Pappa piastrinica: come per l’artrosi del ginocchio, sembra sicura che per l’artrite reumatoide

L’artrite reumatoide (AR) è una malattia infiammatoria cronica articolare che comporta danni alla cartilagine. L’AR condivide caratteristiche come la degradazione della matrice cartilaginea e il rimodellamento progressivo delle articolazioni con osteoartrite (OA), mentre le articolazioni OA presentano un’infiammazione predominante. (suggerisce una patologia di base condivisa in RA e OA. Diverse citochine, chemochine, proteasi, molecole di adesione cellulare e fattori angiogenici sono comuni nei processi patologici in RA e OA. L’angiogenesi (formazione di nuovi vasi) è evidente nella sinovia delle articolazioni colpite in entrambe AR ed OA e la ridistribuzione dei vasi sanguigni nei tessuti sinoviali può compromettere il metabolismo della cartilagine e peggiorare la condropatia. L’AR può spesso coesistere con l’OA. La risposta alle terapie differisce nell’AR e nell’OA: farmaci antiinfiammatori (FANS), analgesici e gli steroidi sono usati in entrambe le condizioni, gli agenti biologici riducono in modo più convincente l’infiammazione e l’angiogenesi nell’AR rispetto all’OA. I farmaci biologici antireumatici modificanti la malattia (bDMARD) che prendono di mira i componenti immunologici chiave della patologia della malattia hanno trasformato la gestione dell’AR. Tuttavia, la risposta clinica per i bDMARDs è variabile e incoerente.

Rimane una continua ricerca di terapie mirate all’infiammazione articolare e quindi inibire l’angiogenesi sinoviale e prevenire danni alla cartilagine sana. Una di queste potrebbe essere la pappa piastrinica. Il plasma ricco di piastrine (PRP) è un campione di sangue autologo che ha piastrine altamente concentrate e diversi fattori di crescita cellulare. Il PRP può aiutare a ripristinare la morfologia e la microarchitettura della cartilagine a causa della sua azione sulla proliferazione delle cellule sinoviali e sulla differenziazione e inibizione dei fattori infiammatori nelle articolazioni. Il PRP è un volume di frazione plasmatica di sangue autologo con concentrazioni piastriniche al di sopra del basale. Non esiste una concentrazione uniforme di piastrine stabilita per PRP; le concentrazioni sono riportate tra 300.000 e 1.000.000 di piastrine / μL. Il PRP ha diverse applicazioni cliniche nella guarigione delle ferite e nella rigenerazione dei tessuti. Sebbene il PRP abbia dimostrato una buona efficacia nell’OA e in altre condizioni muscolo-scheletriche come epicondilite e tendinopatia, esiste un’esperienza limitata per l’uso del PRP in pazienti con artrite reumatoide. RA condivide caratteristiche come erosione articolare e l’infiammazione con l’osteoartrite, una condizione in cui sono riportati i benefici del PRP.

Il numero di piastrine è correlato all’attività reumatoide e il PRP regola la migrazione, l’invasione e l’adesione dei FLS sulla matrice extracellulare. Sono stati riportati benefici clinici del PRP per diverse condizioni muscolo- scheletriche tra cui tendinopatie, difetti ossei e altre patologie articolari. La pappa di piastrine è stata valutata per l’artrosi sintomatica del ginocchio, dove ha dimostrato effetti benefici in questa condizione, facilitando la riparazione dei tendini, delle articolazioni e l’eliminazione dell’infiammazione. La recensione più recente della letteratura riguardo all’artrite reumatoide parla di una prova clinica condotta su un numero molto limitato di pazienti, tale da essere definito uno studio pilota. Quattro pazienti con una forma di artrite reumatoide confermata e resistente a steroidi e bDMARD, hanno ricevuto iniezioni (totale 4ml) di pappa piastrinica in forma intra-articolare. Tre dei quattro pazienti ne hanno beneficiato in modo rapido, con miglioramento della sintomatologia dolorosa entro 4 settimane, per l’altro paziente ci sono voluti tempi più lunghi. Questo vuol dire che le piastrine hanno agito sull’infiammazione, in virtù della loro capacità di secernere fattori cellulari anti-infiammatori.  Non sono state osservate reazioni avverse nel giro di 5 mesi come periodo di follow-up medio (2-12 mesi) nei quattro pazienti che hanno ricevuto un trattamento intra-articolare con PRP.

Una simile sicurezza della pappa piastrinica è stata riportata nella discopatia e nelle lesioni meniscali degenerativa nel ginocchio. Non ci sono seri eventi avversi segnalati per il PRP in letteratura. Questa sicurezza può essere spiegata benissimo dall’origine autologa di piastrine, ovvero dallo stesso paziente. In teoria, non vi è alcun rischio di reazioni immunogeniche e non sono stati segnalati effetti sistemici. Sono state avanzati alcuni meccanismi per cui le piastrine attivate possano esercitare questi effetti rigeneranti. Sicuramente il ruolo dei fattori di crescita posseduti da queste cellule è centrale, poiché il fattore di crescita derivato dalle piastrine (PDGF-alfa) e suoi congeneri (CTGF, EFG, VEGF, ecc.) hanno una funzione di promozione della crescita cellulare e soppressione delle citochine infiammatorie tipiche della malattia (specie IL-6 e TNF-alfa). Questo piccolo studio pilota suggerisce, tuttavia, un ruolo benefico del PRP nei pazienti con AR, in particolare sui pazienti che falliscono la terapia con uno o più di altri agenti. Tuttavia, questi risultati dovrebbero essere confermati in studi clinici ben pianificati per la RA. Inoltre, dovrebbero essere condotti studi per comprendere l’impatto del volume della pappa, la concentrazione piastrinica, la gravità dell’AR e altre condizioni salute ove presenti simultaneamente nei pazienti.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Badsha H et al. Case Rep Rheumatol 2020; 2020:8761485

Chahla J et al. J Bone Joint Surg 2017; 99(20):1769–1779.

Cole BJ, Karas V et al. Am J Sports Med 2017; 45:339–46.

Yan S, Yang B et al. Mol Medicine Rep 2016; 14:2269–75.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments