodaggio di 10 settimane seguito da un trattamento di 36 settimane con una combinazione di GA 20mg per via sottocutanea una volta al giorno più NAC 2,5 g per via orale due volte al giorno.

Le misure di esito includevano sicurezza e tollerabilità, biochimica redox ed effetto di risonanza magnetica. Il trattamento con la combinazione di glatiramer e NAC è stato sicuro e ben tollerato. Daniel Monti, MD, autore senior del documento, Presidente del Dipartimento di Medicina Integrativa e Scienze Nutrizionali e Direttore del Marcus Institute of Integrative Health presso la Thomas Jefferson University Questo studio è un passo importante nella comprensione di come la NAC potrebbe funzionare come un potenziale nuovo strada per la gestione dei pazienti con sclerosi multipla. L’acetilcisteina sembra consentire ai neuroni di recuperare parte della loro funzione metabolica”. L’autore corrispondente ed esperto di neuro-imaging Andrew Newberg, MD, professore e direttore della ricerca presso il Dipartimento di Medicina Integrativa e Scienze Nutrizionali, ha aggiunto: “Questo è uno studio entusiasmante ciò suggerisce che una molecola naturale come la NAC può aiutare a migliorare il metabolismo cerebrale e i sintomi nei pazienti con sclerosi multipla. Spero che questa ricerca aprirà nuove strade di trattamento per i pazienti con sclerosi multipla”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica.

Pubblicazioni scientifiche

Monti DA et al. Frontiers in Neurology 2020; in press.

Murphy NP, Lampe KJ. Biotechnol Bioeng. 2018;115(1):246.

Monti DA et al. PLoS One. 2016 Jun 16;11(6):e0157602. 

Schipper HM et al. Clin Neuropharmacol. 2015; 38(4):127-31. 

5 1 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2445 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments