Home MALATTIE MALATTIE CARDIOVASCOLARI Gli effetti della musica sull'ipertensione: forse il "canale" giusto di terapia?

Gli effetti della musica sull’ipertensione: forse il “canale” giusto di terapia?

Lo scienziato Oliver Sacks ha scritto: “La musica può perforare il cuore direttamente, non ha bisogno di mediazioni. L’inesprimibile profondità della musica”, (come la chiamava Sacks nel suo libro Musicophilia), è stata dimostrata prima di avere effetti curativi sul cuore”. Gli studi hanno suggerito che la musica può abbassare la pressione sanguigna, ridurre la frequenza cardiaca e alleviare il disagio delle persone che vivono con cardiovasculopatie. La ricerca medica conferisce credibilità alla sua osservazione, poiché la musica classica è nota per abbassare la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, conferendo effetto calmente. Tuttavia, un nuovo studio mostra che un po’ di “mediazione” da farmaci antipertensivi fa molto per aiutare il cuore a trovare il suo ritmo naturale e sano. La combinazione del potere calmante della musica con gli effetti dei farmaci antipertensivi sembra creare una bella sinergia che riduce la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna delle persone con ipertensione.

Alcuni recenti risultati sono stati ottenuti da un team internazionale di ricercatori che ha pubblicato sulla rivista Scientific Reports. Gli effetti confortanti della musica non si fermano qui. La musicoterapia ha dimostrato di aiutare il cuore a contrarsi e spingere il sangue in tutto il corpo, la musica classica e rock rende le arterie più elastiche e ascoltare musica durante l’intervento chirurgico aiuta ad abbassare la frequenza cardiaca a un ritmo più calmo. Considerati tutti questi effetti intriganti e positivi della musica sul cuore, potrebbe essere che la musica possa anche aumentare gli effetti positivi dei farmaci per la pressione del sangue? Su questa domanda ha indagato il team di Vitor Engrácia Valenti, professore nel Dipartimento di Patologia del Linguaggio del l’Università Statale di San Paolo in Brasile. Il gruppo ha studiato gli effetti della musica strumentale sulla frequenza cardiaca e la pressione sanguigna di 37 partecipanti che avevano assunto farmaci antipertensivi per un minimo di 6 mesi e un massimo di 1 anno.

Dopo aver preso i loro soliti farmaci per la pressione del sangue, i partecipanti hanno ascoltato la musica per 60 minuti usando gli auricolari. Il giorno successivo, hanno preso i farmaci come al solito, ma si sono seduti in silenzio con gli auricolari spenti per lo stesso tempo. Le canzoni che hanno ascoltato includevano versioni pianistiche strumentali di Adele “Someone Like You” e “Hello”, oltre a una versione strumentale di “Amazing Grace” di Chris Tomlin e “Watermark” di Enya. Il team ha misurato la variabilità della frequenza cardiaca a 20, 40 e 60 minuti dopo che i partecipanti hanno assunto la terapia per la pressione del sangue. Le frequenze cardiache dei partecipanti all’ascolto della musica sono diminuite significativamente di 60 minuti dopo l’assunzione di farmaci per la pressione del sangue, mentre quando non ascoltavano la musica, la frequenza cardiaca non rallentava affatto. Anche gli effetti dei farmaci sulla pressione sanguigna sono stati “più intensi” quando i partecipanti sono stati sottoposti a musica strumentale.

Uno studio diverso ha esaminato l’effetto della musica strumentale thailandese su una coorte ospedaliera di 120 pazienti ipertesi. Il gruppo di ascolto musicale è stato incaricato di ascoltare la musica folk strumentale thailandese una volta al giorno per un mese. Le misure di esito primario e secondario erano rispettivamente la pressione arteriosa domestica (giorno 0 e 30) e la pressione sanguigna in ospedale (giorno 0 e 120). Il risultato? La pressione arteriosa sistolica domestica e la pressione arteriosa diastolica nel gruppo di ascolto musica erano significativamente ridotte rispetto al basale (rispettivamente -9,5 mmHg e -6,0). Sia la sistolica domestica che la diastolica al 30 ° giorno del gruppo di ascolto della musica erano significativamente inferiori rispetto al gruppo di controllo (-6,0 mmHg e -3,15 mmHg) rispettivamente. Studi con altro tipo di musica popolare (es turca, africana, ecc.) hanno dato risultati simili per cui ci si è chiesto quali meccanismi potenziali potrebbero spiegare i risultati.

Gli scienziati sospettano che tutto dipenda dalle reazioni vegetative, avendo osservato che la musica classica attiva il sistema nervoso parasimpatico e riduce l’attività simpatica. Il sistema nervoso ortosimpatico è responsabile dell’accelerazione della frequenza cardiaca (mediata dall’adrenalina) e dell’aumento della pressione sanguigna, mentre quello parasimpatico fa l’opposto (per opera dell’acetilcolina). Quindi, oltre a innescare il sistema nervoso parasimpatico, i ricercatori ipotizzano che la musica stimoli anche l’attività intestinale, che a sua volta potrebbe facilitare e accelerare l’assorbimento dei farmaci per la pressione del sangue. Tuttavia, si pensa che ci siano fattori personali che potrebbero influire: altri fattori che possono influenzare la pressione sanguigna diastolica includono abitudini di consumo di thè, caffè o alcolici, livelli di trigliceridi o colesterolo, glicemia e peso corporeo. Sono necessari ulteriori studi ma ascoltare musica per gli ipertesi potrebbe rappresentare un modo semplice ed economico per gestire meglio la loro condizione.

  • a cura del Dr. Gianfracesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Astuti NF et al. BMC Nurs. 2019 Aug; 18(Suppl 1):36. 

Martiniano EC et al. Scientific Reports 2018; 8(1):958.

Wattanasoei S et al. J Ayub Med Coll Abb. 2017; 29(1):21.

Zhan HR et al. Chin J Integr Med. 2016; 22(9):696-703.

Kühlmann AY et al. BMC Cardiovasc Disord. 2016; 16:69. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI