Tosse cronica: arriva il primo farmaco dedicato dopo 50 anni di sintomatici

La tosse cronica colpisce dal 4 al 10% della popolazione generale e potrebbe essere abbastanza angosciante. Questi pazienti spesso tossiscono più di mille volte al giorno e la loro tosse può persistere per anni. Al momento, non esistono trattamenti definitivi per questa forma di tosse secca e cronica e la maggior parte dei farmaci disponibili per sopprimere tale tosse sono generalmente limitati nel loro uso a causa degli effetti collaterali. Gli esperti affermano che le cause sottostanti come l’asma, la broncopneumopatia cronica ostruttiva, le malattie nasali, la malattia da reflusso gastroesofageo potrebbero contribuire alla tosse cronica e questi problemi devono essere diagnosticati, investigati e trattati adeguatamente. La tosse cronica potrebbe contribuire anche a diverse altre condizioni, tra cui ernie, incontinenza urinaria, dolore addominale e insonnia. Un paio di studi hanno dimostrato che la tosse cronica e i suoi sintomi angoscianti potrebbero essere attenuati con l’aiuto di un nuovo farmaco. Inoltre, il farmaco non ha effetti collaterali che possono limitarne l’uso, spiegano i ricercatori. I risultati dei due studi sono pubblicati rispettivamente su The Lancet Respiratory Medicine e sull’European Respiratory Journal. Il primo studio si intitola “Gefapixant, un antagonista del recettore P2X3, per il trattamento della tosse cronica refrattaria o inspiegabile in uno studio controllato randomizzato di fase 2b”. Il secondo studio è intitolato “Gefapixant in due studi randomizzati di aumento della dose nella tosse cronica”.

Inizialmente il nuovo farmaco Gefapixant è stato sviluppato per essere un antidolorifico, ma in seguito è stato scoperto che ha un effetto significativo sulla tosse. Il Gefapixant agisce prendendo di mira un recettore nei nervi chiamato recettori P2X3. Questi recettori sono responsabili della tosse e, quando soppressi, la tosse cronica secca senza causa sottostante potrebbe essere efficacemente trattata. Per questi studi, il team ha utilizzato un dispositivo di monitoraggio della tosse per vedere se il loro farmaco funzionava. In questo studio di 12 settimane, è stato testato un nuovo farmaco Gefapixant alla dose di 50 mg. Smith, che ha guidato lo studio, ha affermato che questo farmaco è stato sviluppato dalla società farmaceutica MSD, che aveva anche finanziato questo studio. Lo studio è stato uno studio randomizzato, in doppio cieco, nel senso che i partecipanti, così come gli investigatori, non erano a conoscenza del farmaco e della sua dose utilizzata. Durante la sperimentazione di 12 settimane, il team di ricercatori ha esaminato 253 pazienti e i risultati hanno mostrato che c’era un’efficacia significativa del farmaco alla dose di 50 mg. Quasi i due terzi dei pazienti hanno mostrato una risposta clinicamente significativa in caso di tosse cronica. Il team ha provato tre diverse dosi del nuovo farmaco tra i partecipanti: la prima di 7,5mg, la seconda 20mg e la terza 50mg. L’efficacia delle tre dosi rispettivamente, è stata del 52%, un altro 52% e 67%. Un quarto dei partecipanti allo studio non ha risposto adeguatamente al farmaco.

Il secondo studio, trial pubblicato, è stata una prova di 16 giorni con il Gefapixant. In questo studio, sono stati reclutati 57 pazienti con tosse cronica. Una dose di 30 mg è stata provata sui pazienti. I risultati hanno rivelato che anche questa dose bassa sembrava essere efficace nel ridurre i sintomi della tosse tra i partecipanti. Questo è stato anche uno studio randomizzato e in doppio cieco. Jackie Smith, professore di medicina respiratoria presso l’Università di Manchester, ha commentato: “Questo farmaco ha prospettive entusiasmanti per i pazienti che soffrono della condizione spesso angosciante della tosse cronica. I trattamenti efficaci per la tosse sono un bisogno clinico significativo insoddisfatto e niente di nuovo esiste nelle terapie approvate da oltre 50 anni. Miliardi di sterline vengono spesi ogni anno in medicine sintomatiche per la tosse e il raffreddore, nonostante la mancanza di prove a sostegno della loro efficacia. Non possiamo ancora dire quando o se questo farmaco sarà disponibile su prescrizione medica, tuttavia, se lo studio di fase 3 avrà successo, sarebbe sicuramente un passo importante verso l’uso quotidiano, sebbene sia giusto dire che il farmaco non è una cura per la tosse cronica, può e spesso riduce sostanzialmente la frequenza della tosse. potrebbe fare una grande differenza per i pazienti che spesso lottano con questa condizione, che può avere un impatto così grande sulla loro vita”.

Dopo il successo iniziale nei due studi, il farmaco verrà ora ulteriormente testato in due importanti studi di fase 3, che devono essere condotti in più di un centro in diversi paesi.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Smith JA, Kitt MM, Butera P et al. Eur Respir J. 2020 Jan 16. 

Morice AH, Kitt MM, Ford AP et al. Eur Respir J. 2019 Jul 4;54(1).

Muccino D, Green S. Pulm Pharmacol Ther. 2019 Jun; 56:75-78. 

Wang J et al. PNAS USA. 2018 May 8; 115(19):4939-4944.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2449 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments