News COVID-19: cominciati i primi trials con farmaci, il primo vaccino però ad Aprile

L’epidemia di coronavirus (COVID-19) ha spazzato il mondo, uccidendo 3300 persone e infettando più di 92.000. Nel mezzo della crisi sanitaria, gli sviluppi di tutto il mondo stanno correndo per le nuove terapie e i vaccini nella speranza di arginare la diffusione del virus mortale. Ora, il primo passo in uno studio clinico per un farmaco per il trattamento del coronavirus è iniziato, grazie a un team di esperti del Centro Medico dell’Università del Nebraska a Omaha. Il Dr. Andre Kalil, specialista in Malattie infettive e professore di Medicina interna, supervisionerà la sperimentazione farmacologica sul suo primo paziente, rimpatriato dopo essere stato messo in quarantena sulla nave da crociera Diamond Princess in Giappone. Lo studio sta attualmente arruolando adulti ospedalizzati con COVID-19 nel Nebraska. Sviluppato dall’azienda Gilead Sciences viene curato per l’infezione da virus Marburg e la malattia da virus Ebola, remdesivir, è un nuovo analogo nucleotidico sperimentale con attività antivirale ad ampio spettro. Non è stato approvato un livello globale per qualsiasi uso, ha riscontrato attività in vitro e in vivo in modelli animali contro i patogeni virali SARS e MERS, che sono coronavirus affini al COVID-19, ovvero della stessa famiglia

Il farmaco è un farmaco sperimentale che finora è stato usato da solo in un piccolo numero di pazienti con COVID-19. Pertanto, la società non ha una forte comprensione dell’efficacia del farmaco e del potenziale per un uso più ampio. La Gilead ha detto che sta lavorando con i funzionari sanitari per eseguire un uso sperimentale appropriato del farmaco. La compagnia farmaceutica sta lavorando a stretto contatto con i Centri commerciali per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), la FDA degli Stati Uniti, il Dipartimento della salute e dei servizi umani (DHHS), il Dipartimento della difesa, l’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive (NIAID), l’OMS stessa, la China CDC e la National Medical Product Administration. Stanno anche lavorando con singoli clinici e controllare per monitorare rapidamente l’uso sperimentale del farmaco nella speranza che può contenere l’infezione. Lo studio clinico, che sarà guidato da UNMC e NIAID, sarà condotto in un massimo di 50 siti in tutto il mondo e testerà il farmaco contro un placebo. Sembra che il remdesivir sia il trattamento che sembra avere una promessa nel trattamento di COVID-19. Attualmente, il farmaco viene anche testato in due studi a Wuhan, epicentro dell’epidemia.

I primi dati provenienti da studi clinici condotti in Cina hanno rivelato che la vecchia clorochina antimalarica potrebbe aiutare a curare la nuova malattia di coronavirus. Il vice-capo del Centro nazionale cinese per lo sviluppo delle biotecnologie (CNCSB), Sun Yanrong, ha affermato che la clorochina, un farmaco antimalarico, è stata selezionata dopo diversi cicli di screening di migliaia di farmaci esistenti. Il suo superiore Zhang Xinmin ha affermato che la clorochina è uno dei tre farmaci che hanno un profilo promettente contro il nuovo coronavirus, a parte il remdesivir e il filapiravir. Il farmaco è in fase di sperimentazione clinica in più di dieci ospedali a Pechino, nella provincia del Guangdong e nella provincia di Hunan. I dati degli studi sul farmaco hanno mostrato “un certo effetto curativo” con “un’efficacia abbastanza buona”. Secondo il Dr. Yanrong, i pazienti trattati con clorochina hanno dimostrato un migliore calo della febbre, un miglioramento delle immagini della TC polmonare e un tempo di recupero più breve rispetto ai gruppi paralleli. Anche la percentuale di pazienti con test negativi sull’acido nucleico virale era più alta con la clorochina. Finora il farmaco non ha mostrato reazioni avverse gravi evidenti negli oltre 100 partecipanti agli studi.

Parallelamente, si stanno sviluppando anche vaccini per la condizione ed un nuovo vaccino contro la malattia di coronavirus COVID-19 inizierà gli studi tra sei settimane. Sviluppato dall’azienda farmaceutica Moderna Inc., il primo lotto di vaccino è stato inviato a ricercatori del governo degli Stati Uniti, che supervisioneranno il primo studio clinico sull’uomo. La sperimentazione per il nuovo vaccino sperimentale inizierà ad aprile, sebbene i test e l’approvazione per il vaccino da utilizzare su larga scala possano richiedere fino a un anno. Il vaccino chiamato mRNA-1273 funziona come immunogeno, innescando una risposta nel sistema immunitario che aiuta a combattere l’infezione. Se la sperimentazione procede come previsto, potrebbero essere necessari circa tre mesi dal laboratorio ai test umani. Sebbene possano essere necessari mesi prima che il vaccino sia disponibile per l’uso, questo sarebbe più veloce rispetto all’epidemia di SARS 2002, in cui ci sono voluti 20 mesi per far testare un vaccino dal NIAID nell’uomo. Nel frattempo, il governo degli Stati Uniti ha chiesto al Congresso un finanziamento di coronavirus di 1,25 miliardi $ per seguire rapidamente lo sviluppo di farmaci e vaccini contro il virus.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

https://www.unmc.edu/news.cfm?match=25138

https://www.nebraskamed.com/COVID

https://www.gilead.com/purpose/advancing-global-health/covid-19

https://www.nih.gov/news-events/news-releases/nih-clinical-trial-remdesivir-treat-covid-19-begins

Wang M, Cao R et al. Cell Research 2020 Mar; 30(3):269-271.

Gordon CJ, Tchesnokov EP et al. J Biol Chem. 2020 Feb 24.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments