Alimentazione troppo zuccherina e nutrizione: parla una ricerca svedese

La preoccupazione per gli effetti dannosi che un’assunzione eccessiva di zucchero aggiunto (cioè zucchero aggiunto agli alimenti durante la lavorazione o la preparazione, non lo zucchero naturale presente negli alimenti) può avere sulla salute è cresciuta considerevolmente negli ultimi decenni. Nel tempo, le prove che collegano un elevato consumo di zucchero aggiunto allo sviluppo di malattie legate allo stile di vita, come obesità, malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e carie dentale, hanno continuato ad accumularsi. Tuttavia, il limite superiore raccomandato di assunzione di zuccheri aggiunti varia a seconda delle regioni e delle diverse istituzioni. Una revisione sistematica ha identificato solo cinque linee guida che hanno fornito raccomandazioni quantitative per l’assunzione di zucchero. Le raccomandazioni sulla nutrizione nordica (NNR) e le linee guida dietetiche per gli americani suggeriscono che lo zucchero aggiunto dovrebbe essere limitato al 10% dell’apporto energetico; tuttavia, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) ha concluso che non vi sono dati scientifici sufficienti per definire un limite massimo.

Vi sono vari argomenti che servono come base per stabilire le linee guida del limite superiore di assunzione di zucchero. Per tre linee guida, parte della base considerata includeva l’aumento del rischio di diluizione di micronutrienti, ovvero lo spostamento dell’assunzione di alimenti ricchi di nutrienti da parte del consumo eccessivo di alimenti ad alta intensità energetica (ricchi di grassi e zuccheri e poveri di nutrienti) con zuccheri più elevati assunzione. Diversi studi hanno trovato associazioni significative tra l’assunzione di zuccheri aggiunti e la diluizione di micronutrienti in varie popolazioni. Tuttavia, secondo diverse recensioni, l’evidenza è inconcludente, principalmente a causa delle differenze negli approcci metodologici utilizzati in questi studi. Gli studi sulla popolazione adulta nei paesi nordici sono limitati; ecco perché un team dell’Università di Lund in Svezia ha esaminato se esistesse un’associazione tra l’assunzione di zuccheri aggiunti e l’assunzione di micronutrienti nella popolazione svedese adulta, esaminando due grandi coorti basate sulla popolazione e i loro modelli di consumo in quasi due decenni.

I ricercatori hanno preso i dati da analizzare dal Malmӧ Diet and Cancer Study (MDCS) e dal Riskmaten Adult Study, per un totale di oltre 76.000 soggetti. L’apporto energetico medio nell’MDC (2334 kcal / giorno) era superiore a quello negli adulti di Riksmaten (1903 kcal / giorno). Inoltre, l’assunzione media di zucchero aggiunto, espressa in% E, è stata leggermente più elevata nell’MDCS (10,1% E) rispetto agli adulti di Riksmaten (9,5% E). Per entrambe le popolazioni, l’assunzione di energia è aumentata all’aumentare dell’assunzione di zucchero aggiunto, con circa 250 kcal / giorno di assunzione di energia più elevata osservata nel gruppo con più apporto di zucchero aggiunto rispetto alle prese di energia del gruppo con più basso apporto di zucchero. L’assunzione di carboidrati (% E) era positivamente correlata con l’assunzione di zuccheri aggiunti, mentre tutti gli altri macronutrienti (%grassi E, %proteine ​​E, %fibre E) erano negativamente correlati con l’assunzione di zuccheri aggiunti. È spuntata un’associazione inversa tra l’assunzione di zucchero aggiunto e l’assunzione giornaliera di tutti e nove i micronutrienti in entrambi gli studi.

Questo è un primo segno di effetto “diluizione”. Negli adulti Riksmaten è stata osservata la più grande differenza nell’assunzione di micronutrienti tra i gruppi con l’assunzione di zucchero più bassa e più alta per vitamina D (diminuzione del 38%), selenio (diminuzione del 33%), acido folico (diminuzione del 25%) e zinco (diminuzione del 22%). Nell’MDCS, sono state osservate le maggiori differenze per gli stessi micronutrienti, vitamina D e selenio (entrambi diminuiti del 32%), zinco (riduzione del 26%) e acido folico (riduzione del 25%). In linea con lo studio dei dati, studi precedenti in tutto il mondo hanno trovato associazioni significative tra l’assunzione di zuccheri aggiunti e la diluizione di micronutrienti indipendentemente dalle differenze nelle metodologie e nelle popolazioni. Negli adulti più anziani in Australia, quelli con assunzioni di zucchero aggiunte superiori al 10% E avevano maggiori probabilità di avere scarse assunzioni di micronutrienti. Allo stesso modo, nei bambini e negli adolescenti australiani, l’assunzione maggiore di zuccheri aggiunti è stata associata all’assunzione di alimenti poveri di nutrienti (ad alta intensità energetica).

Negli Stati Uniti, Bowman ha scoperto che un’assunzione di zuccheri aggiunti pari o superiore al 18% in una popolazione di età pari o superiore a 2 anni era associata all’assunzione più bassa di tutti i micronutrienti misurati. La professoressa Emily Sonestedt, autrice senior, ha spiegato il punto di forza dello studio: “Sebbene diversi studi abbiano già studiato l’associazione tra aggiunta di zucchero e diluizione di micronutrienti, è importante condurre analisi in diverse popolazioni a causa delle diverse abitudini alimentari. Inoltre, in alcuni paesi, i cibi zuccherati possono essere arricchiti con micronutrienti, il che potrebbe mascherare l’associazione tra l’assunzione di zuccheri aggiunti e la diluizione dei micronutrienti. In Svezia, i cibi malsani non sono comunemente fortificati e quindi potrebbe esserci un’associazione ancora più forte nella nostra popolazione. In conclusione, l’associazione inversa osservata tra l’assunzione di zuccheri aggiunti e l’assunzione di micronutrienti nelle due popolazioni studiate supporta il verificarsi della diluizione dei micronutrienti”.

In definitiva, questi risultati suggeriscono che maggiore è l’assunzione di zuccheri aggiunti nella dieta, maggiore è la probabilità che l’assunzione di micronutrienti venga compromessa. Rispetto al passato, oggi il pericolo è maggiore per i bambini in fase di crescita, per cui è dovere dei genitori assumere un atteggiamento vigilante al riguardo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gonzalez-Padilla E et al. Nutr Metab 2020; 17(15).

Erickson J et al. Ann Intern Med. 2017; 166(4):257–67.

Moshtaghian H et al. Nutrition 2016; 32(9):937–42.

Rennie KL, Livingstone MB. Br J Nutr. 2007; 97(5): 832.

Bowman SA. Famil Econom Nutr Rev 1999; 12(2):8.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2447 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments