Coronavirus: rivelato come entra nelle cellule e come un farmaco esistente interferisce

L’epidemia di coronavirus ha già infettato decine di migliaia in tutto il mondo. Il nuovo virus è stato ufficialmente chiamato la sindrome respiratoria acuta improvvisa coronavirus di tipo 2 (SARS-CoV-2) ed è noto per essere trasmesso dagli animali selvatici all’uomo. I segni e sintomi comuni del virus comprendono tosse, febbre alta e respiro corto. Il virus provoca infiammazione polmonare e malattie simili alla polmonite e, a lungo termine, può portare a malattie respiratorie acute, che possono essere pericolose per la vita. La malattia è stata osservata soprattutto nelle persone anziane, sebbene anche i giovani adulti possano essere infettati. La gravità della malattia aumenta quando una persona cresce; quindi, gli anziani hanno maggiori probabilità di manifestare sintomi più gravi. Molti coronavirus circolano a livello globale e infettano continuamente l’uomo, che si manifesta in genere come lieve malattia respiratoria. Tuttavia, nell’ultimo decennio, diversi coronavirus hanno rappresentato una grave minaccia per la salute di molte popolazioni, tra cui il virus della sindrome respiratoria acuta grave (SARS) nel 2003 e la coronavirus della sindrome respiratoria mediorientale (MERS-CoV).

Attualmente, il mondo sta assistendo alla diffusione di questo nuovo coronavirus che ha infettato quasi 110.000 persone e causato la morte di oltre 3.800 persone, principalmente nella Cina continentale. Le stime ufficiali in Italia parlano di 7375 casi di contagio e di 366 morti dovute al virus. Proprio come qualsiasi altro virus, il coronavirus ha bisogno di un oispite per sopravvivere. I virus entrano nelle cellule del corpo umano per causare la malattia legandosi a un sito recettore specifico sulla membrana della cellula ospite. Per fare questo, si attaccano alle proteine ​​nel capside attraverso le glicoproteine ​​presenti nella capsula del virus. Ora, i biologi e gli infettivologi del German Primate Center – Leibniz Institute for Primate Research di Göttingen, insieme ai colleghi di Charité – Universitätsmedizin Berlin, hanno scoperto come il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 penetra nelle cellule. Il team di scienziati potrebbe aver trovato un modo per prevenire la diffusione del temuto coronavirus. L’ingresso di coronavirus nelle cellule dipende dal legame delle proteine ​​virali dei picchi con i recettori cellulari e l’innesco delle proteine ​​da parte delle proteasi delle cellule ospiti.

Il team ha voluto svelare i fattori cellulari che vengono utilizzati da SARS-CoV-2 per l’ingresso potrebbe far luce sulla trasmissione virale e spianare la strada alla scoperta di potenziali bersagli terapeutici. Il team ha identificato una proteina cellulare chiamata TMPRSS2, che è cruciale per l’ingresso del nuovo coronavirus nelle cellule polmonari. I risultati dello studio mostrano che il virus ha bisogno della proteasi, che è presente nel corpo, per entrare nelle cellule, fornendo un nuovo bersaglio per la terapia. Un noto farmaco chiamato camostat mesilato funziona inibendo la proteasi TMPRSS2, il team ha studiato se può anche prevenire l’infezione con SARS-CoV-2. Il team ha testato il virus da un paziente e ha scoperto che il farmaco è efficace nel bloccare l’ingresso del virus nelle cellule polmonari. Camostat mesilato è un farmaco approvato in Giappone per l’infiammazione del pancreas. Ora, il farmaco mostra risultati promettenti come potenziale trattamento per i pazienti con infezione o come agente protettivo contro COVID-19. Tuttavia, il farmaco deve ancora essere testato negli studi clinici prima di poter essere utilizzato sui pazienti.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ramsey ML et al. Trials 2019 Aug 14; 20(1):501. 

Rabaan AA et al. J Med Microbiol. 2017; 66(9):1261. 

Yamaya M et al. Pulm Pharmacol Ther. 2015; 33:66-74.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments