Prebiotici: quelle fibre vegetali che fanno sì che il microbiota “ci mandi a nanna”

Pensate che la fibra alimentare sia solo per la salute dell’apparato digerente? Ricredetevi. Fibre specifiche note come prebiotici possono migliorare il sonno e aumentare la resistenza allo stress influenzando i batteri intestinali e le potenti molecole biologicamente attive, o metaboliti, che producono, mostra la nuova ricerca dell’Università del Colorado Boulder. La ricerca potrebbe infine portare a nuovi approcci per il trattamento dei problemi del sonno, che colpiscono 70 milioni di americani. Molte persone hanno familiarità con i probiotici, i batteri amici presenti negli alimenti fermentati come yogurt e crauti. Più recentemente, gli scienziati si sono interessati ai prebiotici, composti dietetici che l’uomo non può digerire ma che servono da nutrimento per il nostro microbiota o dai trilioni di batteri che risiedono in noi. Sebbene non tutte le fibre siano prebiotiche, molti alimenti fibrosi come asparagi, porri, carciofi, cipolle e alcuni cereali integrali ne sono ricchi. Gli scienziati sapevano che questa combinazione di fibre alimentari aiuta a promuovere la resistenza allo stress e il buon sonno e protegge il microbiota intestinale dalle interruzioni. Con questo nuovo studio, hanno voluto provare a identificare il segnale. Per lo studio, i ricercatori hanno iniziato i ratti maschi adolescenti su entrambi i tipi standard o infusi con prebiotici e hanno seguito una serie di misure fisiologiche prima e dopo che i ratti sono stati stressati.

Come riportato nel precedente studio dei ricercatori, quelli che seguivano la dieta prebiotica trascorrevano più tempo nel sonno rigenerativo a movimento non rapido degli occhi (NREM). Dopo lo stress, hanno anche trascorso più tempo nel sonno a movimento rapido (REM), che si ritiene sia fondamentale per il recupero dallo stress. Mentre i ratti che mangiavano cibo standard vedevano un appiattimento malsano delle naturali fluttuazioni di temperatura del corpo e un calo della sana diversità del loro microbioma intestinale dopo lo stress, quelli alimentati con prebiotici venivano tamponati da questi effetti. Il nuovo studio fa luce su come i prebiotici possono aiutare a contrastare lo stress. Utilizzando una tecnologia chiamata spettrometria di massa per analizzare i campioni fecali dei ratti, i ricercatori hanno misurato i metaboliti bioattivi prodotte dai batteri mentre il cibo viene scomposto. Hanno scoperto che i ratti con la dieta prebiotica avevano un “metaboloma” sostanzialmente diverso, o composizione dei metaboliti. Il loro era più alto in dozzine di loro, compresi acidi grassi, zuccheri e steroidi che possono, attraverso le vie di segnalazione del cervello-intestino, influenzare il comportamento. Anche il metaboloma dei ratti sembrava diverso dopo lo stress. Ad esempio, i ratti con la dieta standard hanno visto picchi drammatici di allopregnanolone e cheto-steroide, metaboliti potenzialmente dannosi per il sonno, mentre in quelli con la dieta prebiotica non è spuntato.

Mentre la fibra dietetica prebiotica è sicuramente salutare, non è certo se il solo fatto di caricare cibi ricchi di essa possa favorire il sonno. Ai ratti sono state somministrate dosi molto elevate di quattro prebiotici specifici, tra cui: galatto-oligosaccaridi, che sono presenti in lenticchie e cavoli; polidestrosio (PDX) un additivo alimentare approvato dalla FDA spesso usato come dolcificante; lattoferrina, presente nel latte materno; e proteine ​​globulari grasse del latte, abbondanti nei latticini. Monika Fleshner, direttrice del laboratorio di Fisiologia dello stress, autrice senior e professoressa di Fisiologia integrata, ha spiegato i risultati: “Il più grande asporto qui è che questo tipo di fibra non è solo lì per ammassare le feci e passare attraverso il sistema digestivo. nutrire gli insetti che vivono nel nostro intestino e creare una relazione simbiotica con noi che ha potenti effetti sul nostro cervello e comportamento. Gli integratori prebiotici abbondano già sugli scaffali dei negozi di alimenti naturali. Ma è troppo presto per dire se un integratore o un farmaco contenente tali composti sarebbe essere sicuri ed efficaci per tutti. Queste sono molecole potenti con effetti neuroattivi reali e le persone devono fare attenzione. A seconda di quale sia la loro composizione microbica, persone diverse potrebbero rispondere in modo diverso. Probabilmente dovreste mangiare un sacco di lenticchie e cavoli per vedere qualsiasi effetto”.

Studi umani sono già in corso presso la CU Boulder. Alla fine, Fleshner crede che ciò che stanno imparando nel suo laboratorio potrebbe portare a una nuova classe di opzioni per le persone che non riescono a dormire ma che non amano assumere narcotici. Armata di queste informazioni, pensa che potrebbero essere in grado di sviluppare un terapeutico mirato che aumenta le molecole che si respingono contro lo stress e comprime quelle che sembrano disturbare il sonno.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Thompson RS et al. Sci Reports 2020 Mar 2; 10(1):3848.

Thompson RS et al. Front Behav Neurosci. 2017; 10:240. 

Mika A et al., Int Rev Neurobiol. 2016; 131:165-191.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments