Impianti petrolchimici e salute pubblica: il rischio reale per il tumore al polmone

Lo sviluppo industriale, che generalmente si riferisce alla produzione e al consumo di sostanze chimiche, è associato all’emergere di fattori di rischio ambientale dovuti al rilascio industriale di sostanze chimiche pericolose nell’ambiente. Stimare i rischi per la salute associati all’esposizione ambientale è importante per la giustizia residenziale e per identificare strategie per ridurre il carico di malattia e le disuguaglianze di salute. Dalla metà degli anni ’70, c’è stata una crescente preoccupazione per i casi di cancro eccessivo tra i residenti che vivono nelle contee costiere degli Stati Uniti. Una delle maggiori preoccupazioni è l’impatto del rapido sviluppo dei complessi industriali petrolchimici (PICs), definiti come cluster di industrie che lavorano petrolio per derivarne prodotti chimici (United States Statistics Division (UNSD), 2008) sulla salute a lungo termine dei residenti nelle vicinanze. di queste aree. I processi di produzione petrolchimici sono diversi e di solito coinvolgono sostanze chimiche tossiche, come composti organici volatili, idrocarburi policiclici aromatici, bifenili policlorurati, etilene, propano, polivinilcloruro, benzene e metalli pesanti costituenti dei catalizzatori di processo.

L’esposizione a questi tossici tra i residenti che vivono vicino ai PIC può aumentare il rischio di tumori, in particolare i tumori respiratori come il cancro ai polmoni. Come uno dei tumori più comuni in tutto il mondo, il tumore polmonare ha tassi di incidenza globali di 36,75 e 17,41 per 100.000 maschi e femmine, rispettivamente, contribuendo a circa 682.000 casi a livello globale nel 2016 (Global Burden of Disease Collaborative Network, 2016). Oltre a noti fattori di rischio comportamentale, come il fumo e agenti cancerogeni ambientali naturali, come il radon, anche altri determinanti ambientali contribuiscono al cancro del polmone. A causa di problemi di salute pubblica, diversi studi hanno tentato di valutare se esiste un aumentato rischio di cancro ai polmoni nei residenti che vivono vicino a PIC, ma i risultati sono variati tra paesi e periodi di studio. Alcuni studi americani hanno anche riportato risultati coerenti di un’associazione tra rischio di cancro ai polmoni ed esposizione residenziale a PIC. Tuttavia, nessuno studio ha sistematicamente combinato i dati precedenti per esaminare quantitativamente il rischio di incidenza del cancro del polmone tra i residenti che vivono vicino a impianti petrolchimici.

L’ultima revisione aggiornata è stata pubblicata da un team di scienziati del Dipartimento di sicurezza e salute sul lavoro, College of Public Health della China Medical University. Una ricerca completa ha identificato 1306 articoli da sei database nella fase iniziale; i parametri scelti hanno ristretto le informazioni. I testi completi di dodici studi sono stati letti attentamente e quindi 6 sono stati esclusi dopo un’ulteriore revisione, lasciando 6 studi per l’analisi. Pertanto, l’analisi aggregata ha incluso sei articoli riguardanti 17 gruppi studiati. Questi 17 gruppi coprivano 466.000 persone che vivevano vicino a PIC in sei paesi: USA, Ecuador, Svezia, Israele, Italia e Serbia. Il periodo di studio ha riguardato 32 anni (1974-2006). La nostra ulteriore analisi di 9,64 milioni di residenti che vivono vicino a PIC in 22 paesi dell’UE ha mostrato che un totale di 972 casi di cancro al polmone erano attribuibili all’esposizione residenziale a PIC ogni anno. Attribuire fino all’1,63% dei tumori polmonari al semplice vivere vicino a impianti petrolchimici fa sorgere preoccupazioni in merito alla disuguaglianza residenziale, il che garantisce ai governi di adottare approcci avanzati per inquadrare e rafforzare le norme sulla qualità dell’aria per le aree circostanti i PIC.

I ricercatori hanno anche scoperto che le femmine esposte ai PIC hanno un rischio significativamente maggiore di cancro ai polmoni, mentre i maschi hanno una tendenza simile anche se non significativa. Precedenti studi hanno identificato che i fumatori di sesso femminile potrebbero essere più suscettibili al cancro del polmone, sebbene l’esposizione professionale potrebbe non avere un ruolo nelle differenze di genere. I risultati indicano generalmente che l’esposizione residenziale ai PIC può aumentare il rischio di cancro ai polmoni dei residenti. Inoltre, un periodo di studio sufficiente (≥7 anni) dopo che un petrolchimico è in funzione da 20 anni rende una stima significativa dell’incidenza del cancro del polmone tra i residenti che vivono vicino agli impianti. Questi risultati sono anche paragonabili al precedente presupposto che il periodo di latenza per la diagnosi del carcinoma polmonare di solito richiede da circa anni a decenni. Rispetto al nostro precedente studio che analizza il rischio di mortalità per tumore del polmone in prossimità di petrolchimici per 13 gruppi in quattro paesi, usando l’incidenza in quanto il risultato può ridurre la distorsione causata da altri rischi concorrenti, specialmente tra gli anziani. Inoltre, i dati sull’incidenza sono preferibili ai dati sulla mortalità perché evitano altri fattori che influenzano i tassi di sopravvivenza del cancro del polmone, come la qualità dell’assistenza sanitaria.

L’analisi della letteratura scientifica attuale suggerisce che un rischio significativamente più elevato di incidenza del cancro del polmone è associato alla vita in prossimità di PIC, in particolare tra le donne residenti in Europa. Lo studio entra in concordanza con i dati pubblicati l’anno scorso dallo stesso gruppo di ricerca eseguito su 4 nazioni ad alto tasso industriale. Secondo i ricercatori, strategie corrispondenti sono ora urgentemente necessarie per ridurre l’onere della malattia e affrontare i problemi di salute dovuti alla disuguaglianza residenziale.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lin CK, Hsu YT et al. Environ Int. 2018; 121:404-14.

Lin CK, Hung IY et al. Environ. Health 2017; 16(1):101.

Deziel N, Rull R et al. Environ. Res. 2014; 133:388–395.

Axelsson G et al. Sci. Total Environ. 2010; 408(20):4482.

Kaldor J et al. Environ Health Perspect 1984; 54:319-332.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2444 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments