Microbiota e sclerosi multipla: studio su come le ricadute si correlano con le variazioni batteriche

La sclerosi multipla (SM) è la malattia infiammatoria cronica più comune del sistema nervoso centrale (SNC). I pazienti manifestano una varietà di sintomi fisici e cognitivi, inclusa la disfunzione intestinale (>70%). A seconda delle recidive e / o dell’attività di risonanza magnetica (MRI), la SM è considerata attiva o non attiva. Le ricadute sono presumibilmente provocate da cellule immunitarie adattive che si infiltrano nel sistema nervoso centrale, con conseguente infiammazione focale e perdita di mielina. L’accumulo di disabilità indipendente dalle recidive è indicativo di progressione, principalmente a causa della degenerazione assonale. Si è pensato di coinvolgere le interazioni gene-ambiente. Un ruolo modulante del microbiota intestinale è stato proposto a causa del suo potenziale per influenzare lo sviluppo/fisiologia del cervello, regolare l’immunità e aumentare le probabilità di malattie autoimmuni murine specifiche del SNC. I pazienti con SM recidivante-remittente (RRMS) hanno ripetutamente dimostrato di avere una composizione del microbiota alterata rispetto ai controlli sani; tuttavia, i taxa identificati differivano tra gli studi. La maggior parte degli studi erano su piccola scala e rappresentavano pochi fattori confondenti.

Tuttavia, sono stati recentemente identificati più di 60 covariate che influenzano la composizione microbica, tra cui la consistenza delle feci ha avuto la maggiore dimensione dell’effetto sui marker primari del microbioma. Sebbene la disfunzione intestinale sia prevalente nella SM, questa non è mai stata controllata fino ad oggi. Controllando tali confondenti, un team delle Università di Bruxelles e di Anversa, in collaborazione con il Centro Nazionale di Sclerosi Multipla di Melsbroek, in Belgio, ha condotto uno studio trasversale in una coorte di pazienti con SM e controlli sani, inclusi pazienti con SM presunta alta (RRMS attiva) e basso grado di infiammazione focale del SNC (SM benigna o BMS) e malattia progressiva primaria non attiva (PPMS). Allo scopo di influenzare il meno possibile il microbiota dei pazienti tramite terapia orale, sono stati ammessi allo studio solo coloro che eseguivano terapia endovenosa con interferone beta. Alla fine sono stati arruolati 118 pazienti e 30 controlli sani.  Nessuna misura della diversità microbica dell’intestino differiva significativamente tra SM e controlli sani. Tuttavia, le letture multiple del microbioma differivano tra i sottogruppi della SM. In secondo luogo, un’alta percentuale di pazienti con SM aveva un enterotipo definito B2.

Questo è stato più pronunciato in pazienti con RRMS sotto trattamento interferonico e con RRMS ricaduta nel periodo di studio, il che suggerisce un’associazione con presunta attività infiammatoria più alta. Tuttavia, le distribuzioni enterotipiche dei pazienti con RRMS non trattata e la forma benigna non erano significativamente diverse, anche se differivano nell’attività infiammatoria attività della malattia. Questa è la prima volta che gli scienziati scoprono un enterotipo associato a (un sottogruppo specifico di) pazienti con sclerosi multipla. Chiaramente differenze dei cosiddetti taxa batterici ne sono state trovate. In accordo con studi nei topi di laboratorio, i ricercatori hanno registrato differenze nel RuminococcusMethanobrevibacter, Faecalicoccus e Gemmiger. Mentre le abbondanze di Alistipes e Anaerotroncus riflettono i risultati in un modello di topo PPMS, lo studio è il primo a trovarli differenzialmente abbondanti nella RRMS. L’abbondanza di butirricicocco era inferiore nella SM rispetto al gruppo sano totale. Questa abbondanza di butirricicocco inferiore nella PPMS potrebbe essere spiegata dal ruolo meno rilevante dell’attività della malattia infiammatoria focale.

Il Butyricicoccus è un genere che forma spore dal cluster Clostridium IV noto per la produzione di acidi grassi a catena corta, che può iniziare effetti anti-infiammatori attraverso l’induzione dei lnofociti T regolatori. Attraverso questo meccanismo il microbiota intestinale potrebbe contribuire alla patogenesi della sclerosi multipla. La relazione tra enterotipi e fenotipi della SM e interazione tra IFN-beta e B2, è un punto che il team ha intenzione di fare in futuro. Infine, l’abbondanza di butirricicocco è stata inversamente correlata al carico patologico corretto per l’età e alla disabilità auto-segnalata. Considerato anche il fatto che il butirricicocco è risultato ben tollerato dopo somministrazione umana (in forma di integratore probiotico), i ricercatori credono che il butirricicocco possa essere il promettente nuovo bersaglio nella SM.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Reynders T et al. Ann Clin Transl Neurol 2020 Mar 12.

Reich DS et al. New Engl J Med 2018; 378:169–180.

Cox LM, Weiner HL. Neurotherapeutics 2018; 15:135.

Berer K et al. Proc Natl Acad Sci USA 2017; 114:10719.

Jangi S, Gandhi R et al. Nat Commun 2016; 7:12015.

Miyake S, Kim S et al. PLoS One 2015; 10:e0137429.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments